`Stones No.2´ // `Sternenstaub´

Autore disco:

Manon-Liu Winter // Elisabeth Schimana

Etichetta:

Chmafu Nocords (A)

Link:

www.manonliuwinter.at/
elise.at
nocords.net/
www.youtube.com/watch?v=yW3Syb_ryWs
www.youtube.com/embed/8XcoJEBXm90

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2013

Titoli:

1) Stones No 2 2) Insite 4/3 A // 1) Entstehung der Sterne 2) Explosionen 3) Sonnenwinde

Durata:

34:00

Con:

Manon-Liu Winter // Elisabeth Schimana

come trattare pianoforti ed elettronica

x Al Fano (no ©)

Abbiamo già presentato questa interessante casa discografica austriaca recensendo la compilation “Damn! (Freistil-Samplerin # 3)”.
I due dischi ora recensiti, oltre ad essere editi entrambi da Chmafu Nocords, sono accomunati dallo stesso formato, dal box metallico (seppure uno sia rettangolare e l’altro rotondo), dalla nazionalità delle autrici (austriaca), e dalla circostanza che a volte vede Manon-Liu Winter e Elisabeth Schimana fare combutta. Sembra così più che naturale accomunarli in un'unica recensione (quando una fa ‘ste cose cumulative l’importante, soprattutto, è avere un alibi, credibile o incredibile che sia).
“Stones No.2” è un disco di pianoforte preparato e/o suonato direttamente sulle corde, anche con utilizzo di materiali preregistrati, in equilibrio fra folate molto forti e catastrofiche e frasari più rarefatti e riflessivi, con le due tendenze che riescono addirittura a sovrapporsi e convivere. Si tratta di un disco molto valido, seppure non contenga nulla che non abbiamo già sentito dai vari Anthony Pateras, Sophie Agnel o Andrea Neumann. Ma la Winter non è affatto una donzella di primo pelo e se io non conoscevo la sua musica non posso certo fargliene una colpa.
“Sternenstaub” è invece un disco di musica elettronica che contiene un'unica composizione, divisa in tre parti, risalente al 2009 e registrata in pubblico nel 2012. Il riferimenti è a fenomeni cosmici quali la nascita delle stelle, le esplosioni dei sistemi celesti, le tempeste solari…. In termini concreti si passa dalla granulosa rarefazione della prima pista a quella più compatta, brumosa e cinguettosa della seconda, per giungere alla circolarità del lungo movimento finale (20:39).
Anche per la Schimana vale quanto detto per la Winter, cioè che la sua musica non contiene nulla in grado di suonare nuovo alle orecchie degli ascoltatori più smaliziati. Ma anche lei non è proprio una diciottenne, da lungo tempo svolge attività di musicista e non è colpa sua se noi eravamo in altre faccende affaccendati.
Come osservazione di coda va sottolineato il contributo delle donne in ambito di nuove musiche elettroniche, che è semplicemente mastodontico.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/10/2014
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2014 ...

`Live Bujùn Dokument / Graz / June 11th 2009´  

`Op Der Schmelz Live´ // `Cactus Truck Live In USA (with Jeb Bishop and Roy Campbell)´  

`Mercato centrale´  

`Superstitions´  

`u-ex(perimental)´  

`Artefacts – Solo Electronics´ // `Sympathetic, (a)symmetric – New Music for Piano´  

`Nina´  

`3´  

`Oltreorme´  

`BIOS´  

`Live At The Bimhuis´  

`Sung Inside A House´  

`Sale quanto basta´  

`Private Poverty Speaks To The People Of The Party´ // `The Imagination Liberation Front Thinks Again´ // `Read Between The Lines... Think Outside Them´  

`New Music For Old Instruments´ // `Archaic Variations - Localization´  

`Arriving Angels´  

`Zodiaco Elettrico – Aidoru performs Karlheinz Stockhausen’s Tierkreis´  

`Appunti Mozurk Vol. 1´  

`Long Story Short´  

`Stand Up Comedy´ // `Renard´  

`Quando sono assente mi manco (crisi d'identità contemporanee)´  

`Walking Mountains´  

`33´  

`Black Swan´ // `Second Law of Thermodynamics´  

`Fuochi di stelle dure´  

`The Polvere’s Farewell´  

`For Seasons # 001: Melting Summer´ // `For Seasons # 002: ゆきどけ´  

`Mezzanota´  

`A Day In The Life Of...´  

`The Earth Cries Blood´  

`Jo Ha Kyū´  

`Surgical Steel´  

`This Place / Is Love´  

`Baxamaxam´  

`La fisica delle nuvole´  

`Conquistare il mondo´  

`Heavy Heart / Faker´ // `Faker´  

`Purple Orange´  

`Zwirn´  

`Aquarium Eyes´  

`Tape Crash #6´  

`Pioneer 23´  

`Give No Quarter´  

`Europa´  

`The First Will & Testament´ // `Don’t Pressure The Man With The Knife´  

`The Old Good Summer - Tape Crash # 7´  

`Interiors´  

`For Bunita Marcus (1985)´  

`Thursday Evening´  

`Ujamt / Harmony Hammond´  

`War Tales´  

`Una Nessuna Centomila´  

`Endimione´ // `Bunga Bunga´ // `Non vogliamo un paradiso´  

`I diari miserabili di Samuel Geremia Hoogan´  

`Kawax´ // `Có Còl e Raspe´  

`Promises´ // `Terre in vista´ // `Jacopo Bordoni – Muratore Poeta Ribelle´  

`Hornbread´  

`Moondog Mask´  

`Niton´  

`Algebrica´  

`Like Lamps On By Day´  

`Safe In Their Alabaster Chambers´  

`Damn! (Freistil-Samplerin # 3)´  

`The Jackals´  

`Stones No.2´ // `Sternenstaub´  

`Tecniche arcaiche´ // `Prima di qualsiasi altra cosa allora si perderà´  

`Circus´  

`Self Portrait In Pale Blue´  

`Mikan´  

`LOL-a-bye´ // `Prendi fiato´