`This Place / Is Love´

Autore disco:

Antoine Beuger & Michael Pisaro

Etichetta:

Erstwhile (USA)

Link:

www.erstwhilerecords.com/
www.timescraper.de/texts.html

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) This Place / Is Love

Durata:

75:58

Con:

Antoine Beuger, Michael Pisaro

Poesia/Spazio/Presenza

x Ciro Fioratti

Un incontro storico sotto diversi punti di vista.
Amici e colleghi di lunga data, Beuger e Pisaro sono due capisaldi dell'esperienza concettuale e sonora racchiusa sotto il nome Wandelweiser.
Suono, spazio, ascolto, durata, silenzio sono al centro dei loro lavori e ne determinano la struttura, la realizzazione e l'ascolto.
In questo nuovo ultimo lavoro per la superba Erstwhile la coppia distilla qualche cosa che va oltre la classica ricerca musicale; la mia prima (e tuttora valida) impressione è che “This Place / Is Love” abbia moltissimi punti in comune con la poesia.
E si scopre che il modo migliore per approcciare il disco è perfettamente suggerito dalle sognanti immagini e dalle magnifiche note di copertina (una volta tanto pensata non solo come elegante involucro).
L'intenzione è quella di rappresentare l'innocente, paziente e curiosa ricettività nascosta (o dimenticata?) nella mente umana; qualcosa che assomiglia alla visione delle cose che si ha non appena svegliati da un sonno profondo.
E così il suono è accettato nella sua piena compiutezza, lo spazio si dilata, l'ascolto si fa sogno e la durata è assaporata come paziente e positiva attesa degli eventi (che non mancano).
La voce è uno degli elementi primari del brano: calma e dolce come una ninna nanna ma, allo stesso tempo, talmente lenta nello scandire le parole che rasenta l'inumano: quasi che la poesia parlasse da sè, più che essere recitata.
Altro ingrediente solo apparentemente secondario ma determinante è il suono di una pesante porta, che si apre e chiude ad intevalli irregolari, ma che denota la presenza umana in questo particolare spazio sonoro: sentirla sbattere improvvisamente dopo minuti di apparente silenzio obbliga a riflettere su quanto lo stesso silenzio possa contenere anche 'presenza', magari non umana o immediatamente percepibile (c'è qualcun altro in questo spazio? Sono presente fisicamente come persona in quello spazio o sto solo ascoltando quel che lo spazio stesso ascolta?).
Ed ecco che una buona parte del testo recitato (o recitante) ha come oggetto le possibilità di lasciare 'tracce', recepibili o meno, volontarie o inconscie in un determinato spazio / tempo.
Questo splendido disco mette alla prova l'ascoltatore anche riguardo a questi ulteriori interrogativi rivelando preziosi particolari ascolto dopo ascolto e lasciando 'tracce' dentro di noi.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/5/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´