`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´

Autore disco:

Der Einzige // Harshcore + Der Einzige // Aa.vv.

Etichetta:

Moriremo Tutti (I)/ Palustre (I) // Moriremo Tutti (I) // Moriremo Tutti (I)

Link:

www.moriremotutti.com

Formato:

CD-r

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) first side of random 2) second side of random 3) last side of random // 1) stuned tuna 2) mesmerian 3) do it dodo! 4) peeping 5) yellow 6 meet yellow swans 6) to beat or not to beat 7) franco 8) el bujun // 1) intrOvOdoo 2) voodoo (alt. Version) 3) remix 6 4) 141 sparking voodoo 5) voVodoVo 6) lombrikOvOdoo 7) a day for reflection 8) ichihoVo9) lumonous mix 10) esp reconstruction 11) whalesland (video)

Durata:

53:51 // 36:54 // 47:03

Con:

Matteo Uggeri, Daniele Albricci // Tommaso Clerico, Luca Sigurtà & Matteo Uggeri, Cristiano Lupo // Hue, OvO, Buben, Sparkle In Grey Harshcore, Larsen Lombriki, Mark Hamn, Amy Denio, Luminous, Andrea Marutti, Invernomuto

nuove produzioni transmetrolitane

x Alfredo Rastelli

Una nuova etichetta indipendente si affaccia sul mercato, la Moriremo Tutti Records, lanciando le prime tre uscite, equamente divise tra vecchie conoscenze e nuovi progetti. Il peso del debutto, in una bellissima confezione artigianale a tiratura limitata, è tutto sulle spalle del duo Hue/Icci, al secolo Matteo Uggeri (deus ex-machina della label) e Daniele Albricci, che pubblicano questo “cheap material music” sotto la ragione sociale di Der Einzige. Il disco è un lungo dipanarsi di sonorità in alternanza tra giochi di citazioni sul filo del passato (eclatante l’incipit sulle note di “smells like teen spirit”), elettronica povera e tecnica collagistica. Il citazionismo gioca un ruolo fondamentale (lo stesso nome dell’etichetta è a sua volta una citazione), rappresentando quasi uno scotto da pagare nei confronti dei numi tutelari o, più semplicemente, un tributo agli amori passati; è quindi un punto di partenza verso sperimentazioni di suoni che portano infine a risultati diametralmente opposti. Le composizioni sono tre e sono molto dilatate, le citazioni sono in esse contenute ad intervalli, in un marasma di suoni in cui la predilezione verso materiali poveri (da qui il titolo del disco), marchiano indelebilmente il sound della band; scherzi sonori, voci dall’oltretomba, noise-core, musica isolazionista e harsh, sono gli ingredienti di un viaggio verso lidi inesplorati.
I Der Einzige sono protagonisti anche della seconda produzione della Moriremo Tutti, uno split condiviso con gli Harshcore, degli amici Tommaso Clerico e Luca Sigurtà, che in comune hanno l’amore verso una strumentazione povera e accattona. Il cd-r è composto da quattro pezzi per parte, con gli Harshcore dediti sempre più alla composizione, sia rumoreggiante che minimale (la quasi psidechelia della bellissima peeping), in una miscela ben riuscita tra musica eseguita e musica riprodotta; è un lento incedere quello che muove i passi del duo biellese (mesmerian), come un’entrata in sordina verso i luoghi oscuri della propria anima (l’industrial di stuned tuna, l’ossessiva do it dodo!). Dal canto loro, i Der Einzige, in questo split, fanno addirittura meglio, concentrando maggiormente le loro evoluzioni sonore, liberando sia il loro lato più aggressivo e psichedelico (ottimamente equilibrato in yellow 6 meet yellow swans; bella anche la melodia di el bujun), introducendo funzionali room recordings (to beat or not to beat), nonché dedicandosi ad una sorta di improvvisazione laterale dal notevole tasso di interesse (franco).
Concludiano con la terza e ultima uscita (per il momento), ovverosia una compilation che omaggia il brano voodoo contenuto nell’ultimo disco degli OvO, “Miastenia”. Innanzitutto partiamo dal pezzo, qui riproposto anche dagli stessi OvO in una alternative version, uno dei più solidi ed esoterici che siano mai usciti dalle corde di Stefania Pedretti e dalle pelli di Bruno Dorella. La prima rivisitazione è opera del padrone di casa, Hue, che ci regala una magica piece tra musica contemporanea (molto bello il piano) ed elettronica minimale; dello stesso tenore, ed anch’esso supportato da un incantevole piano, è il brano di Mark Hamn che isola e dialoga con la voce della Pedretti, in una bellissima improvvisazione. Ritroviamo anche gli Harshcore che giocano sui vocalizzi, accentuando la schizofrenia del pezzo mentre i Larsen Lombiki mantengono la ritmica di base costruendoci sopra il classico loro pezzo, con miriadi di trovate soniche; gioca sulla ritmica anche Luminous nel cui remix viene esaltata tutta la potenza del pezzo, mentre Amy Denio si produce in una nebulosa suite di minimal noise. Sul lato più elettronico ci sono Buben, che sfrutta la ritmica per spingere sul lato più dance, Sparkle In Grey, che dilata all’inverosimile certi suoni acuti, ed Andrea Marutti che azzera il lato percussivo producendo un noise dal movimento ondulatorio. In ultimo va segnalato il bel video-intervista ad opera di Invernomuto. Da accaparrarseli.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/3/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´