`Choose´

Autore disco:

Ssick

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

www.ssickproject.com

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) The Inorganic Arm 2) Coral Red 3) Screw And Washer 4) Modern Human 5) The Altitude

Durata:

21:05

Con:

Angelo Russo, Alessandro Volpi, Enrico Anicito Guido, Davide Sandri, Claudio Palo, Chiara Fedele

Trent se sei in ascolto batti un colpo, violento e secco come sai tu

x Matteo Uggeri

Quando anni fa comprai (usato) il CD di “Anti-Christ Superstar” Paolo Ippoliti (dei Logoplasm, ben conosciuti su queste pagine), mi disse col suo accento dei colli romani «C’hai 30 anni e te stai a comprà ‘r disco de Marilyn Manson». Io fissai un attimo la copertina cartonata e consumata del CD che avevo in mano e risposi fieramente «».
Ero già un fan dei Nine Inch Nails quando uscì quella roba, e ne rimasi folgorato: l’incrocio tra la produzione sopraffina di Trent Reznor e le capacità vocali e sceniche dei (precedentemente) mezzi metallari americani funzionava divinamente, producendo un mix di sentita rabbia, calibrata perversione, malinconica e controllata tristezza, apparentemente pure piuttosto sincera (uno con la faccia di Marylin Manson non può svegliarsi allegro la mattina, soprattutto se s’imbatte nello specchio prima del trucco). Il disco ha fatto alcuni proseliti, più o meno riusciti, e spero che i qui presenti Ssick, creatura del leader Angelo Russo non se ne avranno a male se li iscriviamo a pieno titolo tra questi. Voce raspante, rabbiosa al punto giusto, ma mai urlata, trattenuta in quel disgusto adolescenziale sì, ma anche in qualche modo ‘vero’, chitarre distorte ma quadratissime, assoli quasi assenti, batteria secca, elettronica quanto basta e tastiere e basso a condire il tutto con un tocco new wave.
Su tutto vince, come brano migliore del lotto, l’apertura di The Inorganic Arm, purtroppo penalizzata, come tutto il disco (che peraltro è coraggiosamente autoprodotto) da una registrazione e produzione in carenza di mezzi. Una musica del genere deve spaccare le casse, ma del resto non tutti purtroppo hanno alle spalle un produttore vestito di pelle e pieno di soldi (ed esperienza) come il caro vecchio Trent. A lui auguro di passare sul Myspace di Ssick e lasciarsi prendere dalla loro musica.

Nota speciale di merito per la press sheet, che in questo caso riporta, in luogo del canonico (e lecito in fondo) name-dropping, le ragioni emotive e concettuali del disco, offrendo una chiave di lettura che ne aumenta il valore.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 21/1/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´