`Tempesta di fiori´

Autore disco:

Andrea Chimenti

Etichetta:

Santeria/Soffici dischi (I)

Link:

www.sofficidischi.it/
www.audioglobe.it/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Era di notte 2) Il cielo che si avvicina 3) Bellissima 4) Feroce e inerme 5) Stupido 6) Sangue 7) Delicato guerriero 8) Tempesta di fiori 9) Perduto 10) Qualcosa cambierà 11) Vorrei incontrarti 12) Lezioni pratiche di volo

Durata:

40:16

Con:

Andrea Chimenti

Un atteso ritorno, ma..

x Alberto Carozzi

Ero incerto se scrivere o no questa recensione.
Non sono mai stato un grandissimo fan di Andrea Chimenti ma ho sempre guardato con rispetto e ammirazione al suo lavoro e soprattutto al suo percorso dedicato con umiltà a ritagliarsi uno spazio nel controverso mondo della canzone italiana, senza mai cercare a tutti i costi i grandi riflettori.
Il suo ultimo disco prima di questo, si chiamava “Vietato morire”, datato 2004, rappresentava e rappresenta tuttora una delle pietre miliari non solo della sua produzione ma della musica italiana almeno in questo decennio, in quel disco si respirava un'aria genuina e come dire, internazionale.
Normale che ci fosse una certa attesa rispetto al suo ritorno, e lecito attendersi grandi cose. Purtroppo, invece, mi sa che qualcosa è andato storto.
Chimenti ha sempre avuto un certo spirito visionario dal quale ha tratto forza e ispirazione, la prima parola che viene in mente a chi è chiamato a elencarne le virtù è sensibilità. Tutto questo, in “Tempesta di fiori”, curato nella produzione da Stefano Cerisoli e Guglielmo Ridolfo Gagliano, e registrato al Teatro Comunale di Castiglion Fiorentino, non solo perde tutta la sua carica emotiva, ma si muta in una sorta di contemplazione ingessata, senza vita. Già a partire dalla copertina, una specie di natura morta da salotto, la sensazione è che Chimenti, questa volta riesca a parlare solo a se stesso, specchiandosi nel proprio intimo, nei propri affetti, nel proprio appagamento. In due parole, purtroppo, non coinvolge.
Due tre canzoni si salvano, tutte nella prima parte, Era di notte, brano d'apertura, Feroce e inerme, e Sangue, brani che confermano un talento compositivo superiore alla media, canzoni che non lasciano mai capire se prevalga lo stupore, la malinconia, la rabbia, la tristezza, stati d'animo che Andrea Chimenti sa fondere nelle sue canzoni con un'abilità che davvero pochi possiedono. Ma non bastano questi episodi per tenere in piedi un disco francamente sotto tono. Nemmeno l'omaggio ad Alan Sorrenti mi sembra particolarmente riuscito, ancora non ne ho sentita nessuna interpretazione vagamente all'altezza dell'originale per intensità, e questa non fa eccezione.
In conclusione non mi sembra il disco più adatto per chi voglia avvicinarsi per la prima volta a questo Artista (la maiuscola non è una svista), il suo contributo alla musica italiana resta inossidabile, e in lui continuiamo a confidare.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 1/11/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´