`Ujamt / Harmony Hammond´

Autore disco:

Nils Rostad

Etichetta:

Solar Ipse (I)

Link:

solaripse.altervista.org

Email:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) A Hymn 2) På Fjellet 3) Bulgarian Ferry 4) 1979 5) Hvor Som Helst 6) Woapp 7) Oppi 8) Slaughterhouse 9) Ut Av Vinduet 10) Come To Me 11) Losen 12) Rallerblues 13) Ujamt 14) Songs In One Body 15) Imp And Family 16) Svopp 17) And Here They Come 18) Ta Av Dyna I Skogen

Durata:

73:44

Con:

Nils Rostad, Sigrid Engelsen Rostad, Ingvard Mæland

quando una ristampa vale (quasi) il doppio

x Pajo Demaniche (no ©)

La Solar Ipse si ripresenta con due uscite piuttosto significative: “Hornbread” di Werner Durand e Victor Meertens e “Ujamt / Harmony Hammond” di Nils Rostad. Il secondo (del primo ci occuperemo in seguito) è una raccolta piuttosto interessante che ripropone, quasi per intero, due vinili usciti rispettivamente nel 2011 (piste 1-13) e 2012 (piste 14-18), in edizione molto limitata, su marchio Tallerk Plater (sicuramente proprietà dello stesso musicista). Il norvegese Nils Rostad, conosciuto soprattutto per le collaborazioni con il più noto Sindre Bjerga, suona un po' di tutto in queste registrazioni di tipo artigianale, bozzetti o, meglio, studi che possono far pensare ai “Faust Tapes”, a “End Of An Ear” di Robert Wyatt o a “Plux Quba" di Nuno Canavarro. Brevi scampoli di melodia, quasi estatici, disturbati da equivalenti dosi di rumore che offrono numerose idee da consumare, assorbire, rielaborare…. Sembra essere tutto all’insegna dell’abbozzato, e piace proprio per questo, soprattutto nel primo disco, fatto di 13 brevi frammenti. “Harmony Hammond” sembrerebbe un tantino più elaborato, e questa piccola flessione in spontaneità lo colloca un pelino sotto la stupefacente informalità di “Ujamt”.
Un autore da conoscere e, data l’introvabilità o l’alto prezzo a cui sono quotati i vinili originali, un grazie di cuore alla Solar Ipse per aver reso accessibili questi materiali anche a chi non può, o non vuole, impazzire o dissanguarsi per recuperare le prime stampe. Peccato che motivi di spazio abbiano portato alla soppressione di quattro brani (3 da “Ujamt” e 1 da “Harmony Hammond”).

Ma voglio aggiungere due parole a riguardo delle note diramate dall’etichetta: «… non esiste webzine o rivista in Italia che abbia mai parlato di Rostad e del suo lavoro», così termina il breve flyer che la Solar Ipse ha allegato alla copia promozionale del disco. Purtroppo sono molti i materiali interessanti dei quali nell’ex bel paese non s’ha notizia. Il fatto è che, da una parte, c’è poca voglia di scoprire e la maggioranza si adegua a trattare ciò che ha una regolare distribuzione (con relativa circolazione di copie promozionali). Dall’altro lato nell’underground esce oggi tanta di quella roba, e nelle tasche mancano tanti di quei soldi, che è economicamente impossibile riuscire a captare tutto. Riviste, cartacee o web, nascono poi come i funghi nella stagione buona, e i musicisti che stampano privatamente in un numero limitato di copie non possono certo mettersi ad inviare materiali promozionali a destra e a manca. I distributori, da parte loro, non possono certo farsi carico di materiali che magari finiscono col vendere due o tre copie. Aggiungete che l’Italia, musicalmente parlando, è oggi non terzo ma 17° mondo. Non so proprio cosa dire, ma mi sembra di essere davanti al classico cane che si morde la coda….


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/6/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´