`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´

Autore disco:

EA Silence // Serendipity

Etichetta:

Amirani, Grim, Mediaducks (I) // Amirani (I)

Link:

www.amiranirecords.com
www.grim-italia.org
www.mediaducks.info

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) after machines 2) medusa 3) nuovi topi ad Ur 4) jaquar e aimèe 5) avvio 6) assenza 7) exmod2 8) si chinerà al vento // 1) part #1 2) part #2 3) part #3 4) part #4 5) part #5

Durata:

40:15 // 44:07

Con:

Luca Cartolari, Mirio Cosottini, Alessio Pisani // Gianni Lenoci, Carlos Zingaro, Marcello Magliocchi

jazz epico ed evocativo

x Alfredo Rastelli

“Cono di ombra e luce” ad opera del EA SILENCE, trio composto da Luca Cartolari degli Anatrofobia al basso e all’elettronica, Mirio Cosottini alla tromba e ai fiati ed Alessio Pisani (anche lui per un periodo con gli Anatrofobia) al fagotto, è un disco di jazz evocativo, a tratti epico, con richiami ad atmosfere medievali (medusa) ed alla musica contemporanea (exmod2); l’uso appropriato dell’elettronica fa da sfondo e crea la giusta atmosfera per gli inserimenti degli strumenti a fiato (notevoli i riverberi di after machines) ma è anche parte integrante del gioco di improvvisazione (jaquar e aimèe) al pari degli strumenti stessi; l’influenza degli Anatrofobia affiora di qua e di là, soprattutto nell’incedere di nuovi topi ad Ur e in avvio (molto bella) ma i tre si staccano dai modelli di base spingendo su una spiritualità e una liricità inusuali, sviluppandone il lato più romantico e celebrativo. Un prodotto certamente di qualità
Senza nulla togliere all’EA Silence, “Serendipy” presenta un trio d’eccezione, con Gianni Lenoci al piano preparato, Carlos Zingaro al violino e Marcello Magliocchi alle percussioni. Le cinque improvvisazioni sono magnifiche, vive, sotto tutti i punti di vista, dagli intrecci strumentali irrefrenabili ma perfetti (l’iniziale part #1), alla capacità di improvvisare ma di essere anche ‘melodici’, e in questo il lavoro di Carlos Zingaro è da pazzi. È lui, infatti, a prendere il volo sul tappeto sonoro in perfetta simbiosi del piano di Lenoci e le percussioni di Magliocchi, quasi fossero una persona sola. Nei momenti più riflessivi (vedi part #2 e la bellissima part #3 con un Lenoci in grande spolvero) viene invece in evidenza l’affiatamento dei tre musicisti che sanno esattamente quando e come suonare, nel rispetto reciproco. Abbiamo parlato delle qualità di Lenoci e Zingaro ed ecco uscire fuori Marcello Magliocchi che nella traccia di chiusura (part #5) da il meglio di sé trascinando il trio in un degno commiato. Tra i migliori dischi di improvvisazioni di questa prima metà dell’anno.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/3/2010
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2010 ...

`Il crollo della stufa centrale´  

`Folkanization´  

`Babirussa Capibara´  

`Compassione e risentimento´  

`Improvisations 1-4´  

`C'est la dernière chanson´  

`The angular acceleration of light in the unsound mind of my uncle dead in Michigan´  

`At The Cut´  

`And´  

`The impossible story of Bubu´  

`Lake Effect´  

`Renegades´  

`6 canzoni´  

`Erimos´ // `Kapnos´  

`A Guide To The Music Of The 21st Century´  

`PIVIXKI´ // `End of Daze´  

`Comunicato n.2´  

`The Modern Expressing Machines Of Revolutionary Youth Laboratory´  

`Kristallivirta´ // `Monsters & Miasmas´ // `Little things´ // `Live at the LUCREZIA´ // `Tron´ // `Conference of the aquarians´  

`Controverso´  

`Sleepless Night´ / `Marit´  

`Pantagruele´  

`Abisso del passato 1 & 2´  

`Brewed in Belgium´  

`La Chanson de Mai´  

`Anche i Cinghiali Hanno la Testa´  

`A Little May Time Be´  

`You A Lie´  

`Cardinal´  

`Lamo La Stiabe´  

`To Humble a Nest´ // `Days´  

`Voices´  

`When The Rains Come´ // `Live at Cox 18, 17-10-2009´  

`Cono di ombra e luce´ // `Serendipity´  

`Sicotronic Records´  

`Il tempo dei lupi´  

`Someday I will be called upon regarding matters of tone - Collected Works: Volume One´  

`Dead man’s bones featuring the Silverlake conservatory of music children’s choir´  

`The Science of Chaotic Solutions´  

`The mutant affair´ // `Le politiche del prato´  

`ricamatrici´  

`Il Nuovo è Al Passo Coi Tempi´  

`Ode´  

`Larkin Grimm And Rosolina Mar´ // `Last Days Vol. II´  

`Noble Art ´  

`Yawling Night Songs´  

`Maddalena, Maria´  

`Twig and Twine´  

`Qui Jiang Lu´  

`Video Music´  

`III° Tagofest´  

`Sliptong´ // `Hazentijd´  

`Agaspastik´ // `Zero Centigrade´  

`Sui´  

`Black Lotos´ // `Silence Is The Only Music´ // `We Were The Phliks´ // `Celestial Flowings´  

`Infininiment´  

`La musica rock-progressiva europea´  

`La Vergine e la Rivoluzione´  

`da nessuna parte´  

`L’ultimo re´ // `Live at Arci Blob´  

`Distances´  

`ん´  

`Protoplasmic´  

`Doves Days in Palermo´ // `Diospyros´ // `Hyaline´  

`We’ve tried nothing and we’re all out of ideas´  

`Il fuoco´  

`24/01/2010´  

`Rrrruuuunnnniiii´  

`The carpenter´  

`Populargames´  

`Helen Money´ // `In Tune´  

`Holy Broken´  

`Orastanne´ // `Live @ LHUBrificio´  

`Ovations´  

`Rid the Tree of its Rain´  

`Il Nuovissimo Mondo´  

`E’ltica, Sermony Your Nihilism´  

`Dante Concert´  

`Tales From The Sky (H) Earth´ // `Meditation On Mystery Bird´ // `God Has A Dog Dog Has A God´  

`Kreuzung Zwei (Creatura Per Creaturam Continetur)´  

`Notte di mamma´  

`Multitude´  

`Sator´  

`Ghostly Garden´  

`Guano padano´ // `Musica per Ciarlatani Ballerine e Tabarin´  

`The Venetian Book of the Dead´  

`I Could not Love You More´  

`Fractal Psych-obsessions For Rural Chaos´  

`Sunlight & Water´  

`Razoj´  

`The World of Make Believe´  

`Siamo Nati Vegetali´  

`Popular Greggio´  

`We Are All Counting On You, William´  

`Iron Kim Style´  

`Kc´  

`The Road´  

`Fortresses´  

`Stateless´  

`Comfortable problems´  

`Extreme Dreaming´ // `Disco Blu´  

`Ai Piedi del Monte´  

`Seasick Blackout´  

`Mid Summer At The Winters´  

`In Absentia´  

`15 Improvisations for Solo Electric Guitar´ // `12 Improvised Compositions for Solo Electric Guitar´  

`Alle Basi della Roncola´  

`Scarnoduo´  

`Dna ep´ // `Hangover the top´ // `Made flesh´ // `Three hundred´  

`Sequens´ // `Hums´  

`Im Not As Good At It As You´  

`From The Wooden Floor´  

`Electric babyland´  

`Durée´  

`Volume 3 - r.u.g.h.e.´ // `Volume 4 – Onde´ // `Volume 5 - Demon Cycle, 1-9´  

`Progress/Regress´  

`Beurk´  

`Songs About Music´  

`In due corpi´  

`Tempesta di fiori´  

`Alive and Rising´ // `III´ // `Malelieve´  

`Yellow´ // `Drawings / Back To The Plants´ // `Alchemy´  

`Sold Out! (25 Soundtracks)´  

`Chicken Feet (Live at the Bimhuis)´  

`Never Pet A Burning Dog´  

`Low Sun / High Moon´  

`Phonometak #7´  

`Tube Overtures´  

`Music in Four Movements´  

`The City Of Simulation [14 audio-visual poems]´  

`Waiting For The Darkness´  

`L'isola´  

`Clan´  

`Our Prayer´ // `Up To Earth´  

`Harold Nono / Hidekazu Wakabayashi´  

`Tajga´  

`Techno Lovers´ // `Karel Thole´  

`Instruments of the Devil´