`To Be Still´

Autore disco:

Alela Diane

Etichetta:

Names (GB)

Link:

www.namesrecords.com
%20aleladiane.blogspot.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Dry Grass & Shadows 2) White As Diamonds 3) Age Old Blue 4) To Be Still 5) Take Us Back 6) The Alder Trees 7) My Brambles 8) The Ocean 9) Every Path 10) Tatted Lace 11) Lady Divine

Durata:

47:20

Con:

Alela Diane, Alina Hardin, Pete Grant, Craig Thomas, Tom Bevitori, Otto Hauser, Matt Bauer, Rondi Soule, Luke Janela, Michael Hurley, Tom Menig, Nina Gerber, Dan Elkan, Rich Stanmyre, Neal Morgan, Mariee Sioux

canzone d'autore: il disco del due a due…

x e. g. (no ©)

Sono più di due mesi che mi rigiro fra le mani questo disco indeciso sull’opportunità o meno di recensirlo. Il fatto è che accanto a molti segnali positivi ve ne sono altrettanti di segno opposto. Fra i segnali positivi l’aver scelto di mantenere una produzione rigidamente casalinga, evitando di appoggiarsi a quelli che sono i nuovi baronetti del settore e mettendo in movimento dei sistemi di promozione quantomeno singolari: negli Stati Uniti veniva allegata alle prime copie prenotate una confezione di the mentre per gli appassionati inglesi c’era una compilation (*); il tutto, almeno sulla carta, approntato dalla stessa Alela Diane. Si nota anche una maggiore articolazione delle tonalità timbriche vocali, invero splendide, rispetto al precedente “The Pirate’s Gospel”, dove il carattere più monocorde delle stesse serviva comunque a dare compattezza all’insieme; ma era giusto non ripetere alla lettera la prova precedente e l’addolcimento di certe spigolature risulta essere più che legittimo e pertinente. Di controverso c’è la tendenza a non sottrarre l’eccessivo, anzi succede spesso che vengano aggiunti particolari inutili; prendete ad esempio The Alder Trees, che inizia perfetta con la sola chitarra ad accompagnare la voce, basterebbe poi aggiungere poco altro, solo il banjo, forse il basso, e invece giù anche con il piano e con le percussioni di Otto Hauser che, nella circostanza, appaiono veramente inutili, anzi dannose. O My Brambles, che sarebbe micidiale nel suo dipanarsi un po’ ossessivo, e che è vanificata da un ritornello riproposto più volte di seguito, anche addizionato con uno scipito vocalizzo. Perché mettere cose inutili all’economia della canzone? Perché non dare un po’ d’aria? Un po’ di respiro? Visto anche che dove questo avviene, Age Old Blue (un duetto con la voce di Michael Hurley), Take Us Back (solo chitarra, violino e violoncello)…, prendono forma degli autentici gioielli. Ma soprattutto c'è un uso troppo ‘allegro’ di una lagnosa slide a livello strumentale e di un tono yodel altrettanto piagnone a livello vocale. Quindi il giudizio finale dice di un buon disco che, però, avrebbe potuto essere molto migliore. Sarebbe bastato qualche misero accorgimento in fase d’arrangiamento. Invece Alela Diane sembra essersi ammalata di quella stessa malattia che da sempre colpisce quasi tutti i cantautori: l’escesso. Quindi l’involuzione, quasi prevedibile, ha avuto il suo corso, a partire dalla confezione che abbandona ogni traccia di pirateria (così come la musica abbandona ogni traccia di negritudine) per approdare in una deriva molto California d’antan.

(*) È utile riportare la scaletta della compilation, definita come “Calm As The Owl Glides – Songs For Stillness”, perché può ben essere utile a comprendere lo spirito che anima la nostra cantautrice: The trumpet vine di Kate Wolf, Light Green yellow di Michael Hurley, Cotton White di Alina Hardin, Blues run the game di Jackson C. Frank, Katie Cruel di Karen Dalton, All I want di Joni Mitchell, Cross bones style di Cat Power, Carve it out di Matt Bauer, Moonshadow di Cat Stevens, Buried in teeth di Mariee Sioux, Matty Groves dei Fairport Convention e Winter is blue di Vashti Bunyan.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 10/10/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´