`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´

Autore disco:

The M.E.M.O.R.Y. Lab

Etichetta:

D-trash (CDN)

Link:

www.memorylab.info
www.dtrashrecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Cambia 2) A Bad dream 3) Divine eating 4) Mind rape 5) Another Nail in the cross 6) My little world 7) To go all the way 8) Mother’s womb

Durata:

?

Con:

Marc Urselli, the Old Nick

?

x Andrea Ferraris

A proposito di fuga di cervelli, di risorse e di come l’erba del vicino sia sempre la migliore, ecco qui un vecchio progetto che vede coinvolto Marc Urselli, fonico e produttore italianissimo ed ormai di stanza a New York dove ha registrato una montagna di dischi o fatto da fonico live per gente come John Zorn, Lurie Anderson, Lou Reed, Les Paul tanto per citare alcuni dei nomi più conosciuti. The M.E.M.O.R.Y. Lab si compone esclusivamente di Urselli alle tastiere, sintetizzatori, campionatori ed elettronica e di Nicola Curri alla voce, ora io sto diventando sempre più vecchio e rincoglionito, ma oltre che giornalista di Flash metal, mi pare di ricordare che “Nic” Curri c’entrasse in qualche modo con qualche vecchia impresa del giro hardcore trash metal del Bel Paese, ma sono passati troppi anni perché mi ricordi con esattezza quale. Fatto questo piccolo excursus liberiamo il campo da ogni equivoco dato che questo disco con il metal non ha nulla a che fare, al più con il rock, quello elettronico. Parlando di rock e di elettronica non si possono non menzionare Nine Inch Nails, Young Gods, Ministry, Pigface, Laibach e Skinny Puppy e direi che nel genoma di questo disco e nel DNA di Marc Urselli o direttamente o indirettamente ci sono tutti e contestualizzato a dieci anni fa questo disco fa la sua porca figura, anzi sorprende costatare che molte delle tracce tutto sommato reggono bene lo scorrere del tempo anche oggi, infatti qualche buona intuizione e una buona rimasterizzazione hanno fatto si che i The M.E.M.O.R.Y. Lab non risultino troppo anacronistici. Il misto di italiano ed inglese utilizzato da Curri per le liriche, oltre che ai gruppi menzionati fa pensare anche ai primissimi Disciplinatha, ma più per una questione di suono del testo e di metrica, non certo per la musica che in questo caso è più atmosferica quando si muove sul morbido e parecchio più dura quando ci va giù duro, ma in questo senso credo che il giochino di Urselli di comprimere a dovere il pezzo là dove serviva abbia aiutato parecchio alla differenziazione. Tracce che mediamente si stabilizzano su una durata media di quattro minuti, mid-tempo e casse in quarti che hanno fatto da sempre la gioia di Reznor e di gente che qui da noi seguiva etichette come la Submission o la Minus Habens, certo, il tutto però spostato ad una generazione successiva quando suoni ed estetica stavano cambiando. Come dicevo prima è interessante vedere come gli anni siano passati più velocemente per certe tracce a piuttosto che per altre, ma in fin dei conti non è diverso dalle dinamiche di vita normali, tutti invecchiamo a velocità diverse, anzi questa cosa potrebbe essere una buona prova del fatto che pur mantenendo uno stile piuttosto uniforme, Curri ed Urselli erano riusciti a diversificare sufficientemente o pezzi di questo disco. Un lavoro molto di genere e che risulta/va molto legato al periodo a cui apparteneva, ma con parecchi spunti molto interessanti, infatti sarebbe stato curioso vedere come si sarebbe evoluto il discorso se i due avessero avuto la possibilità di lavorarci con costanza anche successivamente.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 16/2/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´