`Ecosphere´

Autore disco:

Antonio Testa & Susana Beatriz Alvear

Etichetta:

EsperimenTribe (I)

Link:

www.giocareconisuoni.it
www.myspace.com/antoniotesta

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2009

Titoli:

1) Rapanui 2) Recuerdos 3) Rajasthan 4)Subterranean Dream 5) Peuls 6) )Dance To Bobo 7) Sealand 8) Maya Prayer 9) Tecnosphere 10) Bamouni Dub 11) Joao 12) Spiritual Water

Durata:

67:59

Con:

Antonio Testa, Susana Beatriz Alvear, Roberto Santoro, Tito Rinesi, Alio Die, Davide Mantovani, Francesco Saverio Porciello, Kayum

World music globalizzata

x Alberto Carozzi

È un'operazione sempre ardita quella di importare nei nostri confini la world music, filtrandola attraverso il proprio vissuto e ponendola infine all'attenzione di orecchie spesso attente, più spesso distratte, esigenti solo nelle cosiddette nicchie, e, pur sempre, occidentali, con tutto quello che comporta nel bene e nel male, fra navigata sete di conoscenza e capricci esotici. Le possibilità naturalmente non conoscono limiti, gli ingredienti, le dosi e il gusto ci restituiscono ogni volta un immaginario rinnovato, soprattutto se, come nel caso di Ecosphere, la contaminazione diventa elemento centrale.
Antonio Testa ha speso grosso modo una vita a ‘giocare con i suoni’, e la produzione di quest'album testimonia la grande dimestichezza raggiunta nel manipolare e combinare ogni tipo di impulso.
Se in altre occasioni Testa ci ha condotti direttamente in esplorazione nel vivo delle sue scoperte, in “Ecosphere” sceglie invece di invitarci nella sua casa e mostrarci un album di ricordi in compagnia dei suoi affetti più cari, a partire dall'incantevole voce di Susana Beatriz Alvear, levigata sulle onde di una musica che scorre in costante fluidità.
Il sound produce senz'altro un effetto più ‘stanziale’ e domestico, sebbene proveniente dagli angoli più nascosti del pianeta. Basti leggere i titoli dei brani per farsi un'idea dell'estrema varietà di spunti che fungono da materia prima, sempre riconoscibili nella sterminata quantità di strumenti acustici suonati dallo stesso Testa, e poi filtrati attraverso costellazioni di synth, riverberi, tappeti di ritmi, droni e trattamenti che ricordano anche se in una forma meno stralunata le imperscrutabili prospettive dei Dead Can Dance.
Gli arrangiamenti sono arricchiti fra l’altro dall'elegante e raffinato contributo di altri illustri ospiti fra cui le chitarre di Francesco Saverio Porciello, le sperimentazioni di Alio Die e le virate sommessamente jazz di Roberto Santoro, Tito Rinesi e Davide Mantovani.
Un disco riuscito nella misura in cui l'ascoltatore sia predisposto ad un'interpretazione per nulla purista ma che sia riflesso della sensibilità di un artista che ha certamente molto da raccontare.
In sostanza mi pare si sia privilegiata la funzione meditativa ed evocativa della musica su quella filologica, anche se a questo ci si arriva attraverso una serie di tappe che ben fotografano i paesaggi sonori di tutte le regioni toccate.
La premura nel costruire un tessuto organico che potesse tenere insieme tutto quanto, oltre a confermare quanto sia dominante la contaminazione di cui si diceva all'inizio, mette in luce ancora una volta la grande attenzione di Antonio Testa verso la potenzialità terapeutica della musica, da sempre al centro della sua attività.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 8/9/2009
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2009 ...

`Nasprias Cave´ // `Utopos´  

`Caves´  

`Breathing gadgets´ // `Alter.tenacio´ // `Irrelevance.aif ´  

`Poets And Pornstars´  

`Branded On My Skin´  

`Letters´  

`Bitter Sweet´ // `Hi Bi No Ne´  

`Interference´ // `Chromatophore´  

`Lili Refrain´  

`Soundpostcards´ // `We Could for Hours´ // `The First Born´  

`A Hull full of Oil´  

`Songs to Defy´  

`Homework´  

`Cascades´  

`Laminae´  

`Songs for Zev Asher Before He's Dead´  

`Merveilles´  

`24 Pictures at an Exhibition, 2005´ // `Licht Himmel´ // `Five Electrical Walks´  

`Lonius´ // `frcture´  

`Hated By Butterflies´ // `Research´  

`Domenica 12 ottobre in Melbourne´  

`Rmxd By Daniele Brusaschetto´  

`Lifeline´  

`The Harmony Of Contradictions´  

`Where has it gone, all the beautiful music of our grandparents? It died with them, that’s where it went...´  

`I Noitasi Inoi´  

`Kane-i-kokala´  

`Cheap Material Music´ // `The Bujùn Freak Show´ // `Voodoo Rewark & Video´  

`Money’s On Fire´  

`10 Taxonomical Movements´ // `Animali´  

`Invite The Spirit 1983´ // `Invite The Spirit 2006´  

`Beyond Quantum´  

`Pink Violin´  

`Fortune´ // `Arezzzo, Libreria Universitaria Leggere / 23 Ottobre 2008´  

`Il Debutto´  

`Schönberg Pierrot Lunaire – Cheap Imitation´ // `Volksmusik´  

`Casa´  

`The Silence Of Love´ // `Faces In The Rocks´  

`Revolutionary Ensemble´  

`Jeff Carey´s MoHa!´ // `One-Way Ticket To Candyland´  

`Helium Bliss´  

`Silver Shoals of Light´  

`Out of space festival of performance + sound installation....´  

`4 Sonatas For Electroacoustic Thoughts´  

`Dark Horses EP´  

`The Private Language Problem (New Electro-acoustic Compositions, 2001-2007)´  

`Live At L’Usine´  

`ExAlto´  

`The Rest, I Leave To The Poor´  

`Seductive Sabotage´ // `The Mystery of guests´ // `Rigop Me´  

`Tarlo Terzo´  

`PhonoMetak Split 10-inch Series´ // `Avorio erotic movie´ // `Garage Blu´  

`Experimental Open Session @SPM Ivan Illich´  

`This Coming Gladness´  

`Centre Of Mass´  

`The Footpath´  

`To Extend The Visibility´  

`X-mas party´  

`Gadamer´  

`Lauluja surun kaaresta´ // `Aalto´  

`La Quarta Dimensione´  

`Gariga´ // `Asp/Sec_´  

`Rhaianuledada (Songs To Sissy)´  

`Salvate il mio maglione dalle tarme´  

`Dark Night´  

`120 Midtown Blues´  

`Creek Caught Fire´  

`Night time recordings from Göteborg´  

`Estado Líquido´ // `Armiarmak´  

`Libro Audio´  

`Be Glad You Are Only Human´  

`Great Surround´  

`Musica per un anno´ // `Musica endoscopica´  

`Rumor Vincit Omnia´  

`Po(p)tential´  

`Quartet´  

`IIII\II´  

`xNObbQx / Harshcore split´  

`Between Love and Hate´  

`Tutti i colori del silenzio´  

`Still Life With Commercials´  

`Yuan´  

`Weeds´  

`Musicforshipwrecks´  

`Gala Drop´  

`Patterns of Plants II´  

`Relive´  

`Discard Hidden Layers?´ // `Realgar´  

`On War´  

`An Embassy to Kokus and Korus´  

`The House on the Causeway´  

`Old Red City (Live at Crash)´ // `Gluck Auf´  

`Lendormin Live´  

`Burning With Your Old Joy In The Terminal Sun´  

`Without Sinking´  

`Ci diamo allo sperimentale?´  

`Turra´  

`Sings´  

`Ecosphere´  

`Details not Recorded´  

`Si si´  

`In Field & Town´  

`Supper´  

`The End of the Empire´  

`Porte d’octobre´  

`Bootleg Series I´ // `Bootleg Series II´  

`Canaries on the Pole #2´ // `Clair Obscur´  

`Fire Department and Rescue Squad´  

`Standards (Brussels) 2006´  

`Volume 1´  

`Web Edition Series´ // `Black Corner (After The Beat Sessions)´  

`Stompa og stine´ // `Amber´ // `Le Lieu´ // `New sad epilogue of my nice electronic composer´ // `Copie´  

`Separations´ // `Split CD´ // `Seven Ways´ // `Truth Behind The Curtain´ // `Grains´  

`Facial´  

`Gluck Auf´  

`From Now On´ // `Light´  

`Im Innersten´  

`Ki-date´  

`2008.5.1 Akihabara Club Goodman, Tokyo´ // `Ichi to Ichi ga Kasanatte Shimaumade´ // `Live February 21, 2008´ // `Live DVD Atak Night 3´  

`Miss Dove Mr. Dove´  

`To Be Still´  

`Pappelallee 5´  

`Balera Metropolitana´  

`The Webster Cycles´ // `Occasional Music´  

`Gravida´  

`Amon vs. Mortar´ // `Ustrina´  

`Without You I’m Napping´  

`Success Planetarie International´  

`Ichi to Ichi to Ichi ga Kasanatte shimaumade – Live at Mission’s´  

`Shall I Download A Blackhole And Offer It To You´  

`La vedova di un uomo vivo´  

`Hey! Tonal´  

`Il tempo … tra le nostre mani, scoppiaaaaaaaaaaaaaaaaa!´ // `Eclipse´  

`El osceno pàjaro de la noche´ // `Escape´ // `Live in Oblomova´  

`Conic Folded´  

`Tutto Bano´  

`Collected Works´ // `We could for hours´ // `Thoughts melt in the air´ // `Crash test one´  

`Spiral´  

`Scum From The Sun´  

`Before You Left´  

`Il De’ Metallo´  

`Wounded Breath´  

`I’m Normal, My Heart Still Works´  

`String Quartets [1 & 2]´  

`Local Customs´  

`Class Insecta´  

`Sfortuna´  

`Electronics´  

`Procession Of The Great Ancestry´ // `Compassion´ // `America´  

`The 21st Century Hard-Y-Guide-Y Man´ // `Reverb´ // `Saa Mannakada Donna Kanji´ // `Ashita arufabetto ga, kiete shimaimasu yo ni´  

`Growing Heads Above The Roof´  

`Live at Novarajazz 2009´