`Third segment´

Autore disco:

3EEM

Etichetta:

Chewz (I)

Link:

www.chewz.net/release/view/CWZ016

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Supergatto 2) Oaxaca 3) Slow Motion 4) Concreti 5) Free Karma Food

Durata:

Con:

Danilo Corgniati, Fabrizio Bazzoni, Valerio Zucca

…quando oggi era ancora domani

x Andrea Ferraris

Ve li ricordate i 3EEM? Io sì, eccome, li avevo scoperti all'epoca del loro debutto su Small Voices, avevo comprato il loro cd da Alessandro Cartolari degli Anatrofobia che mi raccontava di come uno di loro avesse inciso per una sussidiaria della Staalplaat in tempi non sospetti. Li avevo seguiti nelle varie fasi dalle net release inglesi, fino ad arrivare a questo nuovo cdr extralusso che alo stesso tempo è una net-release siglata per la Chewz. Si tratta di un gruppo fine e di gran gusto in ogni sua fase, con delle caratteristiche particolari a partire dalla strumentazione base chitarra-sax-elettronica, membri di Isobel, Ulna e quel Valerio Zucca che come Abstract Q firmava cdr in stile Warp per la Bake records, se vi pare poco. Se in altri dischi, in alcuni episodi li avevo trovati meno riusciti degli esordi, sono più che mai convinto che con questo nuovo lavoro siano ritornati ai massimi livelli, non a caso da voci di corridoio so che questo doveva essere lo stesso disco che era in lizza per uscire su quella Karlrecords che aveva dato alla luce diversi lavori di Laswell, String of Coniousness. A differenza degli albori i canavesani sono andati lavorando molto di più sulla struttura e sull'idea di pezzo, l'elettronica di Zucca si è andata svuotando di quei tratti magmatici che contraddistinguevano la prima release, la chitarra pur rimanendo molto "post-rock" dialoga maggiormente con il sassofono e va mimetizzandosi sullo sfondo e Bazzoni si alterna fra chitarre quasi shoegaze tenute indietro all'interno del mix (come il dogma del genere menzionato propone per contraddistinguerle) e un sax jazz-lounge che mi ricorda dei vecchi lavori elettro-jazz dei Novanta. Vecchio stampo? Non esattamente, anche se di sicuro si tratta di un ibrido con forti venature vintage e non parlo solo delle rifiniture di sax, ma anche del gusto wave nelle melodie, ma con che stile! Ci sono dei passaggi sui livelli di alcuni dei migliori spot televisivi di liquori o di alta moda e forse chi è abbastanza vecchio per ricordarsi quello di cui parlo capirà che intendo. La produzione è perfetta: digitale, compressa per quel che riguarda il profilo ritmico ed elettronico del lavoro ma non per questo fredda, infatti il calore delle chitarre e del sax sono rimasti inalterati e rendono il nuovo segmento con un profilo molto umano. Il classico disco che dimostra quanto si possa trovare altra elettronica figa oltre al dubstep.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 2/3/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´