`The Road´

Autore disco:

Airportman

Etichetta:

Lizard (I)

Link:

www.lizard.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) The Road 2) Reading McCarthy

Durata:

35:06

Con:

Giovanni Risso, Stefano Giacone, Mansueta Cinzia Mureddu, Marco Lamberti, Paolo Bergese

possa Dio dare a questi uomini le risorse per produrre un disco con ricchezza

x Matteo Uggeri

Gli Airportman sono uno dei miei gruppi preferiti, non lo nascondo di sicuro. Nel loro genere, in Italia, qualunque genere sia (forse un folk-rock acustico progressivo?) direi i migliori che conosco. Non c'è un singolo disco, né tra quelli degli esordi, né tra le ultime prove più virate verso il pop (vd. le cover di "Weeds") che non mi piaccia quasi in toto. Ma ci fosse una volta che quando ne ascolto uno non mi ritrovi ad un certo punto a scuotere la testa sconsolato al pensiero di quanto ancora più bello potrebbe essere. Non mi riferisco a questioni artistiche, ovviamente, e neppure tecniche in senso strumentale: sotto questi punti di vista i tre potrebbero avere da insegnare a schiere di musicisti, figuriamoci a me. Mi riferisco alla produzione dei loro lavori, ossia alle tre fasi base per realizzare un disco: registrazione, mixaggio e mastering (sull'arrangiamento ne sanno a pacchi).
Quel che voglio dire è che, nel caso di questo disco ispirato a "La strada" di Corman McCarty, ma anche in altri, troppo spesso la meraviglia delle melodie, delle soluzioni stilistiche e ritmiche, delle idee, degli arrangiamenti, si perde almeno in parte in una registrazione povera, in un mixaggio buono ma migliorabile e infine in un mastering praticamente nullo.
Ho chiesto a Giovanni Risso, chitarrista e in parte mente del gruppo delucidazioni, ed egli stesso ammette che, in particolare per il disco in questione, si son volute consciamente privilegiare l'immediatezza e la spontaneità della musica a discapito del prova e riprova, del multi-traccia, della postproduzione, di tutto ciò che può venire dopo. La scelta è condivisibile o meno, ma il dubbio che essa sia dettata più dalle contingenze della vita, ossia, detto in parole povere, tristi e miserabili, dal fatto che i tre per vivere facciano altro, è probabilmente fondato. Prima ch'io parta in una filippica fuori luogo sulla debole condizione dell'artista negli anni zero, mi sia permesso di dire che è semplicemente un peccato che musicisti come questi non abbiano la possibilità di esprimersi nella ricchezza di mezzi e di tempo che meriterebbero, fermo restando il fatto che la gloriosa Lizard continua a fare un ottimo lavoro nel permettere comunque alla loro musica di girare ed essere ascoltata. Perché ne vale davvero la pena.

Finita questa patetica digressione, posso chiudere finalmente dedicando due parole a questo lavoro, un riuscitissimo concept sul suddetto libro, del quale le musiche qui riprendono con efficacia l'atmosfera opprimente ma profondamente umana, lo spaesamento quasi rassegnato, la ricerca di un segno di vita unitamente alla ricerca interiore. Così le note guidate delle chitarre acustiche ed elettriche attraversano un flusso di suoni variegato e continuo (una sola la traccia nel disco) e trafitto da note distanti di violoncello e sax. Chiude una lettura, in inglese, con un breve estratto del libro, desolante e svuotato come il mondo che abbiamo ogni giorno di fronte.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/7/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´