`Caves´

Autore disco:

Riccardo Dillon Wanke

Etichetta:

Sedimental (USA)

Link:

www.myspace.com/rdwmusic

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) e 2) Join 3) Caves 4) Jest 5) Old Man

Durata:

45:35

Con:

Riccardo Dillon Wanke, Giuseppe Ielasi

Un ottimo esordio

x Salvatore Borrelli

Riccardo Dillon Wanke lo ritroviamo al suo disco d'esordio su Sedimental, dopo averlo conosciuto nel collettivo Medves del 2004, insieme a Belfi, Rinaldi, Pilia e Ielasi. Le fonti matrici di questo lavoro impeccabilmente deciso sono chitarra (elettrica e acustica) e sassofono (che compare nell'ultima parte di Jest nelle sembianze di un manufatto inclinato tra disarticolazioni e rimbrottii free-noise). "Caves", sulla carta, potrebbe essere un'estensione della musica neo-psichedelica a carattere riduzionista (David Maranha e Manuel Mota o Rafael Toral) o appartenere ad un revival post-kranky come molta musica esistente negli ultimi anni (Kaijo, Seht) ma per quanto mi riguarda, "Caves" è apparentato più a musicisti come Harold Budd o James Tenney o Phill Niblock che ai neo-minimalisti o neo-riduzionisti dell'ultima ora. Le parentele col etichette quali Cold Blue appartengono allo spirito complessivo del disco, che talvolta naviga dalle parti di "Happy days" di O'Rourke, come nel caso dell'introduzione e qualche altra dalle parti dei dischi in coppia di Richard Youngs. Qualche volta, come in Jest, si sentono delle ventate basinskiane, dei loop assai vicini a quelli della disintegrazione, ed a cui evidentemente rimandano per omaggiare. La traccia che preferisco è l'ultima perché è forse l'unica posta sull'esterno, e quindi sbocciata, a differenza degli altri quattro movimenti che è come se implodessero senza mai prendere una forma precisa. L'attitudine di "Caves" è solitaria e metapsichica, si basa su semplici contrapposizioni tonali ripetute e scandite da piccoli grappoli di corde pizzicate con oggetti, archetti e dita e nella sostanza italica ricorda molto spesso il lavoro di Stefano Pilia, che a differenza di questo appare più transitivo e meno calcolato. L'atmosfera che potrebbe sembrare quieta, liberatoria e per certi versi zen, non è affatto così rassicurante come sembra (e con quei rintocchi di corde, sembra una campana cimiteriale) né il disco è così semplice e libero, come si potrebbe credere ad un primo inattento ascolto. Più che improvvisazione tra queste note c'è parecchia composizione, e non si tratta solo di quella composizione scritta su carta, ma di quel tipo di lavoro che implica molta spazialità e parecchia libertà di risonanza e di movimento, così come una certa regolarità nel far uscire dai suoni solo l'aspetto asciutto e necessario, andando in una direzione precisa. C'è memoria e solitudine: più si va avanti e più il disco è attraversato da foschie, nebbie e rumori quasi sussurrati che in brevi pennellate si fanno materia immaginaria e vista trasognata. La copertina del disco ne indica lo spirito: una soggettiva dietro un reticolato: molto spazio, corpi vicini e distanti e mobili o immobili che non si toccano ma che potrebbero benissimo figurare come immagini di un “Music for airports” e dietro, dietro questa barriera, forse ancora più isolato, bloccato, o immobile, il suo autore, che vede e traduce e sapientemente miscela questa desolazione. Tutto sembra intoccabile, e frutto di un effetto greve quanto definitivo. Si tratta di un esordio importante e di un disco importante (e crudele)... il suo autore è da tenere d'occhio e se ne aspettano le prossime mosse.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/1/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´