`Arriving Angels´

Autore disco:

Helen Money

Etichetta:

Profound Lore Records (CDN)

Link:

www.profoundlorerecords.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Rift 2) Upsetter 3) Beautiful Friends 4) Radio Recorders 5) Midwestern Nights Dream 6) Arriving Angels 7) Shrapnel 8) Runout

Durata:

40:28

Con:

Alison Chesley, Michael Friedman, Jason Roeder, Dennis Luxion

buone nuove dal pianeta rock

x Harry Vato (no ©)

Al di la dei vari revival, del vintage, delle cover band mascherate da band originali, dei nipotini dei nipoti... al di la di tutto ciò, che può sembrare novità senza esserlo, la musica rock sembra resistere… e quale miglior segnale di questa resistenza se non Helen Money, una voce veramente nuova e innovativa in grado di interpretare una variante moderna del rock stesso. Del miglior rock, direi, che si perpetua pienamente nella sua musica, attraverso un suono chitarristico, pur nell'assenza di chitarre, e attraverso un'autentica bordata di elettricità, supportata dall'utilizzo creativo di volumi e distorsori. Memorie - solo memorie, attenzione! - di Black Sabbath (Rift), Cream e Who (Arriving Angels), Melvins (Shrapnel)…. La modernità è invece insita nell'essenza di una one-band-woman che, attraverso loop e/o diavolerie simili, suona come una band. Quella di “Arriving Angels” è una Helen Money più riflessiva, almeno in riferimento al precedente “In Tune”, addirittura disposta a ricevere talvolta sostegno da un batterista (Jason Roeder dei Neurosis), da un pianista jazz di larghe vedute (Dennis Luxion) e da un guastatore elettronico (Michael Friedman). Una riflessività che trova conferma anche nella scelta di riprendere un brano del primo Pat Metheny, Midwestern Nights Dream, ma che non va mai a discapito di una potenza in grado di farla apprezzare perfino nei circuiti dell'heavy metal. Caratteristica basilare restano comunque i cambi repentini di ritmo, d’atmosfera e di volume. La presenza di Albini alla consolle non rappresenta, come troppo spesso è avvenuto negli ultimi anni, né una concessione alle mode né il frutto di un'operazione valutata a tavolino, ma si tratta unicamente un elemento funzionale e, soprattutto, è conseguenza di una collaborazione e di una sintonia che va ormai avanti da anni, durante i quali Helen Money ha spesso aperto i concerti degli Shellac, mentre il suo stesso disco precedente veniva registrato negli studi dell’ex Big Black.
Per il resto c'è poco da aggiungere, se non che l'elettricità e il rumore mal celano una raffinatezza di fondo impossibile da arginare totalmente.
L'eccellente artwork, finalmente degno della proposta musicale di Helen Money, è firmato da quello Steve Byram che in passato aveva curato le confezioni di album piuttosto celebri quali “Reign In Blood” e “License To Ill”.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/4/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´