`Standards (Brussels) 2006´

Autore disco:

Anthony Braxton Quartet

Etichetta:

Amirani (I)

Link:

www.amiranirecords.com

Formato:

6 x CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Forest Flower 2) It’s You Or No One 3) Darn That Dream 4) Improvisation n.1 5) Very Early 6) If I Should Lode You / 1) Virgo 2) Embarcadero 3) Night Dreamer 4) It Never Entered My Mind 5) Fine And Dandy 6) Monk's Mood / 1) Three Little Words 2) Wave 3) Ruby My Dear 4) Mean To Me 5) Afternoon In Paris 6) What's New / 1) Alice In Wonderland 2) Ah Leu Cha 3) For All We Know 4) Improvisation n0.2 5) Tadd's Delight 6) All Of You / 1) I'm Old Fashioned 2) Exx-thetics 3) How Little We Know 4) Out To Lunch 5) Early Autumn 6) Star Eyes / 1) Israel 2) These Foolish Things 3) Improvisation no.3 4) Strike Up The Band 5) You're My Thrill 6) Virgo

Durata:

Con:

Anthony Braxton, Christiano Calcagnile, Antonio Borghini, Alessandro Giachero

…back to basics

x Andrea Ferraris

In questo periodo mi capita spesso di versare qualche lacrima, insomma, invecchio e sto diventando come quei cani avvizziti che latrano quando gli manca il padrone e che finiscono per elemosinare carezze al primo che passa. Non dovrei stupirmene, d’altra parte la primavera gioca brutti scherzi, la luce è strana ed un po' il profumo delle gemme (sì “mi piacciono i fiori i fiori ma non voglio fare il fiorista”, con buona pace del test del militare…), un po' gli ormoni (ed un po' i vestiti che si accorciano) manderebbero a terra anche “Iron Mike”. Parlavamo di bello quindi, a volte il via per commuoversi arriva di fronte a cose che vanno a far vibrare certe corde o che risultano così intense da far "chiagne" così, all’improvviso. Di recente mi è successo ascoltando questo cofanetto di standard eseguiti da Braxton, è buffo perché in fin dei conti pur amando molto alcuni dischi e musicisti jazz non sono un cultore del genere e tanto meno uno che si sbrodola di fronte ai classici. Per quanto impegnativo (beh come immaginerete sei cd non sono proprio una passeggiata) “Standards (Brussels) 2006” è convincente sotto diversi punti di vista. Braxton e la sua formazione tutta italiana composta da Cristiano Calcagnile alla batteria, Antonio Borghini al contrabbasso e Alessandro Giachero al piano, riescono a rielaborare in modo molto morbido alcuni classici senza per questo renderli freddi (sto pensando a “The Big Gundown” di Zorn che per quanto geniale ci riconsegna Morricone più ghiacciato di un cadavere dei set di Cinecittà). Si tratta di due sessioni registrate live in Belgio e per la precisione in quel di Brussels, la qualità della registrazione è ottima tanto che ho dovuto aspettare la fine del primo pezzo per capire che non sin trattava di una sessione in studio. Scelta volontaria o no anche questo è perfettamente in linea con un modo intelligente di riappropriarsi di uno standard: live, come era il jazz pre-vinilico, come lo è stato e lo è molto di quello che macina dal vivo ed in studio, tutto rodato come una macchina ben oliata ed appena messa a punto, a quanto pare anche il sistema di rielaborazione degli standard utilizzato da parte di Braxton meriterebbe un capitolo a sè, ma non sono certo la persona più indicata per poterne parlare. Stiamo parlando di Anthony Braxton, quello che a volte è stato ostracizzato dai suoi stessi "fratelli" per l'eccessiva cerebralità, per il fatto di essere stato più freddo di qualunque bianco e per aver incarnato un vero e proprio punto di rottura rispetto alla tradizione del genere, l'uomo che per un periodo si è mantenuto giocando a scacchi nel parco, la persona che alla veneranda età di 60, 70 anni si è preso la briga di duettare con terroristi (o terroni?) del rumore come i Wolf Eyes, il signore che ha lasciato come imperituro patrimonio all'umanità una serie di dissonanze a confronto delle quali Ornette Coleman è un moderato centrista in stile veltroniano. Ed invece qui avrete modo di sentirlo morbido, suadente, caldo, vagamente malinconico come nello spirito di molte di queste tracce ed alcuni sono standards così celebri che li conosco persino io che sono ignorante come una scarpa: si và da Darn that dream di Van Hausen ad Out to lunch di Eric Dolphy, da Ruby my dear di Monk ad All of you di Cole Porter. Giusto per ribadire la peculiarità della reinterpretazione messa in opera dal “grande vecchio”, potrei dire che ci sia un suo intervento quasi puntillistico, un uso del tutto personale del tempo e/o della velocità esecutiva, uno sviluppo particolare di questo o quel fraseggio del pezzo. Come buona tradizione braxtoniana (non che sia un suo marchio di fabbrica, ma è una cosa che ritorna), la dinamica per quando morbida e suadente è pur sempre viva anche perché in caso contrario non credo che l’americano si sarebbe rivolto ad un musicista stiloso, fine ma decisamente energico e vitale come Calcagnile (che qui si incrocia meravigliosamente con Borghini e Giachero). A completare un cofanetto a dir poco ricco e di qualità extra-lusso, un booklet splendido in cui oltre alle foto ed ai profili dei singoli musicisti compaiono alcuni scritti di Erika Dagnino che immagino abbiano fatto vibrare un’onanista cerebrale come Braxton ed un’introduzione globale al lavoro scritta da Gianni Mimmo stesso. Quest’ultimo oltre a far confluire una serie di ricordi giovanili legati al personaggio mette assieme tutti i tasselli del lavoro, dalla musica alla grafica, dalle foto agli scritti della Dagnino. Un modo splendido di riconciliarsi con il passato: prenderlo, spolverarlo, reinterpretarlo e quindi farlo vivere e non “ri-vivere” assecondando nostalgie reazionarie che spesso hanno imbrigliato il jazz (e non solo quello) ad una traduzione più nociva e più sterile di “Benigni legge Dante”. Non tanto un’operazione commerciale, quanto più un modo intelligente per ricordarsi da dove si viene pur prendendo atto che il XX Secolo è finito e che, per quanto faticoso, bisognerebbe iniziare a vivere nel nuovo millennio e questo cofanetto lo fa, quindi “back to basics” ma non “back to start”


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 17/9/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´