`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´

Autore disco:

Ghédalia Tazartès // Ghédalia Tazartès // Reines d’Angleterre

Etichetta:

Tanzprocesz (F) // Hinterzimmer (CH) // Bo’Weavil (GB)

Link:

tanzprocesz.free.fr/
www.hinterzimmer-records.com
www.boweavilrecordings.com
www.myspace.com/operamort
www.myspace.com/hellget

Formato:

CD // CD // LP

Anno di Pubblicazione:

2009 // 2010 // 2010

Titoli:

1 - 20) senza titolo // 1) un 2) deux 3) trois 4) quatre 5) cinq 6) six 7) sept 8) huit 9) neuf 10) dix 11) onze 12) douze 13) treize 14) quatorze 15) quinze 16) seize 17) dix-sept 18) dix-huit 19) dix-neuf 20) vingt 21 vingt et un 22) vingt-deux 23) vingt-trois [24) Ave Maria 25) Ave Maria] n.d.r.: gli ultimi due titoli non sono riportati nelle note // 1 – 6) senza titolo

Durata:

44:43 / 55:45 / 37:00 ca.

Con:

Ghédalia Tazartès // Ghédalia Tazartès // Ghédalia Tazartès, Jo, él-g

il teatro dell’assurdo (o della follia) di Ghédalia Tazartès

x e. g. (no ©)

Capita. Pubblichi alcuni dischi, di discreta risonanza nei meandri del sottosuolo, e poi scompari inghiottito nel nulla. Riemergi per interessamento di qualche musicista più giovane che ti reputa un maestro, dopo molti anni e quando ormai sembra che tutti si siano scordati di te, e in breve tempo pubblichi una messe di dischi tale da oscurare la tua scarna discografia precedente.
È quanto è capitato, né primo né ultimo, al francese Ghédalia Tazartès.
"Repas Froid" e "Ante-Mortem", non troppo dissimili nel contenuto, raccolgono rispettivamente materiale d'archivio e registrazioni più recenti di brani non sempre inediti (la quinta pista di "Ante-Mortem", per esempio, era già presente in versione diversa, e con titolo Bepe La Bulaka, nella ristampa del 2006 di “Check Point Charlie” ).
Si tratta di sketch piuttosto corti, privi di titolo ma ben rappresentativi della ‘folie’ che anima questo ‘homme avec le chapeau’. Loop, taglia e cuci, nastri accelerati e rallentati ed altri accidenti servono a mettere in rappresentazione situazioni e stati d’animo attraverso l’utilizzo di brandelli di musica, mantra vocali e/o frasi rubate alla strada. La cosa più stupefacente è la capacità di utilizzare i medesimi canovacci per costruire innumerevoli scene affatto diverse: sentite un po’ quatre, six, sept e huit su “Ante-Mortem”. E poi per Ghédalia non esistono generi inviolabili: opera lirica, musiche etniche, jazz, rock, musica concreta, musica religiosa… tutto può servirgli per creare i suoi pazzi excursus... che sia arrivato al post-everything in anticipo sui tempi?
Pur nella consapevolezza di ciò, riesce a sorprendere la presenza delle due Ave Maria, una in versione gospel sincopata e l’altra shubertiana, in chiusura del secondo CD.
Altro discorso, almeno in parte, per il vinile accreditato al trio di ‘regine inglesi’ dove Tazartès è affiancato da due giovani musicisti elettronici che, insieme, formano l’entità Opéra Mort (Jo è anche il responsabile di Tanzprocesz, il piccolo marchio discografico che ha pubblicato “Repas Froid”). Il disco esce per la collana Sidra Editions della Bo’Weavil, ed è fottutamente bello da tenere fra le mani, nella sua elegante confezione in nero con scritte in bassorilievo (un classico ‘objet’ da collezione). I brani, mediamente più lunghi rispetto a quelli dei due CD, sono stati registrati in parte in pubblico e in parte presso lo studio personale di Tazartès. Il materiale, pur senza allontanarsi considerevolmente dal mood tazartèsco, presenta caratteristiche più sciamaniche, come se i tre fossero stati guidati da Antonin Artaud in visita al paese dei Tarahumara. E così il teatro dell’assurdo si converte in teatro della crudeltà.
‘Bon dieu’, lasciatevi prendere per mano (e per il culo) da questi suoni…


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/5/2011
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´