`Cardinal´

Autore disco:

Cardinal

Etichetta:

GRIMmedia (I), Impressus (USA)

Link:

www.impressusrecords.com
www.grim-italia.org

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Vocale 2) Vento salato 3) Radici 4) Jump-u funk 5) EHE 6) Mazes counterpoint 7) Bianca 8) ExMod 1

Durata:

?

Con:

Mirio Cosottini, Andrea Melani, Tonino Miano, Alessio Pisani

…in a silent way

x Andrea Ferraris

Avevamo lasciato Cosottini e Pisani agli EASilence trio di cui faceva parte anche Luca Cartolari (Anatrofobia), li ritroviamo coinvolti in questo nuovo quartetto dal suono molto diverso da molte delle esperienze per le quali li conosciamo. Come dicevo infatti, se i due con EAQuartett, EASilence e EAOrchestra viaggiavano su binari diversi ma in cui potevano trovarsi anche degli accostamenti, in questo caso direi che ci si trova sbalzati in tutt'altro contesto sonoro. Innanzitutto si tratta di una formazione completamente acustica, infatti il fagotto e la tromba dei due si incrociano con il piano di Tonino Miano e con la batteria di Andrea Melani. Parlerei di jazz anche se credo che gli appassionati del genere potrebbero rimanere disorientati, mentre i Carinal potrebbero rimanerne quasi offesi dato che il loro suono tocca quest'ambito molto alla larga. Il fatto è che questo è il jazz come molti lo vorrebbero o lo volevano far diventare ed è portato lì dove pochi hanno il fegato di trascinarlo. Se non fosse per il fatto che non ci suona dentro, se Davis fosse ancora vivo finirebbe per innamorarsene, infatti pur non avendo nessun appiglio con la musica del vecchio Miles, quello spingersi sul confine della "twilight zone", il modo di dosare gli interventi qua e l‡ lasciandosi al minimo indispensabile sarebbe piaciuto tanto a quel negro incazzato. Il background "colto" o "conservatoristico" di Cosottini e Pisani ogni tanto esce come nei primi minuti di "Radici" ma il gioco con Miano e Melani si sposta su di un altro campo, si tratta di due musicisti molto asciutti e i cui interventi sono a dir poco misurati, nonostante ciò si sentono e fanno davvero la differenza. Il gioco di squadra mi potrebbe far pensare al canottaggio del "4 con" ed in questo caso il "con" è quella specie di spartito grafico fotografato all'interno copertina e dal quale deduco che si tratti di un'improvvisazione con dei paletti. Che non si tratti di un "free" con libertà assoluta d'altro canto era intuibile anche dal fatto che le geometrie in più di un momento sono così simmetriche da sembrare composte, anche in questo sta la bravura dei Cardinal ovvero nel muoversi lungo un'improvvisazione che mira a contenere il pezzo fra un ipotetico inizio ed una possibile fine. Atmosfere notturne, dissonanti, tristi ma mai depressive, infatti nonostante una serie di armonizzazioni e di disarmonie non proprio semplici si ha comunque l'impressione che la melodia ed una sorta di interpretazione della tradizione permangano come indicazione base nella geografia sonora del combo. Un lavoro molto pulito e molto educato, di chiara matrice europea, se non fosse per certe sfumature mi ha quasi ricordato alcuni lavori su ECM a firma di qualche musicista scandinavo, eppure resta l'idea di un lavoro in bilico fra la fruibilità e la cerebralità, ma direi che ormai si tratta di un segno distintivo per molte delle registrazioni uscite su GRIMedia ed in questo caso anche per la francese Impressus. Molto bello e molto, molto fine.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/3/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´