`Letters´

Autore disco:

Airportman

Etichetta:

Lizard / Pickuprecords (I)

Link:

www.lizardrecords.it
www.pickuprecords.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1-9) senza titolo

Durata:

46:20

Con:

Giovanni Risso, Marco Lamberti, Paolo Bergese

lettere scritte con perfezione

x Matteo Uggeri

Con i due precedenti dischi da me recensiti su queste pagine digitali, rileggendo ora le mie critiche, mi rendo conto di essere stato severo quanto lo era la mia prof. di italiano e latino del liceo (se ora mi legge sfogherà la penna rossa sullo schermo del PC?): restai basso, elogiando la musica ma sottolineando senza pietà i difetti (alcune tracce fuori luogo, una produzione imperfetta). Mentre con me la tattica di sprono severo non funzionò mai (mi beccai più volte gli esami a settembre), con gli Airportman ha sortito effetti sorprendentemente positivi.
Ora: messe da parte le mie onanistiche elucubrazioni e considerato come forse Risso e compagni se ne possano lecitamente fregare di quanto scrivo, va detto con molta semplicità che “Letters” è un disco fantastico, equilibrato, ben registrato, ben arrangiato, omogeneo, misteriosamente accattivante nonostante la tristezza che evapora dai suoi solchi. Mentre per i precedenti si disse che potevano essere ascoltati in mille momenti diversi, con pioggia e sole, leggendo o parlando, oppure in rigoroso silenzio, con “Letters” consiglio una certa precauzione. Non è musica da cena in compagnia, non è sottofondo per un viaggio da pendolari. La sua natura quasi narrativa, strutturata non forse proprio come lettere ma come capitoli di un libro, trascina o meglio accompagna, affianca l’ascoltatore lungo strade solitarie da paese di mare colto nella spiazzante solitudine invernale. Lo sticker posto sulla più che minimale copertina, raffigurante alcune case travolte da una marea biancastra, rende bene ciò che vi aspetta, una volta intrapreso questo viaggio tra chitarre acustiche mai di maniera accarezzate da archi sommessi o respiri umani (2 e 5), strumenti (forse a fiato) non meglio identificati a costruire tappeti melodici in minore (4) e note elettriche in punta di polpastrelli (1). Non mancano sortite di ritmi elettronici minimali e accenni noise, brevissimi e spiazzanti, ma è il pianoforte della lunga suite 6 una delle novità rispetto al passato, con i suoi nove minuti in lento incalzante divenire, il cui unico parallelo che può affacciarsi alla mia mente è l’immenso “The Wind is Strong” dei Cindy Talk, per il suo mescolarsi dolcissimo e struggente tra noise chitarristico perso in riverberi e pianoforte quasi classico.
Chiude 9, con un fischiettare di sottofondo, con i field recordings, con la pianolina lo-fi, con una ritmica che non è più acustica né elettronica: non importa più, tanto i suoni sono ben amalgamati e misurati.
Gli Airportman sono senza dubbio uno dei miei gruppi preferiti e, seppur non giovanissimi, in continua ascesa artistica, tanto che auguro loro ogni possibile successo. Ora mi fermo però, che rischio di andare fuori tema e se mi legge la prof. del liceo consuma la penna rossa.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/1/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´