`Wow´

Autore disco:

Verdena

Etichetta:

Universal (I)

Link:

www.verdena.com
www.myspace.com/verdena

Formato:

CDx2

Anno di Pubblicazione:

2011

Titoli:

CD 1: 1) Scegli me 2) Loniterp 3) Per sbaglio 4) Mi coltivo 5) Razzi arpia inferno e fiamme 6) Adoratorio 7) Miglioramento 8) Il nulla di O 9) Lui gareggia 10) Le scarpe volanti 11) Castelli in aria 12) Sorriso in spiaggia part.1 13) Sorriso in spiaggia part.2 CD 2: 1) Attonito 2) E' solo lunedì 3) Tu e me 4) Badea blues 5) Nuova luce 6) Grattacielo 7) A cappello 8) Rossella roll over 9) Canzone ostinata 10) 12,5 mg 11) Sul ciglio 12) Letto di mosche 13) La volta 14) Lei disse (un mondo del tutto indifferente)

Durata:

Con:

Alberto Ferrari, Roberta Sammarelli, Luca Ferrari

un ritorno decisamente eterogeneo

x s.e.

Ritorno sotto altre vesti quello dei Verdena, rientrati sulle scene dopo tre anni di latitanza con una di quelle operazioni che non passano di sicuro inosservate. Album doppio, bello paffuto di canzoni, dove la materia grigia e wave, radicata nella band dagli esordi, capitola a una concezione della canzone bagnata decisamente dalle acque cristalline del pop sperimentale. Si, perché “Wow” ha dalla sua il pregio d’essere un (non) concept sagomato ininterrottamente, canzone dopo canzone, dai tanti caratteri del rock: melodie in ecstasy (Scegli Me), eterea elettricità da shoegazer innamorato (Loniterp), sgranata old-time music (il folk soave di Razzi arpia inferno e fiamme), infrangibili tocchi di minimalismo strumentale (provate a sentire il piano su Miglioramento), dense ibridazioni tra canovacci beatlesiani e neo-prog (Il nulla di O) che lasciano il passo a danze più marcatamente progressive (i bramati barocchismi a mò di solida corazzata in Le scarpe volanti che fanno tanto Genesis). Lo spazio alla durezza espressiva d’un tempo è in parte preservata nei riff sputa-fuoco di Mi Coltivo quanto nel mood spaventosamente post-punk, coniato a suon di basso pulsante molto wane con Lui gareggia. Il secondo cd continua a viaggiare sulle medesime coordinate, alternandosi tra sporadiche esplosioni di caos (la stoneriana Attonito, l’indie bruciante di Sul ciglio) e variabili bozzetti di raffinato cantautorato, dove si conquistano il premio della qualità la placida Tu e me, bivio celestiale tra fraseggi country e Burt Bacharach, A cappello, ludico cocktail a base di vocalizzi diafani altezza manhattan transfer, la spudorata aria british di Rossella roll over (il retaggio dei 4 di Liverpool è ancora nell’aria), la gracilità di Letto di Mosche come l’incalzante crescendo del basso emerso con La volta, saggio strumentale che aspira palesemente agli eighties. In linea di massima la predilezione del sottoscritto va senza dubbio per il primo disco, aprendo di seguito una piccola vertenza sull’innegabile prolissità dell’opera nella sua interezza. Di fatti “Wow” non fa altro che ricordarmi i primi esperimenti solisti di Paul McCartney successivi allo scioglimento dei fab four, in cui navigava di tutto, dal pop alla musica elettronica, dal bluegrass all’hard-rock, e quindi privi di una metrica compositiva che suonasse, come dire, deontologicamente chiara e solida. Fortunatamente lo stesso imprinting di allora si respira a pieni polmoni nella stralunato manufatto dei Verdena.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 7/6/2011
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2011 ...

`High Violet´  

`Tibi´  

`Hologramatron´  

`Repas Froid´ // `Jeanne´ // `Hystérie Off Music´  

`Choose´  

`Live´ // `1/4´  

`Black Tar Prophecies 4´  

`Three´  

`Treize Onze Douze´ // `Reflet´ // `11:48 – 09:01´  

`The Haunting Triptych´  

`The Halfduck Mystery´  

`Forgotten Realm´  

`We Recruit´ // `It’s raining on one of my islands / Le petit chaperon beige´  

`Clam, Dolenter´  

`C’est La Dernière Chanson Tour – August 2009´ // `He Would Come Home Through The Window, Job In Hand´  

`Byznich´ // `Live At Radio Kairos / Reminder´ // `From The Tale Of Pigling Bland´  

`Last Tango in Paris (the music of Gato Barbieri & Jazztangos)´  

`A Book Of Songs For Anne Marie´  

`Third segment´  

`Your Future Our Clutter´  

`Lost´  

`A Song To The City´  

`Invocalizations´  

`Conspiracy´  

`Selamatkan Bumi (Save the Planet)´  

`Daily Birthday´  

`Insect tracks´  

`Margareth, Frank and the Bear´  

`Illuminate´  

`Lieu´ / `Detrimental dialogue´  

`Sunset to Sunrise´  

`『海辺より (From Seaside)´  

`Estremo Oriente Mediocre Occidente´  

`Baba - Festival di Arti Eccentriche e Culture Esplose - 2010´  

`FreeFall´  

`Dancing judas´ / `News from Belgium´  

`Getting Closer´  

`Folia´ // `Rebetika´  

`No Room For The Weak´  

`Amirbar´  

`Ordine ’91 – ’96´  

`Re-Conditioned´  

`Charlie The Bold´  

`Bootstrap Paradox´  

`Gravissima´  

`As a Leaf or a Stone´  

`Heraclite´  

`Lakefront´  

`Onrushing Cloud´  

`Quarzo´  

`Phonometak #8´  

`Repas Froid´ // `Ante-Mortem´ // `Les Comores´  

`Qualcosa nel mio Piccolo´  

`Same Difference´  

`La macarena su Roma´  

`Chronophage´  

`Zwei´  

`Bacco´  

`Night Kitchen – an hour of ruined piano´ // `Capsizing Moments´  

`Il gioco del silenzio´ // `Come sta Annie?´  

`Hazey Tapes - ep´  

`Closer to the small/dark/door´  

`The red giant meets the white dwarf´  

`In movimento´ // `Mixing Berries´ // `Il funerale della ninfea´  

`Bar<->Bari´  

`Concrete Songs´  

`Foam and Souls´  

`Chàsm' Achanès (Huge Abyss)´  

`The Rough And Rynge´  

`Tank´  

`Inertiadrome´ // `Renditions´ // `AM/FM´ // `8-inch #4´ // `Kriiskav Valgus´ // `MoHa! / Tape That split 10-inch´  

`Qua 'ndo lu cautu se mori´  

`Wow´  

`Live at Bloom 22/2/2011´  

`Goatness´  

`Jeanne Of The Dark´  

`Waspnest´ // `UpSet´  

`Accordion Koto´  

`Less Action, Less Excitement, Less Everything´  

`Mangiare!´  

`Notes for the synthesis´  

`The Ambush Party´ // `KA DA VER´  

`Electronicgirls Vol # 1´  

`Whale Heart, Whale Heart´  

`Nijika´  

`(Oversteps)´ // `Gravitoni´ // `Oleva´ // `it’s a musthang / midnight mutant´  

`Have a Nice Trip´  

`Anemici: sangue dalle rape´  

`Teem´  

`Auk/Blood´ // `Sinaa´  

`Mail From Fushitsusha´ // `You Should Prepare To Survive Through Even Anything Happens´  

`I’m Not Like You´  

`Deepwater Blackout´  

`Indivenire´  

`0509´ // `Astrana´ // `# 1´  

`Živili´  

`Lost Bags´  

`Death By Water´  

`Tutti dicono guardiamo avanti´  

`La foce del ladrone´  

`Wanna be Dino´ // `Delay Jesus ‘68´  

`Canzoni dalla voliera´  

`TNZR001´  

`Now That It's The Opposite, It's Twice Upon A Time´  

`Frontiera´  

`大罐 Big Can´  

`月球专用音乐 Music for Listening to the Moon´  

`Somewhere Out There´  

`Il Rombo Strozzato - impro ensemble´  

`Zzolchestra´  

`Galactic Boredoms´  

`Super Axel Dörner´ // `Lohn & Brot´  

`Pineda´  

`L’Italia nelle canzoni´