`Be Glad You Are Only Human´

Autore disco:

Misophone

Etichetta:

Kning (S)

Link:

www.kningdisk.com

Formato:

2008

Anno di Pubblicazione:

CD

Titoli:

1) Cavalcade 2) The motherless moth headed bread boy 3) Grey clouds (part 2) 4) Goodbye 5) As she walked out of the door (*) 6) One last time (part 2) 7) Be glad you are only human 8) I sleep like the dead 9) Homeward, gone 10) Spisske nova ves 11) Been in the storm 12) I hope i might be wrong 13) Life is good

Durata:

39:00

Con:

M.A. Welsh, S. Herbert, Araminta Peacock

dal gracchiante mondo dei 78 giri e del passato

x Matteo Uggeri

Ci eravamo colpevolmente persi il precedente capolavoro di questa coppia di musicisti inglesi in sotterranea ma fervente attività da 5 lunghi anni. Scoperti navigando tra le meraviglie del catalogo della svedese Kning, etichetta tra le più eclettiche di tutto il panorama odierno (qui nota per aver pubblicato tra gli altri la coppia Ielasi-Ratti), Herbert e Welsh ci hanno due anni fa regalato la loro opera prima ufficiale come Misophone con lo stupefacente “Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...”, album che solo per il titolo avrebbe meritato di finire tra i top di Sands, scompaginando il più volte da voi criticato menu del sito. La ragione per cui quel disco fatto di perfette canzoni pop folk, valide oltre misura per varietà, fattura, arrangiamenti, melodie e qualità di registrazione, non è finita in cima alla nostra lista è proprio che lo abbiamo scoperto troppo tardi. Rimediamo così con questo suo bizzarro seguito, in tutta onestà inferiore al predecessore, dove rispetto ad esso viene meno un po’ della varietà e della freschezza che lo avevano contraddistinto, recuperando invece un po’ sul fronte dell’originalità, o meglio diremmo della bizzarria. Questo “Be Glad You’re Only Human” è suonato, cantato e prodotto come fosse un disco di cinquanta e più anni fa. Se fin dal titolo del primo disco s’era capito che la nostalgia dei bei tempi andati è al centro della poetica Misophone, qui capiamo che quello di cui loro sentono la mancanza è anche il cigolio del grammofono, il gracchiare della puntina, gli organetti di legno e le voci di cui le basse frequenze si sono perse nei solchi. Parliamo di solchi in materie pre-plastiche direi, e non in vinile a questo punto, forse per loro troppo moderno: tutto il presente CD è registrato, mixato, ed infine filtrato per sembrare davvero un disco a 78 giri di decenni fa. Il risultato è ad un primo ascolto spiazzante, quasi fastidioso, ma poi quando si va oltre gli scoppiettii e i fruscii aggiunti ad hoc si scopre che la musica, anche quella, è bella e valida, ricercata, complessa. Canzoni che piaceranno a vostra nonna, a vostro nipote e credo anche a voi, che presumo come me rimarrete inchiodato allo stereo quando la quasi Tom Waitsiana I Sleep Like the Dead vi trascinerà nelle sue funeree spire o l’allegra e veloce chitarra acustica di Been in the Storm reclamerà un balletto casalingo. Una marcia tetra e meravigliosa, fatta di cori depitchati (pare un pezzo a 45 mandato a 33, ma più probabilmente è realizzato con moderne tecniche digitali…), violini strazianti e melodia al piano chiude il disco in bellezza, rendendolo capolavoro forse non unico (già i gli Stranglers s’erano avventurati in walzer d’annata con l’indimenticabile Golden Brown) ma certamente ben fatto.

Per coloro poi che amano packaging ricercati e ricchi, non deluderà la voluminosa confezione Kning, farcita di immagini e cartoline a tema. Ode ad etichetta ed artisti.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 24/7/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´