`Purple Orange´

Autore disco:

Jelloslave

Etichetta:

autoproduzione (USA)

Link:

www.cdbaby.com/cd/Jelloslave1

Formato:

mp3

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Jane Bond 2) A Handful Of Earth 3) Hallelujah 4) Purple Orange 5) C’est L’amour 6) You Are So Stingingly Demure 7) Mary O’Neil 8) Nana

Durata:

50:04

Con:

Jacqueline Ultan, Michelle Kinney, Greg Schutte, Gary Waryan

Per chi è convinto che oggi non c'è della buona musica

x Mikol Pole

Jelloslave è un quartetto strumentale di Minneapolis - 2 violoncelli, batteria e tablas – dedito a una musica nella quale collidono reminiscenze classiche, jazz, progressive, psichedeliche, folk e world music. Dopo il CD “Touch it” del 2006, accolto molto bene dalla critica, sono riapparsi nel 2010 con questo “Purple Orange”, un lavoro reperibile solamente in download (ma non sono riuscito a capire se è stato pubblicato anche su supporto fisico, seppure in poche copie distribuite unicamente ai concerti).
Si tratta nuovamente di un lavoro notevole, con in scaletta gli ottimi rifacimenti di Hallelujah (Leonard Cohen), C’est L’amour (Astor Piazzolla) e Love Will Tear Us Apart (Joy Division), quest'ultima inclusa nella trama di Jane Bond. Altrove sono ben udibili motivi classicheggianti, connaturati alla natura e alla storia degli strumenti, o folkeggianti, come in You Are So Stingingly Demure, Purple Orange e Mary O’Neil.
Qualunque sia il campo di battaglia, i quattro riescono comunque a essere sempre coinvolgenti e degni di nota.
Purtroppo è difficile che gruppi come questo possano essere visti in Italia, dove circolano unicamente quei nomi pompati da una stampa musicale nazionale sempre più malata di un mediasettismo portatore di valori culturali deleteri e rincoglionenti, ne è un esempio il dilagare di un fenomeno tipicamente italiano qual è quello dei vari contest.
È così che finiscono per essere trattati solo quei musicisti i cui dischi vengono distribuiti in Italia e, di conseguenza, sono in grado di portare pubblicità. Per lo stesso motivo arrivano in tour – ad esclusione di alcune splendide eccezioni – solo i suddetti musicisti, che spesso sono l'ennesima copia della copia della copia della copia del tal dei tali.
In questo pantano immobile molti finiscono di conseguenza con il dedicarsi alle celebrazioni storiche, adducendo a loro discolpa il motivo che fra le novità non c'è nulla di interessante. Di cose buone ce ne sono invece a iosa, chiaramente pescando nell'underground, quello che casomai manca è invece la voglia di scavare.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/5/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´