`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´

Autore disco:

Nicola Guazzaloca // Francesco Guerri

Etichetta:

Amirani Records (I) // Autoproduzione (I)

Link:

www.amiranirecords.com
francescoguerri.tumblr.com

Email:

Formato:

CD // CD-R

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

Parte prima: 1) Suggerimenti per ammansire una minuscola mietitrebbia 2) Notturno transito della memoria 3) Possono vederti 4) Suggerimenti per scontornare le rondini 5) Riflessi di salice e lillà 6) Piccoli animali senza espressione 7) Alcune foto si muovono quando non le guardi 8) Alcuni modi per inimicarsi i benpensanti A 9) Alcuni modi per inimicarsi i benpensanti B; Parte seconda: 10) Tecniche arcaiche 11) Fuga delle puntine 12) Sul naso del toro / un fiorellino rosso 13) Avventura nella bottiglia 14) Non conosci l’educazione? 15) Qualcuno ti segue dappertutto 16) Qualcuno ti precede dappertutto 17) Dichiarato indesiderabile 18) Finta di niente; Parte terza: 19) Improvvisazione (live) // 1) Viola 2) Maddalena 3) Improvisation N° 1 4) In Palpable Form 5) Nagel 6) DHPPEE 7) Improvisation N° 2 8) Macbeth

Durata:

50:35 // 34:51

Con:

Nicola Guazzaloca // Francesco Guerri

coppia d’assi

x Zita Osservanza (no ©)

Guazzaloca e Guerri, al di là di una ‘Gu’ e di qualche proscenio condivisi, sono due musicisti molto affini per intenti e propositi. A iniziare dalla circostanza che il primo suona il pianoforte e il secondo il violoncello, che per etereogeneità e gamma timbrica può ben essere considerato come il pianoforte degli strumenti a corde. Condividono una formazione che ha radici nel jazz ma si espande in più direzioni, dalla classica contemporanea al folk e dall’improvvisazione non idiomatica al rock. Oggi li trovate gemellati nella pubblicazione della loro opera prima in veste di esploratori solitari sulle possibilità offerte dai rispettivi strumenti, che sembrano ben al di là dall’essere totalmente setacciate. Le preparazioni, l’elettricità, l’elettronica, le tecniche esecutive, l’utilizzo di oggetti e archetti particolari in veste di accessoriato sembrano essere elementi in grado di offrire infinite variazioni sul tema, soprattutto quando i due strumenti non concorrono a elaborare partite d’insieme ma sono soggetto di giocosi solitari, come avviene in questo caso.

Guazzaloca, bolognese verace come le tagliatelle ma fatto d'altra pasta rispetto all'ex sindaco, ha diviso il suo CD in tre parti, sia nel riuscito tentativo di presentare una propria immagine al fish-eye e sia nel tentativo di dare coerenza a materiali basilarmente troppo disomogenei. "Tecniche arcaiche" va quindi letto come tre CD, o mini-CD, in uno. La prima parte è suonata essenzialmente all’interno della cassa armonica, anche con l’ausilio di oggetti, e rappresenta la porzione di disco più informale, giocosa e giocattolosa. I nove titoli della seconda parte sono altrettante brevi e spiritate miniature – con l’eccezione di Tecniche arcaiche e Avventura nella bottiglia che si aggirano intorno ai cinque minuti - tutte scolpite sulla tastiera: decisamente fra new thing e musica contemporanea, ma con un piede e mezzo nella prima e solo mezzo nella seconda. Seguono le cascate di note della maratona finale, nove minuti di scorribande sulla tastiera registrati in pubblico, unico momento pragmaticamente definito come Improvvisazione (live) e unico momento più religiosamente jazz, del quale si porta appresso tutto lo spirito diabolico. Il brano, oltre che per struttura, differisce anche per la sua classificazione concreta che cozza con la fantasiosa e surreale vena ‘angelesca’ che aveva suggerito i titoli precedenti.

Guerri, invece, non si pone affatto il problema di raddrizzare nessuna stortura, dal momento che il suo disco appare fin troppo omogeneo, dove i titoli scelti mi fanno pensare a un'azione di resistenza libertaria in un regime di socialismo reale. Attento alle strutture, ma anche alle colorazioni, il violoncellista cesenate si avvale delle preparazioni per creare un suono disturbato e gravido di intrecci. A tratti violentemente roccioso, altre giocosamente frizzante, sempre ombroso e umorale, vale la pena di riportare quanto scritto su di lui in occasione del festival “Isole che parlano” del 2012: «Il solo di Francesco Guerri rappresenta un’importante sintesi, una musica con radici che si snoda tra songs e parti libere, sonorità sulla soglia del rumore e squarci melodici di intensità autunnale. Il tutto convive armoniosamente nei tessuti delle trame improvvisate. La musica fluttua tra improvvisazione e strutture, sempre rispettando le possibilità di movimento tra un piano e l’altro. Guerri ha avuto modo di eseguire ed esplorare il repertorio della musica classica contemporanea. Ma in questo contesto il violoncellista usa il termine contemporaneo per parlare di rock, musica elettronica, dance, pop etnico, minimalismo». Sono così ben discernibili le sue frequentazioni sia con Nicola Guazzaloca, nel duo Nestor Makhno, sia con la popessa rock Carla Bozulich.

Due dischi da acquistare senza esitazioni.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 5/12/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´