`A Little May Time Be´

Autore disco:

Anne Laplantine

Etichetta:

Ahornfelder (D)

Link:

www.ahornfelder.de

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) April 2) Walking …. 8) Oui 9) Outside …. 11) Au feu les pompiers …. 14) Me Wrong …. 20) Rev 21) Where It Goes 22) On The Street …. 29) With Voice 30) Voice Voice And So 31) Ending Programm 32) Tek 33) Nawak …. 35) Moved …. 40) Street Street 41) Un tigre 42) A Little May Time Be …. 44) Willing …. 53) Jump …. 55) Go Down 56) What 57) Dicedays ….

Durata:

39:36

Con:

Anne Laplantine

pop elettronico: 23 fragili miniature e altri accidenti

x e. g. (no ©)

Sono più o meno due lustri che questa musicista francese pubblica i propri dischi avvalendosi di svariati alias e il suo successo di pubblico non è certamente proporzionato all’alta qualità delle sue produzioni. Pur nella consapevolezza che non saremo certo noi a portarle quel successo che si merita vogliamo, con questo top, dare il nostro piccolo contributo per farla uscire da quel limbo nel quale la troppo squisita raffinatezza delle sue proposte l’ha confinata.
“A Little May Time Be” suona ‘meccanico’, nenie innocenti che possono far pensare ad una passeggiata nel lungosenna o in un giardino nipponico, alle atmosfere presso una corte europea del XVIII secolo o, più semplicemente, al carillon che stava sopra al canterano delle vostre nonne. Sono miniature fragili e delicate, costruite con campioni di suono strumentale (sicuramente una chitarra) e, talvolta, con flebili voci e con batterie elettroniche. La musicista gioca con la tecnologia così come, a suo tempo, un Derek Bailey giovava con le corde della chitarra, e l’immagine dell’improvvisatore inglese chiuso nella sua camera, con un computer a disposizione e retrocesso ad uno stadio infantile (seppur provocatoria) può essere ben calzante e veritiera.
La Laplantine ha voluto dare al disco anche l’aspetto di piccolo oggetto d’arte, e i 23 titoli sono calati in altrettanti, e più, spicchi di silenzio della durata di pochi secondi. Tali spazi vuoti servono un po’ anche a creare séparé di uno o più brani similmente modellati. Ma anche tali spicchi non sono sempre coltivazioni di silenzio assoluto e, quali microscopiche oasi, è possibile incontrare al loro interno scampoli di suono parassita.
“A Little May Time Be” è un disco superconsigliato, particolarmente a coloro che apprezzano da sempre la sobria eleganza femminile di artiste quali Sawako e la prima deliziosa Susanne Brokesh. Per gli altri il solito e banale ‘non sapranno mai cosa si perdono’.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/3/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´