`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´

Autore disco:

Florian Wittenburg

Etichetta:

Nurnichtnur (D)

Link:

www.floriawittenburg.com
www.nurnichtnur.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2011 // 2012

Titoli:

1) Nuageux II 2) Chaos Baart Harmonie 3) Noisy Knifes + Gong 4) Aliasing Bell Pattern 5) Nuageux IV // 1) Patterns In A Chromatic Field I – IM Morton Feldman 2) Patterns In A Chromatic Field II – IM Morton Feldman 3) Patterns In A Chromatic Field III – IM Morton Feldman 4) Patterns In A Chromatic Field IV – IM Morton Feldman 5) Three Drones I 6) Sol Meets John I 7) Sol Meets John II 8) Three Drones II 9) Chords In Slow Motion 10) Three Drones III

Durata:

44:52 // 71:24

Con:

Florian Wittenburg // Florian Wittenburg, Nico Huijbregts, Daan Vandewalle

magari quelli che reputo difetti per qualche lettore sono pregi

x e. g. (no ©)

Florian Wittenburg è un compositore tedesco, ma sarebbe più esatto definirlo teutonico. Sì, lo so che tedesco e teutonico sono quasi sempre usati come sinonimi…. In realtà teutonico si riferisce ai Teutoni, popolazione germanica certamente più primitiva di quella odierna, e rende sicuramente meglio l'idea di quella stessa inclemenza espressa in modo più dispregiativo da termini quali crucco e/o kraut.
La musica di Wittenburg soffre di rigidezza, rigore, meccanicità, e non voglio affermare il falso scrivendo che non apprezzo mai simili caratteristiche che, quando volute e ricercate, se non addirittura esagerate, offrono i loro motivi d'interesse e finiscono, se non con il conquistarmi totalmente, con il coinvolgermi comunque nell’ascolto.
È quando queste caratteristiche sono frutto di una predisposizione naturale, quando non sanno sprigionare la necessaria ironia, che finiscono con il risultarmi particolarmente indigeste.
Quando, in concreto, la tecnica soffoca e uccide il sentimento.
È un po' lo stesso effetto che mi fanno tutte quelle musiche molto tecniche, da certo hip-hop al black metal, che estremizzando certe loro caratteristiche di sostanza e d'immagine finiscono con il prendersi troppo sul serio.
Facendo un paragone con Morton Feldman, dal momento che viene citato in uno dei due dischetti, direi che la poetica, la dolcezza e la grazia del compositore americano vanno, nel nostro caso, quasi completamente a farsi friggere.
Ma superato questo scoglio, una critica riguardante più l'attitudine che l'aspetto compositivo e interpretativo, i due CD si fanno comunque ascoltare e contengono anche qualche motivo d'interesse.
Nel primo di essi, quello elettronico, il primo, terzo e quinto brano sono basati su campioni da uno strumento costruito da tal Stephan Froleyks, detto Messertisch, mentre il secondo è basato sempre su campioni tratti però da una scultura sonora di Willem Fermont, nominata come Tompret and the Bard. Aliasing Bell Pattern sembrerebbe essere, invece, una composizione elettronica tout court. L'attenzione principale va rivolta ai due inventori e alle loro creazioni, Messertisch e Tompret and the Bard, laddove i brani non si discostano, e non presentano alcuna particolare originalità, rispetto ai (troppo) numerosi lavori elettronici ascoltati da qualche anno a questa parte. E qui si potrebbero citare varie opere tratte dai cataloghi Mego e/o Trente Oiseaux.
L'altro CD è dedicato a composizioni per pianoforte. Le prime quattro, quelle in memoria di Morton Feldman, sono eseguite dall'autore stesso. Sol Meets John I, Sol Meets John II e Chords In Slow Motion sono invece affidate alle mani di Daan Vandewalle. Nei tre Drones è invece Nico Huijbregts che, con l'aiuto degli archetti, sfrega anche le corde all'interno della cassa armonica aggiungendo, in tutti e tre i brani, il bonus di proprie parti improvvisate.
In questi ultimi sei brani vengono meno i motivi del mio biasimo, dacché sia Nico Huijbregts sia Daan Vandewalle mostrano un tocco meno spavaldo, più adatto a mettere in rilievo la fantasiosa bellezza sprigionata dai contrasti fra suono e spazi vuoti e fra suono primario e risonanze. Questo soprattutto nei tre primi brani citati mentre i bordoni dei Drones sembrano un po' cozzare con lo svolgimento armonico dettato sulla tastiera.
L'impressione globale è dunque quella di un Wittemburg più a suo agio come compositore che come strumentista-esecuture.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/1/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´