`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´

Autore disco:

AA. VV.

Etichetta:

Baba Fest (I)

Link:

www.myspace.com/chocolatestarfishxxx
www.myspace.com/alexpad
www.selvaelettrica.com/artist_detail.php?id=32
www.myspace.com/benzolnyemertvecy
www.myspace.com/mariajikuu999
www.aggettivo7.com/mortecattiva/
www.myspace.com/aggettivo7
babafestival.blogspot.com/

Formato:

festival

Anno di Pubblicazione:

2010

Titoli:

-

Durata:

3 giorni

Con:

Stimmung_Blend / René Pontrelli / Chocolate Starfish / Gasp / Benzolyne Mertvecy / Borgo Antico / Wow / Morte Cattiva / Go / Maria Jikuu.....

un appuntamento da conservare

x Raffaele Mastrovincenzo

Si appena consumata la terza edizione a Roma del festival di musica outsider e arti eccentriche “Baba Festival”.
Aperta Giovedì 23 Settembre al Cineclub Detour con proiezioni di film dadaisti, letture di poesie e performance audio visiva con balletto dell’ensemble elettronico sperimentale Stimmung_Blend; purtroppo non posso dirvi altro, non essendo stato presente alla serata a differenza delle altre due; posso solo consigliarvi di informarvi sugli Stimmung_Blend, in altre occasioni li ho visti e sono formidabilmente meravigliosi, musicalmente “iconoclastici”.
Sabato 25 Settembre si è consumata la seconda serata al “Dal Verme” un locale frequentatissimo del Pigneto; ad introdurre la serata vi era una mostra di disegni che tappezzavano i muri bianchi del piano superiore del locale. Un certo René Pontrelli definito “astro nascente dell’arte illustrativa capitolina”. I suoi disegni sono innocenti, infantili, direi semplici, ma di difficile interpretazione artistica e collocazione, come se prendessi due piccioni con una fava. Sembrava di assistere a ritrovamenti di pittura primitiva ritrovati in grotte della nuova linea della metro romana ed ad un art brut da copisteria. Nel piano sotterraneo vi erano i concerti.
Iniziarono i Chocolate Starfish, una garage band italiana con un look glam kitsch, di cui ho apprezzato l’impatto sonoro e l’assetto teatrale sul palco.
Entusiasmante è stata la New York italo band Gasp, un condensato di suoni della grande mela, 4 giovani artisti romani polistrumentisti si dividevano batteria, basso, chitarra, sax, tromba e elettronica new vintage. La loro musica confinava con il caos, ma non oltre passava i confini della forma puramente libera, era compresa tra Lounge Lizard, Contorsion, Arto Lindsay ecc..
Parafrasando “osando” direi un Cecyl Taylor tra i 5 e i 10 anni.
Conclusione della serata sono stati i Russi Benzolyne Mertvecy, per l’esattezza di S. Pietroburgo, musica veramente cattiva, un math rock di rottura; sax alto, chitarra, basso batteria e voce. Potenti nei suoni, un harsh rock band, grindcore, un cocktail formato da 1/4 di Napalm Death, 2/3 di Painkiller, 1/3 di Albert Ayler e un cucchiaino da caffè di Melt Banana. Distrussero i timpani e ammaliarono gli occhi con la veemenza nichilista di come gestivano il palco, superlativi, fantastici. Consiglio l’amicizia sul loro myspace.
Domenica 26 Settembre si è consumato il tutto nel fantastico chiostro medievale nel Casale della Cervelletta, uno spazio verde fuori dal caos cittadino, una location fantastica. Al solito una mostra di “art brut” contornava il festival all’interno dei ruderi attorno al parco, in questa occasione i disegni respiravano un senso di professionalità artistica, dovuta dalla comunicazione emotiva che propinavano i lavori, sentimenti come dolore, piacere, animalità e sesso.
Per quanto riguarda le band ve ne sono state a iosa. Mi soffermerei su alcune, la prima è il gruppo romano Borgo Antico, una doom band folk rock con un appeal di matrice west coast americana, un classico trio rock’n drill con un interessante cantato spaesato e languido, i riff di basso elettrico erano puntosi e militareschi. La batteria spasmodica, angosciosa e stressante combaciava alla perfezione con il cantato e i virtuosismi chitarristici.
Seconda band da segnalare sono i romani Wow, un quartetto alla Broadcast, contaminazioni pop come Belle e Sebastian, Stereolab e perché no qualcosa come i primi Lambchop. Ottima la voce della cantante, interessante come i suoi biondi capelli, fighi.
Una delle attese della serata fu il rapper di Trento Morte Cattiva, le sue liriche e rime erano un po’ scontate, trattava temi da teenager, come abiti di moda e vita notturna, ironizzava con la sua città e con tutto quello che succede in qualsiasi posto occidentale del mondo, cioè ragazzi comuni che amano i soldi e le belle macchine. Un narcisista del rap italiano che segue le orme dei grandi rapper americani, i gangsta rap, un futuro sicuro lo avrà, un posto come conduttore ad MTV Italia. I suoni comunque non sono male, un’elettronica mittleuropa “Dimitri from Paris” e “Daft punk” che a mio parere non combaciava con le arti eccentriche del Baba.
Colti e internazionali sono stati i giapponesi Go e Maria Jikuu, lei al laptop e voce, lui ai suoni e chitarra, un drones ambient meditativo, l’unica pecca fu la voce di Maria era priva di verve, basterebbe aggiungere un effetto di riverbero o delay al microfono. Il chitarrismo di Go suonava come un Fennesz nei Sunn o))), bravi i nipponici.
Chiusero il festival i Benzolyne Mertvecy incredibilmente eccezionali confermarono quello che vidi la sera prima al Dal Verme, potenti, nichilisti e di un impatto visivo sopra le righe.
Complimenti agli organizzatori del Baba festival, spero che continueranno ad organizzarlo per i prossimi 100 anni.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 15/4/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´