`Electronics´

Autore disco:

Zeitkratzer w/ Carsten Nicolai / Terre Thaemlitz / Keiji Haino

Etichetta:

Zeitkratzer Productions (D)

Link:

www.zeitkratzer.de

Formato:

CD x 3

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) Synchron Bitwave 2) 5 min 3-4) c1 / 1) Down Home Kami-Sakunobe 2) 500 Year Orbit 3) Sloppy 42nds 4) Hobo Train 5-6) Superbonus / 1) Aria I 2) Aria II 3) Sinfonia 4) Bonus: Drum Duo

Durata:

51:46 / 55:16 / 56:59

Con:

Frank Gratkowski, Hayden Chisholm, Franz Hautzinger, Melvyn Poore, Reinhold Friedl, Maurice de Martin, Burkhard Schlothauer, Anton Lukoszevieze, Ulrich Phillipp, Marc Weiser, Ralf Meinz w/ Carsten Nicolai / Terre Thaemlitz / Keiji Haino

post everything: solo in parte si può ascoltare qualcosa di realmente straordinario

x e. g. (no ©)

È ormai da tempo che mi pongo l’obbligo di recensire questi tre dischetti – usciti sia in veste separata sia in veste di cofanetto – ma si sovrappongono sempre esigenze più immediate quali possono essere la recensione di un top, l’elaborazione di un articolo o la chiusura di un’intervista. Finalmente riesco a compiere questo dovere e tiro un bel sospiro (non potete immaginare quanto grosso).
Come potete ben capire i tre CD sono altrettanti capitoli di una trilogia, chiamata ‘elettroniche’, nei quali l’ensemble tedesco guidato da Reinhold Friedl collabora con altrettanti musicisti ben noti agli appassionati di fenomeni più o meno underground.
Trovo che Carsten Nicolai (o Alva Noto che dir si voglia) sia uno dei musicisti più sopravvalutati di questi anni, non riesco neppure a capire in base a quali elementi si sia giunti a questa sopravvalutazione, e tengo a precisare di aver maturato questo giudizio sia attraverso l’ascolto di alcuni suoi dischi sia attraverso una visione diretta del nostro in concerto, da solo come in compagnia di Blixa Bargeld. Devo quindi ammettere di essere arrivato prevenuto all’ascolto del primo di questi CD e, pur cercando di scrollarmi di dosso tale prevenzione e facendo tutti gli sforzi umanamente possibili per riuscire ad apprezzarlo, il mio giudizio rimane sostanzialmente negativo. Il maggiore difetto sta nella ripetitività, da non intendere nel senso di una musica ripetitiva ma nel senso che il tedesco si ripete di disco in disco, e quindi anche qui vengono riproposti tre di quei cicli sonori già ‘noti’ e purtroppo ben poco stimolanti.
All’insegna del cliché pare svilupparsi anche il disco con Haino Keiji, in quattro brani che vedono il giapponese affiancare l’ensemble tedesco impegnandosi su voce, chitarra, elettroniche e batteria. L’unico elemento di novità, ma comunque episodio minore, è l’ultimo brano tutto giocato su strumenti a percussione. Per il resto la personalità di Haino permea il tutto, come sempre affascinante, ma in definitiva non viene proposta quella sequenza completa sul suo mood più recente come era avvenuto, entusiasmandomi, nel disco insieme ai Pan Sonic. Quindi nel risultato non c’è nulla di insospettabile e la ‘finestra’ viene aperta solo parzialmente su una realtà che avrebbe potuto essere molto più complessa e variopinta.
Resta solo da appigliarsi al disco con Terre Thaemlitz che, viceversa, suona estremamente vario e, soprattutto, è veramente straordinario. Forse è stato determinante il fatto che Zeitkratzer e Thaemlitz non erano nuovi alla collaborazione, e comunque torna a galla quell’atteggiamento volutamente ‘tamarro’ che già aveva entusiasmato ai tempi di “Volksmusik”. Ascoltare il primo brano, una micidiale cavalcata percussiva selvaggia e tribale a sottolineare una voce declamatoria e monotona, e ditemi se non fa pensare al Mark E. Smith dei momenti buoni!?!! 500 Year Orbit si perde fra oscuri bordoni, e un pianoforte free al rallentatore, come se fosse suonato da un Cecil Taylor narcolettico. Un ritmo leggero, ripetitivo e ossessivo va poi a sostenere suoni da sala per videogiochi, da quotidianità post industriale o da casa famiglia per esseri robotici (Sloppy 42nds, perfetta tedescheria post-kraftwerk). Hobo Train è una miscela di cacofonia free e, ancora, ‘volksmusik’. In Superbonus pare di sentire gli echi ‘cosmico-rosati’ del primo dopo Barrett (“A Saucerful Of Secrets” o giù di lì), e di conseguenza di quasi tutto il rock tedesco del decennio successivo, che si protraggono per oltre 25 minuti. Un autentico masterpiece.
Le tre confezioni sembrano voler citare gli elementi: acqua, terra, aria… manca il fuoco, ma quello (seppure solo a tratti) sta dentro ai dischi.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 4/12/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´