`Sleepless Night´ / `Marit´

Autore disco:

David Wenngren // Annelies Monserè

Etichetta:

Auetic (S)

Link:

www.myspace.com/davidwenngren
www.myspace.com/anneliesmonsere

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Another winter 2) Unreal 3) 06.08 when everything is quiet 4) Mountains of broken chords 5) For D.N. 6) Another spring 7) Insomnia 8) For P.B. 9) The long awaited sleep // 1) We left home 2) Common ground 3) September 4) I will lock you 5) Coda 6) Have you heard 7) 7 8) I might never see 9) Will you be found 10) Can’t 11) Like yesterday 12) This is home

Durata:

28:99 // 29:33

Con:

David Wenngren // Annelies Monserè

Tra nuova musica da camera e dolci nenie, l’ottimo esordio di una nuova etichetta

x Daniele Guasco

Abbiamo conosciuto David Wenngren prima come membro dei Library Tapes, poi come unico titolare di questo prolifico progetto svedese capace negli anni di maturare verso un perfetto connubio tra field recordings e musica classica, grazie alla bravura di David al pianoforte e al suo gusto nell’unire questo strumento a registrazioni e melodie.
Apprendo quindi con molto piacere la sua decisione di aprire una piccola etichetta, la Auetic, e le prime due uscite ripagano pienamente la mia fiducia nelle capacità artistiche di questo musicista.
La prima uscita è ad opera dello stesso David, che per la prima volta usa il suo vero nome per pubblicare un disco. Nonostante questo il contenuto rispecchia molto gli ultimi lavori a nome Library tapes, già nell’apertura in cui il pianoforte va a unirsi agli archi. Sia ben chiaro che questo non è assolutamente un difetto, anzi, le composizioni malinconiche di questo autore riescono ad affascinare sempre grazie al gusto e alla precisione con cui vengono costruite melodie fuori dall’ordinario che perfettamente si uniscono al tappeto sonoro su cui vengono adagiate.
Se dal punto di vista dell’ascolto non cambia molto rispetto al percorso musicale precedente intrapreso da questo autore svedese, a progredire sono i suoni, che riescono a essere più coesi, arrivando anche a punti in cui Wenngren riesce a mantenere la fluidità delle sue composizioni nonostante una maggior distorsione nel pianoforte.
“Sleepless Night” avvicina così questo artista a una musica da camera moderna piena di spunti, lo porta a una creatività sempre più fresca e incontrollabile capace però di dare forma a frutti tanto belli nell’aspetto quanto gustosi.
La seconda uscita della neonata Auetic è invece dedicata alla musicista belga Annelies Monserè, autrice di un disco minimale, in cui la musica è ridotta a un’ossatura essenziale per lasciare il ruolo di protagonista alla sua voce calda e struggente.
In “Marit” è infatti contenuta una sequenza di nenie accompagnate da poche note di pianoforte e chitarra o da tenui rumori di sottofondo. A prendere il sopravvento è però un canto dolce e tiepido, ma anche penetrante nella sua innocente semplicità.
Parlare di folk sarebbe eccessivo, piuttosto si può considerare questo album come una raccolta di placide ninne nanne capaci però di non risultare mai noiose, anche se non mi stupirei della loro capacità di far chiudere gli occhi per un bel sonno a più di un ascoltatore.
Due ottime prime uscite quindi per questa neonata etichetta, tra le poetiche composizioni strumentali di Wenngren e le placide canzoni della Monserè viene infatti presentato all’ascoltatore un biglietto da visita da tenere in considerazione per il futuro.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/2/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´