`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´

Autore disco:

Dead man’s bones

Etichetta:

Anti records, Werewolf heart records (USA)

Link:

www.deadmansbones.net

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Intro 2) Dead hearts 3) In the room where you sleep 4) Buried in water 5) My body’s a zombie for you 6) Pa pa power 7) Young and tragic 8) Paper ships 9) Lose your soul 10) Werewolf heart 9) Dead man’s bones 9) Flowers grow out of my grave

Durata:

44:12

Con:

Ryan Gosling, Zach Shields, The Silverlake conservatory of music children’s choir

Folk, pop, richiami vintage, bambini, cimiteri, mostri e fantasmi

x Daniele Guasco

Raramente mi è capitato di provare un’invidia così forte come ascoltando il disco del progetto Dead man’s bones. La mia invidia non va tanto ai bravissimi artefici di questo progetto quanto ai bambini che compongono che il coro che accompagna praticamente ogni canzone del disco, questo perché loro da adulti potranno riascoltare questo disco e ricordare questa esperienza, mentre io non ho che qualche foto di quando alle elementari mi fecero vestire da rondine per cantare Vorrei volare durante una specie di recita a cui partecipavano tutte le scuole della città, dandomi uno dei peggiori ricordi da portarmi dietro per gli anni a venire.
Allo stesso tempo però il disco in questione è uno di quei cd che non vedi l’ora di tornare a casa per metterlo nello stereo, uno di quei lavori che ti portano a fare volentieri dei viaggi in macchina per poterli ascoltare più volte nell’autoradio. A volerla far breve quello dei Dead man’s bones è un album meraviglioso.
Nato dalle menti di Ryan Gosling (meglio noto come ottimo attore, particolarmente per la sua bellissime interpretazioni in “Lars e una ragazza tutta sua” e in “The believer”) e Zach Shields (anche lui attore e presentatore televisivo), il progetto musicale Dead man’s bones punta a proporre canzoni oscure, dall’atmosfera esplicitamente orririfica e cimiteriale, ma dalla qualità altissima. Uno dei punti di forza del disco sta nella varietà dei brani, capaci di essere sorprendenti ballate come la bellissima Buried in water così come perfetti momenti pop come la trascinante Pa pa power.
A caratterizzare l’album è la massiccia presenza di voci infantili, copratagonisti di questo lavoro sono infatti i bambini del Silverlake conservatory of music childern’s choir, non semplici seconde voci ma veri e propri artefici dell’atmosfera del disco, tanto da reggere benissimo un’intera canzone in solitaria (l’ottima Young and tragic).
Richiami al folk, gusto vintage, un’immagine costruita perfettamente (del resto loro sono prima di tutto due attori) e orecchiabilità dei brani costruiscono così un disco impeccabile in ogni suo aspetto, un ascolto fresco nonostante i suoi molti punti tradizionalisti, facendo così rientrare sicuramente l’album dei Dead man’s bones tra le proposte migliori ascoltate quest’anno.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 25/3/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´