`No Room For The Weak´

Autore disco:

Father Murphy

Etichetta:

Boring Machines (I) / Aagoo Records (USA)

Link:

www.boringmachines.it
www.discogs.com/label/Aagoo+Records
www.madcapcollective.com

Formato:

CD / 10 pollici

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) We now pray with two hands, we now play with true anger 2) Until the path is no longer 3) You got worry 4) There is a war

Durata:

23:12

Con:

Freddy Murphy, Chiara Lee, Vittorio Demarin

Quattro nuovi incubi psichedelici, da cui non ci si vorrebbe svegliare mai / giusti eredi della musica malata

x Daniele Guasco / Matteo Uggeri

A due anni di distanza da “…And he told us…”, per me l’album migliore uscito nel 2008, un disco che ancora oggi ascolto con piacere e sorpresa, arriva questo “No room for the weak”, nuovo ep dei Father murphy. Il trio trevigiano non sta facendo molta strada solo con i frequenti tour americani, ma anche con la sua musica a ogni episodio più unica, radicale e appassionante. Il misticismo del lavoro precedente rimane andando però verso una psichedelia sempe più angusta ma in cui è meraviglioso chiudersi nell’ascolto. La cosa che mi stupisce sempre dei Father murphy è come riescano a trasmettere percezioni con la loro musica con tanta forza; prendendo ad esempio la prima traccia di questo ep ci si ritrova in un vero e proprio incubo sonoro, un ambiente musicale opprimente, buio, afoso, ma allo stesso tempo estasiante nella capacità di sottomettere le percezioni dell’ascoltatore. Le canzoni di questo nuovo ep sono quindi un nuovo viaggio desertico e intenso, un’esperienza di ascolto rara, particolarmente considerando il panorama musicale italiano, nonché l’ennesima prova della creatività di questo gruppo capace come pochi altri di stupire e affascinare a ogni ascolto.

-----------------------------------------------------

Non ho ben chiaro il perché, ma i Father Murphy mi erano profondamente antipatici. Così, a priori. Senza averli mai né ascoltati né conosciuti. Forse qualche foto stampa me li aveva resi invisi, non so.
Quindi è stato con molte riserve che ho accolto in casa mia questo loro nuovo EP, ascoltato quindi senza neppure avere idea di come suonasse il disco precedente (e ancora non lo so, ad essere sinceri).
Ebbene, ancora una volta devo ammettere un mio errore. Echi di Joy Division, Swans, perfino dei Neurosis, il tutto senza eccedere nell’enfasi new wave dei primi, nella gloriosa orchestrazione dei secondi, nella devastante potenza metal degli ultimi. Quindi una musica che pesca nel passato ma con molta personalità, mutuando ciò che serve e utilizzandolo con uno spirito sincero, che conquista.
Niente è quindi fuori posto in queste quattro tracce, né la voce disperata del Reverendo Fred Murphy, né il drumming ossessivo giocato su tamburi e cassa, e neppure le chitarre asciuttissime, distanti, a volte sì spiccatamente dark wave.
Un disco che in effetti non spiacerebbe neppure ai fan dei Christian Death dei tempi d'oro, ma con elementi moderni quel che basta per poter essere apprezzato anche da generazioni più giovani.
Chiude una riuscita e (inutile dirlo) cupa cover di There is a War di Leonard Cohen. Mi hanno convinto: i miei erano solo preconcetti idioti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/4/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´