`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´

Autore disco:

Axel Dörner & Diego Chamy // Activity Center

Etichetta:

Absinth Records (D)

Link:

www.absinthrecords.com
www.youtube.com/watch?v=6rQWi1fwTLg
www.youtube.com/watch?v=4eUhwyVlZi0

Formato:

CD // CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) April 20th, 2006 2) September 5th, 2006 // 1) Arbeit : Material 2) Passage 3) Zone : Produkt 4) Transit 5) Station : Prozess

Durata:

38:53 // 70:48

Con:

Axel Dörner, Diego Chamy // Michael Renkel, Burkhard Beins

Absinth: un recipiente che fa vino da tutte le parti

x e. g. (no ©)

Scusate il ritardo, ma gli aficionados della scena impro tedesca che come me sono rimasti indietro saranno comunque felici di leggere qualcosa a proposito del marchio berlinese per eccellenza. Se poi ad essere coinvolto in uno dei due CD recensiti è Axel Dörner, il gradimento può montare fino alle stelle. Ad essere documentata in “Super Axel Dörner” è una collaborazione discograficamente inedita con il percussionista Diego Chamy, e questo lascia levitare ulteriormente le quotazioni del disco, impegnato anche nella recitazione ed in un'azione scenica che nelle note viene definita come 'danza'. Il blaterare ubriaco di Chamy fa da contraltare alle 'stonature' altrettanto ebbre del trombettista. Le due improvvisazioni sono state registrate a casa di Dörner (20 Aprile) e in scena all’Electronic Church di Berlino (5 Settembre). Si tratta di un documento molto importante e valido, soprattutto per chi segue la scena impro-berlinese, solo in parte vanificato da una registrazione carente – in un cartoncino allegato viene consigliato l’ascolto in cuffia - e dall'inevitabile assenza dell'aspetto scenico. Ai due link 'youtube' riportati sopra corrispondono due lunghe performance del duo, che vi invito a visionare per comprenderne appieno la natura dirompente. Purtroppo l'inadeguatezza della semplice riproduzione audio è stata, in casi simili, dimostrata in più d'un occasione, e sarebbe opportuna la diffusione di questi happening in supporti appropriati (DVD) o, di contro, conformare la natura delle performance a quello che sarà il supporto prescelto per la loro diffusione (un concetto, questo, che molti musicisti mettono già in pratica).
Nessuna riserva, invece, per il bellissimo “Lohn & Brot” di un duo Renkel – Beins in stato di grazia, che disperde anche quelle poche perplessità da me avute all’epoca del precedente lavoro su Absinth (con Phil Minton come ospite). I due si alternano a strumenti a corda, a percussione, elettronica artigianale e oggettistica in un susseguirsi ben calibrato di invenzioni e colpi di scena. Per le tre lunghe improvvisazioni, 21 minuti di media intervallati dai due brevi sketch Passage e Transit, sarebbe opportuno rovesciare il detto «non è tutto oro quello che luccica» in un più appropriato «è tutto oro, anche quello che non luccica», intendendo così valorizzare anche quei passaggi più ostici che abbisognano di ripetuti ascolti per essere pienamente apprezzati. Riferimenti ambientofoni e concretofoni che sfociano in ceffonni noise, saghe percussive tribali cha fanno seguito a trilli di corde, riverberi elettronici immersi in un mare di polvere (da sparo) duchampiana. L’ottima registrazione mette in rilievo sequenze ibride e trasparenti come le bolle di sapone ma con la consistenza del catrame in ebollizione.
Le prossime uscite della Absinth: “Le Goût de néant” di Craig Hilton e Tomas Phillips, "The intellegent dancer" di Diego Chamy (un DVD che dovrebbe rimediare ai difetti di “Super Axel Dörner”) e "Vessels" di Werner Dafeldecker e Theo Nabicht.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/11/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´