`Mezzanota´

Autore disco:

Chiara Jerì e Andrea Barsali

Etichetta:

Autoproduzione (I)

Link:

www.mezzanota.com

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) La ballata della ginestra 2) La donna cannone 3) Amore mio, hai ragione 4) Canzone seconda 5) Notturno dalle parole scomposte 6) Innesco e sparo 7) A goccia a goccia 8) Fino all’ultimo minuto 9) Vorrei

Durata:

45:22

Con:

Chiara Jerì, Andrea Barsali

cantautorato classico in grande stile

x Cristiano Uora (no ©)

Una voce dai colori drammatici, comunque ricca di sfumature, sulla tradizione di Milva, Alice, Mannoia... e, a fare da contrappunto, gli arpeggi eleganti e incisivi di una chitarra.
“Mezzanota” si inserisce nella saga infinita del cantautorato italiano e contiene nientemeno, a fare da faro, il rifacimento di La donna cannone, una di quelle canzoni troppo perfette per essere vere (cosiccome Sapore di sale, Albergo a ore, Albachiara, 4 marzo 1943, Baciami ancora, Emozioni… a voi il compito di individuarne altre…). Può sembrare facile reinterpretare canzoni di simile taglia, ma la realtà è ben diversa e il rischio di dare vita a un'inutile brutta copia dell’originale incombe sinistra.
Questo rischio è abilmente schivato da Chiara Jerì che, oltre a dare giusta voce al personaggio femminile della canzone, manomette oculatamente la punteggiatura.
Canzone seconda (di Pippo Pollina) e Fino all’ultimo minuto (del primo Piero Ciampi) sono titoli meno conosciuti (e, rispetto al De Gregori, pure gli autori sono meno conosciuti), ma l'attitudine della cantante a personalizzare il materiale si ripropone in tutta la sua forza.
D'altronde sembra che la Jerì, toscana di origini calabresi, si sia fatta le ossa interpretando i classici scritti dai cantautori italiani dotandosi quindi di una buona scafatura che le permette agevolezza interpretativa senza correre mai il rischio di assomigliare a una cover-woman.
Ne è prova la vittoria al concorso “Un notturno per Faber” del 2009 con uno dei primi testi-canzone di sua scrittura, il Notturno dalle parole scomposte incluso in questo CD.
Di alto livello anche le altre sue canzoni, cinque + la coda non segnalata nelle annotazioni, a rendere il disco una sorpresa di razza omogenea. Un grosso contributo all'ottimo risultato è certamente dato sia dal chitarrista Andrea Barsali sia dall'autore delle musiche Maurizio Di Tollo, quest'ultimo è un batterista migrante, anche compositore e arrangiatore, che ha all'attivo un raccolto inversamente proporsionale alle sue capacità, alle sue qualità e alla mole di lavoro che ha svolto (a proposito della premiazione al concorso citato sopra commenta: «Per chi nella vita non ha mai vinto nemmeno un Boero, arrivare primo in un concorso così bello, per tipologia, per il poeta al quale è dedicato, per la possibilità di mettere mano alle idee postume di De André non è solo un bel colpo, è travolgente.»).
Voglio infine segnalare, quale valore aggiunto, l’impressione di sobrietà che accompagna i tre quarti d’ora del disco e che troppo spesso venne meno nelle pagine dei padri storici.
E che dire del retro di copertina che ci catapulta due passi dopo il Neil Young di “After The Gold Rush”….


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/5/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´