`Il tempo dei lupi´

Autore disco:

Wassilij Kropotkin

Etichetta:

Autoproduzione (I)

Link:

www.myspace.com/wassilijkropotkin
www.myspace.com/hazeytapes

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) MTA 2) Post 3) Scendevo nel mare 4) L'alieno 5) Arrivano i lupi! 6) Atrocity Exhibition 7) La vita agra 8) Il ventilatore elettrico 9) Certainly 10) Bedford Av.

Durata:

36:31

Con:

Francesco D'Elia, Beatrice D'Elia, Michele Baldini, Caterina Polidori

Italia anno zero: nuove idee per un nuovo cantautorato 'dos'

x e. g. (no ©)

Wassilij Kropotkin (alias Francesco D’Elia) è un tipo eclettico. Diplomato in violino al conservatorio si diletta anche ad accompagnare saltuariamente alcune realtà toscane legate alla musica pop (Samuel Katarro. Piet Mondrian, Bad Apple Sons, Ka Mate Ka Ora, Legru, Lux Departure…), oltre ad animare propri progetti, come quello di cui mi sto occupando in questa rece, che rientrano di diritto nella recente ondata che cerca di riallacciare un discorso rimasto sospeso con quella che è la tradizione cantautorale italiana, tradizione cantautorale che venne spazzata via, nei gusti del pubblico più giovane, dall'avvento di una rampante ed aggressiva new wave. E Wassilij Kropotkin tenta la difficile impresa, con un certo successo per altro, di fondere influenze derivate da quei cantautori che più si avvicinavano ad un'estetica progressive (Sorrenti, Camisasca...) con altre derivate dal post-punk. Emblematico è, in tal senso, il primo titolo dove influenze riconosciute o non riconosciute (ma riconoscibili), quali il solito Syd Barrett dei primi Floyd, i Pere Ubu ed i Joy Division, vanno a confluire in una cantilena tipicamente wave, quasi come se Astronomy Domine venisse suonata dal gruppo di Peter Laughner, Allen Ravenstine e Tony Maimone, e cantata da Ian Curtis. E Atrocity Exhibition, da tempo presentata nei concerti del nostro, è davvero una riproposizione acustica di un brano sottratto al repertorio del gruppo mancuniano! L'alieno, il titolo dice tutto, è invece (o sembra) un breve a solo informale di sax. Il ventilatore elettrico e Bedford Av. sono due strumentali, il primo a carattere più sinfonico ed il secondo prossimo a certa concreta. Certainly, complice anche la lingua utilizzata, si inserisce senza dubbio nel filone della ballata anglofila. Sono gli altri quattro brani, di una spigolosità acuita quasi sempre dal cantato in italiano, a rimandare più propriamente a quelle influenze cantautorali-progressive citate dall'artista. E nelle splendide geometrie de La vita agra viene raggiunto il vertice dell'intero CD-R. Il musicista dimostra capacità e gusto nell'orchestrare gli strumenti utilizzati e nell'adattare le musiche ai testi (o viceversa). Caso mai viene meno a livello di progettualità da un punto di vista concettuale ed è difficile trovare una linea in grado di unificare i vari modelli espressivi proposti. Quindi dovrebbe concentrarsi di più intorno ad un'unica tematica e sviscerarla più a fondo. E, dal momento che i suoi riferimenti stanno in un ‘cantautorato’ di stampo più ‘intellettuale’ e ‘ricercato’ (scusate i termini, ma si fa per capirsi…), credo che alle sue canzoni non farebbe male un tipo di produzione più accurata. Ma mi rendo conto che questo non dipende solo da lui.

Recentemente il D'Elia è poi entrato nell'organico degli Hazey Tapes, dei quali scrivo in modo informale dal momento che sono in possesso di un semplice CD-R demo senza nessuna informazione sulla formazione né sui brani contenuti (dovrebbe comunque trattarsi di un gruppo con due chitarre e voce femminile). Si tratta di un ottimo gruppo sospeso fra garage-progressive e post-punk, con radici nella New York dei mid-seventies (Television, Voidoids, P. S. Group…) e con qualche concessione all’epica morriconiana (chi si ricorda dei vecchi cari Droogs). Se ho sempre creduto che ci fosse un unico filo a unire l'uomo alienato dei Pink Floyd, quello schizoide dei King Crimson e quello schizzato dei Killing Joke, mi sembra di trovarne in queste canzoni una buona conferma.

Il giudizio è quindi positivo per quanto riguarda entrambi i progetti, con la speranza che possano comunque trovare una sistemazione più adeguata al loro valore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/3/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´