`Sunset to Sunrise´

Autore disco:

Rothko

Etichetta:

Trace (GB)

Link:

www.tracerecordings.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

1) Sunset 2) Broken Sleep 3) REM Sleep 4) Wake To Tomorrow 5) Sunrise

Durata:

21:20

Con:

Mark Beazley, Ben Page, Tom Page, Michael Donnelly

epico e gradito ritorno

x Matteo Uggeri

Abbiamo da poco incensato il bellissimo disco di Mark Beazley solista sulla sua Trace Recordings, ed ecco che inaspettatamente lo schivo bassista inglese richiama parte dei suoi collaboratori e ci regala [è il caso di dirlo, il CD è in vendita a 4 sterline comprese le spese di spedizione!] un EP della sua indimenticata band. Pur accomunati da sonorità piuttosto costanti che fanno della malinconia e dell’uso di delay e riverberi una loro caratteristica peculiare, i diversi dischi dei Rothko hanno attraversato varie fasi e stili, dalle prime radicali prove per tre bassi ad altre di natura vagamente più rock, tra cui anche l’ottimo “A Continual Search for Origins”. E’ forse a quest’ultimo che ci viene da accostare questo “Sunset to Sunrise”, anche per la presenza molto evidente della batteria, peraltro suonata in modo decisamente originale da Tom Page, presente anche in quel disco.
Quindi ancora i due bassi in evidenza (è Michael Donnelly a suonare il secondo dei due) e lievi tracce di tastiere a cura di Ben Page: una formula che genera un suono del tutto particolare, che gioco forza si satura spesso di frequenze medio basse, tanto più che spesso la batteria insiste su tamburi e cassa, tralasciando i piatti, in piena modalità new wave.
Il disco risulta quindi epico, soprattutto nella splendida apertura, e a tratti molto sognante (REM Sleep): non a caso è una sorta di concept notturno, dal tramonto all’alba, in cui il gruppo ci guida da uno stato di agitato e ritmato assopimento (?) fino al sonno che si amalgama nei sogni, per poi farci aprire gli occhi su un’alba dai colori vivaci, in cui la ritmica emerge in un breve e intenso finale post-rock.*

*Non me ne voglia Mark Beazley per questo termine, pare lo detesti. Ma noi qui necessitiamo di facili etichette.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 23/3/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´