`Folia´ // `Rebetika´

Autore disco:

Kyriakides & Moor

Etichetta:

Unsounds (NL)

Link:

www.unsounds.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Folia Part 1 2) Folia Part 2 3) Folia Part 3 4) Folia Part 4 5) Folia Part 5 6) Folia Part 6 7) Folia Part 7 // 1) Minores 2) Katsaros 3) Vamvakaris 4) All Is Well 5) Haremi 6) Delias 7) A School Burnt Down 8) Sucker 9) Five In Hell

Durata:

42:16 // 52:30

Con:

Andy Moor, Yannis Kyriakides

assimilare il passato per conquistare il futuro

x e. g. (no ©)

«La Follia (o Folia) è un tema musicale di origine portoghese tra i più antichi della musica europea, originato nei secoli XVI e XVII. Per estensione follia è passato ad indicare anche una musica folk delle isole Canarie o una Folia de Reis brasiliana cantata durante la celebrazione della fine della schiavitù nel XVIII secolo, che si svolge dal 24 dicembre al 6 gennaio.» (da wikipedia)
«Il Rebetiko (Ρεμπέτικο) o Rebetika (Ρεμπέτικα) (plurale) è un genere della musica greca. In Grecia è considerato come il tango per gli argentini, il blues per gli americani e come il fado per i portoghesi. È nato nei bassifondi della società greca, da persone emarginate che volevano raccontare i loro disagi o le loro peripezie tramite la musica. La tematica delle canzoni riguardava storie di povertà, prigione, droghe, storie d'amore, problemi sociali, prostituzione... in modo passionale, a volte triste e a volte ironico o scherzoso.» (da wikipedia)
Andy Moor, cresciuto a pane e acqua nelle barricate scavate dagli olandesi Ex. Yannis Kyriakides cresciuto sui testi della musica contemporanea fra le barricate ben più pesanti che dividono la comunità cipriota greca da quella turca. Quando la loro collaborazione ebbe inizio non avrei giocato un soldo bucato sulla sua riuscita. E invece, complice anche la gestione comune dell'ottimo marchio Unsounds, quel connubio si è consolidato e sta oggi alla base di operazioni sempre più definite, quali quelle portate a termine con questi “Folia” e “Rebetika”. A dire il vero sembra che i due abbiano puntato le loro chance più su quadri solisti quali "Antichamber" e "Marker" o, nel caso del solo Moor, sugli incontri con Anne James Chaton ("Le Journaliste") e Colin McLean ("Everything But The Beginning"), peraltro tutti ottimi lavori che consiglio ai nostri lettori.
Dico ciò in notazione a confezioni che, contrariamente alle produzioni licenziate solitamente sotto il marchio Unsounds, appaiono estremamente povere per struttura e per informazioni. Invece a me sembra che questi due dischetti rappresentino, in un certo senso, un punto d’arrivo e un punto di partenza in contemporanea.
Va detto che, rispetto agli inizi, entrambi i musicisti sono ‘molto’ maturati. Il chitarrista s’è molto sgrezzato, pur conservando l’energia e l’immediatezza punky degli inizi, e stilisticamente sembra aver concepito una specie di sintesi fra John Cipollina e Marc Ribot. Da parte sua il musicista cipriota ha fatto molti passi avanti in una personale ricerca che conglomera una certa forma di neo-classicismo con le tendenze più avanzate della musica elettronica contemporanea.
Da qui alla piena riuscita di un amplesso sonoro tipo quello proposto dai due il passo è comunque ancora lungo. Soprattutto se tale amplesso avviene in un terreno scivoloso qual è recupero creativo delle tradizioni, anche se va detto che singolarmente entrambi hanno già maturato delle esperienze in tal senso (Moor saltuariamente con gli Ex e in maniera più sistematica con gli splendidi Kletka Red mentre Kyriakides, per quanto ne so, ha suonato l’oud in gruppi di musica tradizionale greco-turca).
Ma è ancora poco. Dove sta quindi il segreto della riuscita di questi due CD? Avete mai sentito parlare di ‘affinità elettive’? E credo che quella fra i due, partiti da punti così distanti fra loro, sia proprio una faccenda di affinità, o meglio ‘sensibilità’, elettive.
La loro rilettura di folia e rebetika avviene in un’ottica propriamente contemporanea - o meglio, futuribile – e si propone come trampolino di lancio verso nuovi universi (sonori) da conquistare.

Andy Moor e Yannis Kyriakides suonano Giovedì 4 Novembre al Complesso le Murate di Firenze (info@cab008.com all’interno di una rassegna che prevede anche Ikue Mori (11 Novembre), Kaffe Matthews (18 Novembre), Attila Faravelli (25 Novembre) e Andrea Parkins (2 Dicembre).


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/5/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´