`Compassione e risentimento´

Autore disco:

St.ride

Etichetta:

Niente Records (I)

Link:

www.myspace.com/nienterecords

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) orde trame 2) massa critica 3) finta di niente 4) fonderia dello spirito 5) quatto a bordo strada 6) il mare s'infesta 7) la mistura del vento 8) razza terrestre 9) la rete nei fischi 10) trasporto animali vivi 11) scoria lirica

Durata:

52:34

Con:

Maurizio Gusmerini, Edo Grandi

la saturazione del niente

x Matteo Uggeri

La tentazione di uniformarsi alla filosofia della label dei genovesi St.ride facendo una recensione di soli tre punti di sospensione o ancor meno, lo confesso, l’ho avuta. Sarebbe però stato un peccato, perché in fondo avrei liquidato della buona musica che merita un buon commento. A mio avviso meriterebbe anche una buona o quanto meno decente copertina, dato che pur in qualche modo apprezzando la scelta dei due di non mettere alcuna nota né titoli dei brani e neppure autore, di fronte alla pochezza della confezione, a onor del vero semplicemente brutta, non posso che storcere il naso. Cerco dunque di non soffermarmi troppo a lungo sui commenti rispetto a questa scelta (in realtà non così nuova, vedasi ad esempio parte della vasta discografia del simpatico Der Blutharsch) per passare alla musica, ancora una volta una sorpresa per chi ha già gustato i precedenti lavori dei non prolifici St.ride.
Soprattutto rispetto all’apprezzatissimo “Piume che cadono” questo coacervo di rumori di stampo industrial, tra chitarre distorte, voci spezzate, ritmiche sommesse e brutalmente scomposte, azzera ogni tolleranza verso la quiete. Sono evidentemente cambiati Edo Grandi e Maurizio Gusmerini negli ultimi anni o mesi, hanno accumulato rabbia, tensione, forse tristezza, e le hanno sfogate e messe in musica con spirito libero, "cuore, cervello e viscere buttate lì, in padella", come afferma lo stesso Gusmerini. La cosa deve aver preso loro la mano, poiché in tutto il disco quasi non c’è un attimo di respiro, di tregua. Nonostante quello i suoni sono curatissimi (pare che per registrare Trasporto animali vivi, breve rabbiosissimo rantolo per chitarre iperdistorte da far venire in mente “Knee and Bones” dei Controlled Bleeding, ci siano voluti trenta takes. Ed in effetti forse in questo sta il valore vero del disco, che ad ascolti superficiali potrebbe sembrare l’ennesimo prodotto noise, dove in realtà è lontano anni luce sia dai già citati primordi industrial, sia dalle nuove generazioni à la Wolf Eyes e compagnia bella, votate ad un edonismo del rumore da cui le cervellotiche strutture degli St.ride sono aliene. Forse più vicino è il japanoise, vista anche l’imprevedibilità ‘free jazz’ di certi pezzi che fanno quasi pensare al giardino delle torture dei Naked City. Ado ogni modo, per capire cosa ci sia sotto agli sfaceli distorti si ascoltino la conclusiva Scoria lirica o la raffinata Finta di niente, unici momenti di pace e di vicinanza ai precedenti dischi: il suo claudicante procedere è nascosto anche tra le rumoranze degli altri brani, rendendoli in questo modo molto meno convenzionali di quanto possa sembrare, anche perché la qualità dei suoni è eccelsa.
Complimenti di nuovo al due genovese, ed un sincero augurio di ritrovare la pace al più presto. Cadranno di nuovo piume e non lamiere.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/1/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´