`Live at Bloom 22/2/2011´

Autore disco:

Wire

Etichetta:

Bloom

Link:

www.bloomnet.org/

Formato:

concerto

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

-

Durata:

2 ore circa

Con:

Colin Newman, Edvard Graham Lewis, Robert Grey (Gotobed), Matt Simms

...arrivarci così a quell’età!!!!

x Matteo Uggeri

Il dottor Tranato è un uomo sui cinquanta, con gli occhialini squadrati e la piazzetta sul cucuzzolo di una testa vagamente ancora riccia. Anni fa era il tipo di dottore che ti diceva sempre “non si preoccupi, prenda questo e questo poi mi faccia sapere come va”. Poi pare abbia preso troppo alla leggera la tosse di una paziente che è morta il mese dopo, e adesso ti manda dal cardiologo anche se hai un raffreddore. Alla fine è un buon uomo, fa anche una certa tenerezza.
Colin Newman assomiglia paurosamente al dottor Tranato. Come aspetto fisico intendo. Un cinquantenne qualsiasi, con un’espressione vagamente preoccupata dipinta sul volto, praticamente sempre. Solo che a differenza del dottore Colin Newman se ne sta su un palco con una (anzi tante, è da sempre un fan dell’accordatura aperta) chitarre in mano a schiacciare qualche centinaio di spettatori contro i muri di posti come il Bloom di Mezzago. Ma anche lui fa un po’ di tenerezza, quantomeno all’inizio, quando pensi a quante ne ha viste dalla fine dei settanta ad oggi, prima di arrivare qui in Brianza a suonare di fronte a persone che per la più parte hanno pochi anni meno di lui (ma qualche giovine c’è). Dopo un po’ però alla tenerezza si sostituisce un profondo rispetto, poi stima, poi un sentimento a cavallo tra l’invidia e il timore reverenziale. E lo stesso si può ovviamente dire degli altri due sodali, un Graham Lewis dall’aspetto forse più curato e bizzarro (indossa un cappellino nero à la Boyd Rice ma addolcito da un buffo pon pon rosso in cima) e un Robert Gotobed che in canottiera nera dalle retrovie mena sulla batteria come un metronomo.
Così, dopo un venti minuti di concerto smetto di storcere il naso di fronte ad una musica che, nelle sue ultime derive (dal ritorno di “Read & Burn” fino all’ultimo “Red Barked Tree”) su disco non mi ha mai convinto, per abbandonarmi ad un sentimento di stupore nei confronti di questi personaggi che hanno bene o male scritto la loro importante pagina nella storia della musica pop. Il concerto scorre molto energico, e fa piacere scoprire che i tre non hanno paura a pescare nel passato, rivisitando nella chiave più elettrico/distorta di oggi vecchi classici come Boiling Boy, momento migliore del concerto, o perfino brani dai primissimi dischi, tra cui una Two People in a Room invecchiata benissimo. Almeno quanto loro. Non stona nemmeno il giovane virgulto assoldato per ricoprire il ruolo del deficitario Bruce Gilbert (che vista l’età ancora più avanzata ha da tempo ormai lasciato il gruppo): si vede che si diverte di più con i pezzi veloci e di stampo più punk, e a tratti fa tenerezza pure lui per come sembra dipendere dagli altri tre.
Tra i momenti migliori del live anche i due pezzi in cui Lewis prende la scena e il microfono (in particolare Bad Worn Thing, per me il miglior brano dell’ultimo disco), da sempre a mio avviso voce meravigliosamente espressiva ma sotto-utilizzata se non nel capolavoro “154”.
Il pubblico chiede due bis e loro li concedono, scaldandosi su un finale di chitarre quasi noise molto in odore di quanto fa Justin Broadrick per scaricarsi alla fine dei suoi live, con l’inquietante differenza che Newman a concerto concluso alza le braccia impugnando un noto telefono di una nota azienza (che non citerò proprio per non fare pubblicità) per sventolarlo davanti a un pubblico soddisfatto ma incredulo, con tanto di spot vero e proprio al microfono, in cui il poveretto bofonchia un imbarazzato “This is an [nome del telefono]”.
Anche il dottor Tranato ha quel telefono lì. Che lo tenga anche lui in studio per farne pubblicità?
Cosa non si fa per campà.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/7/2011
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´