`Tajga´

Autore disco:

Marigold

Etichetta:

Acid Cobra (I)

Link:

www.themarigold.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Exemple De Violence 2) Tundra 3) Swallow 4) Eleven Years 5) Sin 6) Tajga 7) Degrees 8) Novole 9) Alone

Durata:

46:36

Con:

Marco Campitelli, Stefano Micolucci, Giovanni Lanci

tra influenze illustri e propria personalità

x Matteo Uggeri

Comincia benissimo questo “Tajga” dei nostrani Marigold, con una traccia tesa, potente, vagamente ossessiva, principalmente strumentale ma affiancata da una sorta di recitato bisbigliato. Una massa di suoni stratificati tra tastiere, batteria, chitarre e basso che ricorda piuttosto da vicino gli Swans epici di “White Light…” o perfino di “Soundtracks for the Blind”. Un qualcosa però risuona nella mia testa, complice forse l’inaspettato uso del francese (solo in questo brano) e la mole di suoni che si affastella nelle canzoni seguenti, un riferimento che all’inizio mi sfugge, sebbene sia più di una somiglianza, quasi una vera e propria impronta. Poi, di colpo, all’altezza di Swallow, terza traccia, più pesante e distorta delle precedenti, l’illuminazione è chiara. Ulan Bator. Allora riprendo in mano il CD (che sebbene presenti il classico jewel box ha della belle grafiche in bianco e nero) e vedo che il lavoro è prodotto da Amaury Cambuzat.
A quel punto mi sento anche un po’ un cretino, dato che quando contattai il gruppo dopo una folgorazione online (trovai una traccia sul sito della validissima zine francese Fugues), lessi che era appunto il francese (ormai mezzo italiano) che li aveva prodotti. Purtroppo il suo tocco è davvero un po’ pesante, e riascoltando la prova del solo Campitelli (che del gruppo è voce e chitarra) rimpiango un po’ il minimalismo che aveva positivamente colpito me e presumibilmente i tipi di Fugues.
Il giudizio comunque non può fermarsi qui: il disco è davvero valido, ottimamente registrato, piuttosto vario, anche se spesso ancorato a schemi tipici del rock e del post-rock che – appunto – sono propri di gruppi pur validi come Ulan Bator ed affini.
Emergono dunque brani più riflessivi come Eleven Years, col suo incedere wave sui tamburi, e l’ancora più ’80 Sin, dagli accenti un po’ dark pop, vicina a Dance Society e Clan of Ximox.
Un po’ pomposa la chiusura, dai tratti sinfonici, ma è ancora la voce di Campitelli (con un timbro che rimanda ai Calla) a smorzare un po’ degli eccessi.
Calla, Swans, Ulan Bator: giro Young God, tutti riferimenti di lusso, dai quali forse se pian piano sapranno un poco allontanarsi i Marigold potranno diventare grandi.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 25/11/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´