`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´

Autore disco:

M16

Etichetta:

Radical Matters (I) // Persistencebit Records (I)

Link:

www.radicalmatters.com
www.persistencebit.com

Email:

Formato:

mp3 // 2 x 12 pollici

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Panorama Frequency 2) IVRI // 1) Armati 2) Lab 1 3) Agenzia 13 4) Over Load By Funk 5) Vero reato 6) Basic dub 7) Q.S. 8) Crudo microphone

Durata:

8:07 // 42:38

Con:

Alessandro Bocci

ritmi: …e rumori (after school sessions)

x e. g. (no ©)

Se la morte improvvisa di Dino Bramanti (*) sembra aver portato l’attività dei Sinistri in uno stato stuporoso, buone novità continuano comunque ad arrivarci da alcuni componenti del gruppo a dimostrazione che si tratta(va?) di un’entità le cui singole particelle sono comunque in grado di emettere energia creativa anche quando vengono separate dal nucleo principale. Mentre dell’eccellente “Il tempo...” del duo Shipwreck Bag Show (Xabier Iriondo e Roberto Bertacchini) vi riferirà prossimamente Alfredo Rastelli, puntiamo adesso i nostri riflettori sull’altrettanto valido lavoro di Alessandro Bocci sotto l’alias M16.
In M16 viene riversata tutta la passione coltivata dal musicista nei confronti di quell’elettronica post-wave che tanta importanza ebbe nella realizzazione di “infrantumi”, gran disco pubblicato dai Sinistri quando ancora si chiamavano Starfuckers. Panorama Frequency e IVRI, pubblicate nella serie “Web Edition” della Radical Matters e scaricabili gratuitamente, sono due brevi excursus nel mondo delle frequenze sonore e nelle possibilità offerte dalla loro manipolazione, per un risultato che potremmo definire come ‘noise elettronico’. Si tratta di un buon esperimento, seppure non possa essere paragonabile neanche minimamente a “Black Corner” dove, diversamente, il Bocci appronta una specie di dizionario intorno alle possibilità ritmiche offerte dai nuovi ausili elettronici, lasciando da parte alcuni eccessi legati al passato e dando così segnale di una ormai raggiunta maturità artistica. La fantasia degli intrecci (poli)ritmici, l'alta qualità e la nitidezza timbriche dei suoni, la fluidità delle strutture, gli stop e le inserzioni in grado di stupire l'orecchio, quindi la meticolosità degli incastri, in tutto e per tutto questo è il disco messo a punto da un nome che, nel genere techno e dintorni, può ormai essere considerato alla stregua di un maestro. Soprattutto mi hanno impressionato una sobrietà e una lucidità tali da guidare la mano del manipolatore, quali emanazioni dirette di non meglio precisate deità olimpiche, ad affrontare il viaggio e approntare la scrittura senza il minimo segno di sbavature; non c’è un suono, o una soluzione, che appaiano superflui, così come non c’è nulla di nulla che potrebbe essere aggiunto senza alterare (in peggio) un equilibrio pressoché perfetto. Essenzialismo ai massimi livelli e, credetemi, oggi sono pochi i musicisti in grado di vincere questa scommessa.
Ho la vaga impressione, vista anche l’alta qualità della collaborazione con Andrea Reali ascoltabile nella raccolta “Volume 1” della Niente Records, che per il progetto M16 si aprano da oggi anche nuove interessanti prospettive. In bocca al lupo.
Il formato è quello del doppio 12 pollici a 45 giri, oggetto di culto sia per gli appassionati di vinile sia per dj e/o manipolatori in erba.

(*) Sia “Black Corner” sia il disco degli Shipwreck Bag Show sono dedicati a Dino Bramanti, ma il primo è dedicato anche ad un altro amico che recentemente ci ha lasciato per intraprendere il fatidico viaggio in altri mondi: Gianluca Lerici (aka Prof Bad Trip).


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/9/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´