`Illuminate´

Autore disco:

LITE

Etichetta:

Transduction (IRL)

Link:

lite-web.com/
www.youtube.com/watch?v=ENsJCjBPlNo&feature=player_embedded

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Drops 2) Image Game 3) On the Mountain Path 4) Andromeda 5) 100 Million Rainbows 6) The Sun sank 7) Tomato 8) Vermillion

Durata:

Con:

Nobuyuki Takeda, Kozo Kusumoto, Jun Izawa, Akinori Yamamoto

la tecnica al servizio delle emozioni

x Matteo Uggeri

Avevamo liquidato il precedente lavoro dei bravi giapponesi con un occhiello che, rivisto adesso, mi fa rendere conto di quanto a volte si sia impietosi nel giudicare i lavori altrui. «Buona tecnica ma senza fantasia» era stato un giudizio dettato dalla (personalissima, lo ammetto) antipatia verso i virtuosi che sembrano, forse inconsciamente, rinunciare alla ricerca di una musica espressiva perché troppo concentrati su arzigogoli tecnici frutto di anni di studi e gran talento. Ebbene, forse anche in virtù di una produzione più attenta (c’è dietro quel fottuto genio di John McEntire, uno che ha sia tecnica che cuore) i quattro virtuosi giapponesi realizzano un disco splendido, dove i tecnicismi (cambi di tempo, stop and go, ritmiche composte, intrecci melodici…) non sono fini a sé stessi ma splendidamente emozionali. Ecco che la quasi samba di Image Game (a uno dei link riportati sopra trovate il video, semplice semplice e particolare perché non si vedono mai le facce dei musicisti) ha delle venature malinconiche ma al tempo stesso sorprende battuta dopo battuta per le sorprese ritmiche e puramente creative. Ottimo poi l’uso di un’elettronica - assente nei dischi precedenti - ma che qui (forse ancora complice l’americano) spunta dove si deve a impreziosire ancora di più il tutto (e anche in un’intro brevissima ma di sognante bellezza). Il suono del synth si fa forse eccessivo negli attacchi davvero tamarri di Ten Millions Rainbows, roba che manco i Trans Am più caciaroni avrebbero fatto, ma alla fine quando affonda tra bassi, batteria e chitarre anche il sintetizzatore trova il suo perché perfino nei tratti eighties di terrificante pathos kitsch di The Sun Sank.
Chiude, come per il disco precedente, il brano più bello: una commovente Vermillion che con le sue chitarre acustiche, gli assoli elettrici epici e la batteria che rotola sui tom metterebbe d’accordo i fan dei Cure con quelli dei Dream Theatre. Forse. Sui secondi non garantisco. Me ne tengo alla larga.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 25/3/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´