`FreeFall´

Autore disco:

Magliocchi, Carter & Lenoci

Etichetta:

Setola di Maiale (I)

Link:

www.setoladimaiale.net/

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Touching 2) Freefall I 3) Albert's Love Theme 4) Freefall II 5) Mr. Joy 6) Freefall III

Durata:

?

Con:

Gianni Lenoci, Kent Carter, Marcello Magliocchi

…horror vacui? No, grazie!

x Andrea Ferraris

Un giorno nella cassetta delle lettere trovo un pacchetto con dei cd che hanno come unico trait d'union il fatto che si tratti di materiali provenienti dal jazz e che dietro alla batteria e percussioni siede Marcello Magliocchi. Al di là del collaborare con gente come Gianni Lenoci e molti altri basta un rapido ascolto per vagliare la capacità di questo batterista, ed al di là dei riferimenti e del background jazzistico che ovviamente fa capolino nel modo di suonare si tratta di un batterismo pulito, a tratti leggere, mai troppo scomposto e per nulla invasivo, se questo vi pare poco. In questo trio alla presenza determinante ed allo stesso tempo soft di Magliocchi compaiono il solito pianismo da "buisness class" di Gianni Lenoci ed il contrabbasso di Kent Carter che fra da collante fra i due musicisti italiani. I tre si lasciano vicendevolmente spazio senza cedere ai dogmi dei vari "solo" alternati in modo dogmatico, quando c'è uno spazio libero ognuno se lo prende senza per questo diventare troppo ingombrante. Tutto il lavoro risulta molto light e si gioca quasi completamente sull'atmosfera, tant'è che si ascolta tutto d'un fiato come d'altro era immaginabile visto che si tratta della registrazione di un live al Time Zones Festival di Bari. Visto che giustamente qualcuno potrebbe lamentarsi del fatto che jazz voglia dire tutto e nulla, si tratta di musica a tratti molto fruibile ma non per questo esageratamente easy, allo stesso tempo nel lavoro dei tre mi sembra di ritrovare una vaga venatura da psichedelia anni Settanta che è quello che mi fa piacere ancora di più questo disco e lo stacca da quel contesto improvvisativo dove molti dischi purtroppo finiscono con l'essere uno uguale all'altro. Se aderire ad un linguaggio significa ottenere dei risultati del genere ben venga: "morte al jazz, lunga vita al jazz!!"


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/4/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´