`Phonometak #8´

Autore disco:

Scarnella / Fluorescent Pigs

Etichetta:

Wallace Records, Phonometak (I)

Link:

www.wallacerecords.com/

Formato:

10-inch

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Alluvium 2) What I did today 3) Sparkler for runaway 4) Butanuku meeting

Durata:

26:54

Con:

Carla Bozulich, Nels Cline / Andrea Belfi, Alessandro “Asso” Stefana

Ottimi Fluorescent Pigs, rimandati Scarnella

x Daniele Guasco

Pur seguendo con attenzione le varie incarnazioni di Carla Bozulich, artista incredibile per la sua istrionica vitalità musicale e per la capacità di saper scandagliare anfratti sonori sempre inediti con risultati spesso entusiasmanti e toccanti, non avevo mai ascoltato nulla fino ad ora di questo progetto Scarnella che la vede affiancare Nels Cline.
I tre brani contenuti nel primo lato di questa ottava uscita delle serie Phonometak però mi hanno lasciato abbastanza indifferente a causa dell’eccessiva freddezza delle composizioni. Gli algidi paesaggi sonori costruiti da questo duo contengono spunti musicali notevoli, e quando emerge la voce della Bozulich in “What I did today” nel suo solito splendore vengo colto dalla solita meraviglia, ma arrivato a fine ascolto mi sembra che a queste canzoni manchi quella capacità di emozionarmi che mi ha sempre fatto apprezzare i lavori e i progetti di questa sensazionale artista. Deluso quindi ma col beneficio del dubbio. Dubbio di non aver saputo apprezzare pienamente la proposta sonora nonostante i numerosi ascolti questi tre brani sospesi tra impressioni musicali rarefatte e sature, arpeggi obliqui e placidi rumori.
A incantarmi è stato invece il secondo lato affidato al progetto Fluorescent Pigs di Andrea Belfi e Alessandro Stefana. Un’unica lunga cavalcata tribale in cui il suono della chitarra impazzisce andando a imbastire note imprevedibili e laceranti su ritmi primordiali incalzanti.
Un monolite sonoro in cui i due musicisti sembrano rincorrersi con risultati entusiasmanti tra trovate spiazzanti proponendo un brano in continua mutazione dai colori sgargianti e abbaglianti. Arrivato a fine ascolto sono rimasto totalmente appagato ma con un enorme voglia di avere presto tra le mani altro materiale di questa fattura, accontentandomi per ora di far ripartire la puntina dall’inizio di questo splendido lato b.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/5/2011
  Torna al Menù Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´