`Moondog Mask´

Autore disco:

Hobocombo

Etichetta:

Trovarobato Parade / Tannen Records (I)

Link:

www.trovarobato.com/
www.hobocombo.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Theme And Variations 2) Desert Boogaloo 3) East Timor 4) Utsu 5) Canon #6 vivace 6) Canon #18 adagietto 7) Baltic Dance 8) Response 9) The Old Serge And The Flutes 10) To A Sea Horse 11) Five Reasons

Durata:

42:44

Con:

Andrea Belfi, Rocco Marchi, Francesca Baccolini, Nils Ostendorf, Simon James Phillips

magnetico

x Roberto Municchi

Dopo il primo splendido album del 2010, “Now That It’s The Opposite”, basato interamente sulle composizioni di Moondog, gli Hobocombo tornano, anche se soltanto per cinque degli undici pezzi qui contenuti, sulle tracce del musicista newyorkese, come suggerisce l’esplicito titolo del nuovo albo, “The Magnetic Sound Of Hobocombo Presents Moondog Mask”.
Vi è una caratteristica nella musica degli Hobocombo che me li fa pensare di una categoria superiore: la capacità di rivestire i brani, sia in studio che dal vivo, di un incredibile groove sempre in bilico tra sognante psichedelia e stravagante eleganza. Per questo motivo amo incondizionatamente il loro lavoro, nonostante la mia passione per la musica di Moondog sia tutt’altro che intensa. Francesca Baccolini, Andrea Belfi e Rocco Marchi buttano ancora una volta il cuore al di là dell’ostacolo, andando decisamente oltre il semplice omaggio al vichingo e modellando la materia al punto che i pezzi firmati Moondog si mischiano con quelli autografi in una soluzione di continuità talmente compatta e omogenea che pare tutta farina del loro sacco.
Scorrendo tra i titoli delle canzoni, osservando la copertina, ascoltando ogni singolo frammento di “The Magnetic Sound Of…”, ci troviamo proiettati in un viaggio metaforico verso altri mondi, verso un immaginario esotico e fantastico, verso universi lontani che la loro musica ci porta davanti ai nostri occhi.
Ci sento dentro l’innocenza dei primi esperimenti elettronici in ambito pop, l’ironia dei suoni della incredible strange music, la genialità dei grandi compositori italiani di colonne sonore, la classe di Robert Wyatt che si materializza nella bella cover di East Timor, ma soprattutto la forte personalità di questo trio che dirige il tutto in maniera impeccabile.
Il viaggio inizia con Theme And Variations, le coordinate spazio-temporali sono Maracalagonis 1967, Manhattan 1953, Neukolin 2012, il clima è natalizio; in Desert Boogaloo, temi squilibrati e tormente sonore vanno a confondersi con i suoni misteriosi del deserto tra America e Messico; Utsu sono i tamburi africani in mano a bambini curiosi; Canon#6 e Canon#18, yin e yang; in Baltic Dance, l’immaginaria danza di un popolo nordico incrocia i Pink Floyd watersiani; Response è un improbabile kraut-blues da salotto; The Old Serge And The Flutes, “dialogo impossibile, eppure così timbricamente coerente” tra uno zufolo e un sintetizzatore, è un breve frammento che introduce To A Sea Horse, brano scattante e saettante tra eruzioni western, erezioni flamenco e improvvisazioni psichedeliche; Five Reasons, il brano più strutturato e ambizioso del disco, in cui energia ed eccentricità vanno di pari passo, riporta l’ascoltatore alla base.
Un disco (e un gruppo) che fa sognare, che accarezza e stordisce, e ci lascia un po’ confusi come quando, da bambini, fantasticando sul futuro o guardando quei vecchi film di fantascienza, ingenui e un po’ bizzarri, cercavamo di immaginare come sarebbe stato il mondo nel 21° secolo.
Veramente magnetico.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/8/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´