`Una Nessuna Centomila´

Autore disco:

Una

Etichetta:

MArteLabel (I)

Link:

www.martelabel.com
www.marziastano.it
www.youtube.com/watch?v=r2U8_PJ1caY
www.youtube.com/watch?v=ZOGx9luZQdI
www.premiofabriziodeandre.it/home.html

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Come il mare 2) Contraria 3) Qui ed Ora 4) Molto bello 5) Lezione di storia dell’arte 6) Farfalle 7) Fuori di testa 8) Non è colpa delle rose 9) Stiamo Bruciando 10) Oggi è un bel giorno

Durata:

33:25

Con:

Marzia Stano, Lucio Morelli, Gianni Masci, Giacomo Fiorenza, Andrea Mancin, Nicola Negrini

Una nuova cantautrice o, meglio, Una cantautrice nuova

x Paulo Cesar Jose Paulista (no ©)

Dopo Jolaurlo, tre notevoli album di synth-punk nel cestello (“D’istanti”, “InMediatamente” e “Meccanica E Natura”), Marzia Stano ricomincia da zero. Meglio, ricomincia da Una.
Geniale il moniker e geniale il titolo del disco, “Una Nessuna Centomila” (Pirandello docet).
Geniale è pure la campagna promozionale al disco a base di concerti casalinghi ed altri piccoli accorgimenti (andate a spulciare nel suo sito personale). Sono sempre stato convinto che dietro a un’impostazione e a una campagna promozionale azzeccate, intelligenti e interessanti (da non confondere con le campagne promozionali aggressive, artefatte, messe in piedi a tavolino da promoter truffaldini, e realizzate investendo fior di quattrini), è mia convinzione che dietro a una cosa di questo tipo deve esserci un disco con le stesse caratteristiche. È quindi con molte aspettative che mi sono avvicinato all’ascolto di “Una nessuna centomila”, e devo dire che le mie aspettative non sono affatto rimaste deluse. Tutt’altro.
Questo disco è il tentativo ad oggi più riuscito di commissionare la tradizione rock, specialmente quella made in italy, con la tradizione cantautorale italiana, il tutto rapportato a un’ottica squisitamente moderna. Aggiungo che non possiamo considerare propriamente cantautori i vari Vasco Rossi, Jovanotti, Ligabue, Gianna Nannini… esponenti caso mai di un filone rock cantato in italiano che in tarda età si sono avvicinati infine alla tradizione cantautorale affrontandola in modo alquanto tradizionale. Se un paragone vien da farsi, eventualmente, è quello con il caro Battisti e, come nel caso di cotanto celebre esempio, Marzia Stano ha tutte le carte in regola per diventare un simbolo generazionale (Come il mare, Contraria, Lezione di storia dell’arte, Fuori di testa, Oggi è un bel giorno…).
Non mancano i possibili accostamenti con il passato (Farfalle può far pensare a È dall’amore che nasce l’uomo o Per fare un uomo, Molto bello, Qui ed Ora e Non è colpa delle rose ad Antonella Bottazzi, Stiamo Bruciando a Fossati), questo per quanto riguarda i testi e la struttura di alcune canzoni, ma i suoni, gli arrangiamenti e, soprattutto, la tendenza di Marzia a plasmare e piegare le parole, a farle suonare come vuole lei e non come vuole la grammatica, appartengono senza dubbio alla tradizione rock.
Gli ultimi dispacci diramati dalla cantaUnautrice ci informano di una personalissima reinterpretazione de Il lavoro di Ciampi e della partecipazione come finalista al premio Fabrizio De Andrè 2013 (il 7 Dicembre a Roma).
Grandissima.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/7/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´