`Lonius´ // `frcture´

Autore disco:

Lonius // Ulna

Etichetta:

Setola Di Maiale (I) // Karlrecords (D)

Link:

www.setoladimaiale.com
www.karlrecords.net

Formato:

CD-r // CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) Vonega 2) negavo 3) genvoa 4) avogen 5) govean 6) ovenga // 1) blck crss shde 2) fterhr mldy 3) recmpsng the frctre 4) smll prts recollected 5) lndn lvs n 6) lce 7) hgh freqncy smb 8) cld sndy evenng

Durata:

32:17 // 49:17

Con:

Andrea Romeo, Andrea `Ics´ Ferraris, Alessandro Buzzi // Andrea `Ics´ Ferraris, Valerio Zucca Paul

Musiche per tutti i palatix // Vv l msc elettrnc.

x Alfredo Rastelli // Matteo Uggeri

Lonius è un progetto interessantissimo, patrocinato dalla Setola di Maiale di Stefano Giust, e messo in piedi da Andrea `Ics´ Ferraris, che ritroviamo dopo il recente bellissimo Airchamber3, Alessandro Buzzi, alla parte ritmica prevalentemente e Andrea Romeo al sax. Questo omonimo disco è un omaggio alla città di Genova, anagrammata in ognuno dei sei titoli che compongono il cd, ed è una registrazione catturata in presa diretta in studio in cui i tre hanno dato vita ad una serie di improvvisazioni tra jazz e musica elettronica. C`è una linea di condotta che lega i progetti di Ics ed è un’inquietudine di sottofondo che permea ogni anfratto della sua musica. Non fa eccezione questo disco (così come non fa eccezione, almeno in parte, il progetto Ulna di cui parlerò a breve) dove in un atmosfera dai toni molto scuri e grevi (scaturenti dall’elettronica povera ma anche dalla parte percussiva, che privilegia il lato più secco e metallico), si viene illuminati dagli squarci impro del sax di Andrea Romeo, in odore di new things. Molto, molto bello
L`estetica, se vogliamo, decadente di cui prima, ritorna anche nel progetto Ulna, condiviso da Andrea Ferraris e Valerio Zucca Paul (3EEM), sebbene nascosto tra anfratti propriamente di musica elettronica, in cui la ricerca di un beat ossessivo, conduce in una spirale ipnotica senza fine. I due lavorano di laptop proponendo un apparato strumentale che riesce a restare magicamente in equilibrio tra dance-hall (la ballabile recmpsng the frctre) e ambienti di ascolto più selezionati (ottima l’aritmia di fterhr mldy). I ritmi incalzanti di blck crss shde, si contrappongono a diluite suite psichedeliche (smll prts recollected), ad arie arabeggianti (lndn lvs n), tentativi trance (hgh freqncy smb) ed altri al limite ambient (cld sndy evenng). Un viaggio tra spirali di beat cosmici.
******************************************
(solo frcture)
Ci vuole del coraggio a mettersi a fare un disco di musica elettronica ritmica oggi. Il rischio di replicare il già fatto e già sentito è dietro l`angolo: se alzi i BPM al massimo e tiri accelerate sui beat stai imitando Aphex Twin, ti metti a scarnificare tutto all`osso abbondando coi riverberi e sembri Plastikman, scomponi le ritmiche all`inverosimile ed ecco gli Autechre, oppure vai in bassa battuta, pompi sui bassi ed ti dicono che gli Scorn lo fanno da quindici anni. E così via. Ovvio che sto semplificando molto, e che ce ne sarebbero a migliaia di altri esempi e sotto esempi; in più anche per altri generi si potrebbero dire cose analoghe, ma per certo nel 2008 prendere in mano dei sequencer è un atto un poco incosciente. Pare però che Valerio Zucca Paul e Andrea Ferraris [è caro amico e scrive su queste pagine: lo dico a scanso di sentirmi dire `e ci credo che parli bene del disco, ci vai a letto con quello lì´] se ne siano allegramente fregati nel generare questi 49 minuti di beat e sommesse melodie che affiorano sullo sfondo.
Hanno fatto bene, perché il risultato è quello di un disco che mantiene una sorprendente omogeneità pur non aggrappandosi a nessuno dei succitati schemi, dove le ritmiche pescano sì dal drill, dall`elettronica minimale, dal dub, ma sempre senza adagiarsi su stilemi precotti e già abusati. Abbiamo così qualcosa che ricorda i mitici PCM (Blck Crss Shde e Recmpsng the Frctre, uno dei momenti migliori del disco, quasi allegra), la roba di stampo U-Cover, Lackluster in primis (Smll Prts Recollected e Lce), nonché i suddetti Scorn, periodo “Evanescence”, ma torturati sotto uno strato di distorsori (Lndn Lvs N).
Il disco contiene anche episodi meno identificabili, come la lunga traccia conclusiva, forse il pezzo meno riuscito del disco, fatta salva la bellissima coda isolazionista che – con la sua chitarra effettatissima - potrebbe ricordare certi momenti dei meravigliosi Seefeel, nonché poi la bellissimaHgh Freqncy Smb, traccia che con una sorta di ritmo samba fantascientifico riesce a suonare vivace e cattiva allo stesso tempo. È forse questo equilibrio difficile, tra le mazzate sul coppino e le carezze sulla nuca, che il disco riesce a realizzare magnificamente, tanto da potersi dire consigliato anche a chi di Aphex Twin, Autechre, Plastikman, Scorn e compagnia bella ne ha piene le palle.
La musica elettronica è morta, vv l msc elettrnc.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/2/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´