`Getting Closer´

Autore disco:

Warmth Terminal

Etichetta:

Hibernate (GB)

Link:

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) On that Day 2) They Sat Down and Sighed Happily 3) It’s All Around Us 4) See in Slow Motion

Durata:

44:14

Con:

David Lancaster

musica immobile

x Matteo Uggeri

È stato massacrato da una severissima recensione della webzine americana The Silent Ballet questo disco del quasi esordiente Warmth Terminal (in attivo, come il compagno di scuderia Talvilhorros, una cassetta su My Dance The Skull). La critica faceva riferimento alle note di una press sheet, che grazie a Dio non ho letto. Pare che in essa si faccia riferimento a ‘microscopici e graduali passaggi di tonalità”, ed in effetti ad ascoltare le fisse successioni di accordi e note di synth di questo “Getting Closer”, non posso che concordare sul fatto che la tonalità resta invariabilmente la stessa all’interno di ognuno dei quattro lunghi brani. Ciò denota però più una scarsa padronanza del linguaggio musicale che un’effettiva mancanza di qualità del lavoro. Siamo d’accordo, non è il disco del secolo, e ad orecchie esigenti parrà monotono e privo di dinamiche, armonicamente piatto. Ma al di là di questo, che si potrebbe comunque dire di tantissime musiche, in primis dell’ambient (cui questo lavoro appartiene), il disco ha un suo fascino, una sua ragione d’essere proprio nella rilassata fissità, nel suo scorrere lento, nello stratificarsi di consonanze prive di guizzi ma non per questo noiose. Se fosse suonato con sintetizzatori vintage, con magari qualche distorsione qua e là quelli di The Wire lo potrebbero chiamare hypnagogic pop [ragazzi, è il genere musicale dal nome più snob della storia], altri lo bollerebbero come musica per aeroporti degli anni zero, per noi un ottimo disco di piuttosto distensiva ambient music che di certo non farà la storia ma farà felici molti amanti del genere. Attenzione alle tracce della seconda parte però, le cui stratificazioni ottengono un effetto quasi soffocante, portando l’attenzione dell’ascoltatore verso territori progressivamente più ansiogeni.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/4/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´