`Infininiment´

Autore disco:

Klaxon Gueule

Etichetta:

Ambiances Magnétiques (CDN)

Link:

www.actuellecd.com/en/boutique/ambiancesmagnetiques

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Bunita gît 2) Darde un cri 3) Schwann jauge 4) Barbe le seuil 5) Yasmina soubresaute 6) Étendu rompt 7) Momo pèle 8) Monge limita 9) Fibreux tâte 10) Brown suinte 11) Mutile l’ami 12) Gruge mou 13) Ouvert bute

Durata:

51:08

Con:

Gordon Allen, Michel F Côté, Jean Derome, Bernard Falaise, Philippe Lauzier, Alexandre St-Onge

il nuovo capitolo di una vicenda inesauribile…

x e. g. (no ©)

La vicenda dei Klaxon Gueule si sta snodando con una meticolosità matematica, con il primo disco a dettare delle cordinate che sembrano diventate legge. “Bavards” del 1997, quel primo disco, era un doppio CD che presentava il trio effettivo (Côté, Falaise e St-Onge) nella prima parte e il trio con aggiunta di un ospite (il sassofonista Christopher Cauley) nella seconda. Questa linea d’azione è proseguita con estrema coerenza nei dischi successivi dove il trio scrio scrio (“Muets” del 1999 e “Chicken” del 2004) si alterna con quello ingrassato dalla presenza di altri strumentisti (“Grain” del 2002 e questo “Infininiment”). Ma il primo disco offre anche un altro spunto di riflessione, essendo diviso stilisticamente fra una parte più rock-progressive ed un'altra più jazz-nowave. Ma, difficile da spiegare senza un ascolto, non si trattava di un’immersione dei tre in quei generi musicali, bensì di un confronto con essi a partire da un proprio centro che rimaneva ben distinguibile. Tale impostazione è proseguita nei dischi successivi e, sempre partendo da un proprio centro e muovendosi a raggiera, il trio si è confrontato con l’improvvisazione elettroacustica (“Muests”), con la musica elettronica (“Grain”) e con la psichedelia (“Chicken”); ma, e questo è il bello, ogni nuova esperienza ha arricchito il nocciolo centrale andando così a contaminare l’esperienza successiva. Ed oggi, complici gli strumenti a fiato del trio Allen – Derome – Lauzier, i tre si confrontano con il jazz. Con ciò non voglio dire che “Infininiment” è un disco di jazz classicamente inteso, e penso addirittura che non piacerà affatto agli amanti di quel genere, ma piuttosto che è un disco in grado di mostrarci come i Klaxon Gueule vedono e leggono il jazz. Portandosi dietro, comunque, tutto il loro enorme bagaglio accumulato in anni di scorri & bande, dai frippismi della chitarra, ai cutlerismi della batteria, dal ‘rock in opposition’ alla freakeria zappiana, da Cage a Varèse… Sicuramente non siamo sui livelli dell’inarrivabile “Muets”, ma “Infininiment” ha tutte le carte in regola per soddisfare ancora una volta le esigenze, sicuramente ricercate, dei fan del gruppo. Tutti gli altri possono partire da questo punto per una ricerca a ritroso che, vi assicuro, sarà ricca di scoperte e soddisfazioni.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/5/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´