`Broken Distant Fragrant´ // `tu m' And The Magical Mystery Orchestra´ // `Lib. Fabric Compilation´

Autore disco:

Steve Roden & tu m' // tu m' // AA.VV.

Etichetta:

Rossbin Production (I) // Aesova (USA) // Fabric (J)

Link:

www.tu-m.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2003

Titoli:

1) Details And Ornaments 2) Flowers Drawn 3) Fountain 4) Geographies 5) Paper Bridges And Small Soft Buildings // 1) Glamour 2) Before The Rain 3) In The Car 4) A Good Morning 5) Dreaming 6) Palpable 7) Singing In The Rain 8) A Strange Coincidence 9) Solar 10) Bye // 1) Tief Herz 2) Listening / 3) Been And Gone 4) Watching Your Shoes 5) Preset #01 (Nimb #22) 6) False Surfer Style 7) Rain Exposure 8) As Is 9) Our Hands 10) Puppies, Grandma & Juanita

Durata:

38:11/ 64:07/ 62:38

Con:

Steve Roden, Rossano Polidoro, Emiliano Romanelli // Rossano Polidoro, Emiliano Romanelli // z_e_l_l_e, Minamo, Motion, tu m', Toshimaru Nakamura, Masahiko Okura, Yoshio Machida, Aero, Kazumi Namba, Alejandra & Aeron

ottimo x tre

per etero genio

Partiamo dal presupposto che i tu m' non valgano nulla, anche se così fosse sono sicuramente stati dei maestri nel gestire, e nel vendere, la propria immagine. Non sono infatti in molti quelli che riescono a carpire un'intera pagina al mensile The Wire. Ripercorriamo un attimo la loro escalation:
un primo C-R preso in distribuzione dalla ReR di Chris Cutler;
un primo CD uscito per la Cut di Jason Kahn; un secondo CD, in vero splendido e per il momento scomparso, che sarebbe dovuto uscire su Ambiances Magnetiques mancato per un pelo;
una compilation a tema su Mp3 (scaricabile gratuitamente) che ha visto aderire nomi storici come Alvin Curran, Hugh Hopper, Carl Stone, Erik Friedlander… e nomi nuovi come Oren Ambarchi, Stephan Mathieu, Vert, Manuel Mota… ma che soprattutto ha fatto conoscere nomi nuovi come quelli di Sawako e Minamo;
la citazione, in un intervista di David Grubbs a La Repubblica, di tale compilation (e dei tu m' stessi) come la più interessante realtà musicale italiana;
la creazione dell'etichetta Mr.Mutt Records, dedicata alla diffusione di registrazioni dal vivo e che, al momento, ha pubblicato tre ottimi CD-R di Scanner, Sogar e Minamo;
e, infine, la pubblicazione su Rossbin di quest'ottima collaborazione con Steve Roden…
tanto di cappello.
Ma torniamo un attimo indietro per cancellare quel presupposto, perché i tu m' hanno ormai dimostrato il loro valore, il loro ingegno e la loro intelligenza in più d'una circostanza, non ultimo nella capacità di assorbire l'abbandono di un elemento valido come Andrea Gabriele (e che fosse valido lo ha poi dimostrato con la bontà del suo progetto mou, lips!). Quindi, la qualità delle loro nuove realizzazioni e il fatto che, in una di esse, collaborino con Roden non sono certo requisiti in grado di rappresentare una sorpresa. La collaborazione con Roden, avvenuta tramite uno scambio di file via mail, è esattamente ciò che promette nelle sue premesse, cioè l'oscurità del californiano sommata al brio degli abruzzesi, e quindi non stupisce ma si dimostra comunque un'operazione di altissimo livello. Nelle note di copertina non sono riportate le caratteristiche dei singoli brani, cioè dov'è che Roden elabora le fonti sonore fornite dai tu m' e viceversa, e quindi le mie supposizioni sono passibili di errore, ma sono propenso a pensare che i pezzi più ritmati e melodici sono causati dalla manipolazione tu m' vs Roden mentre viveversa dovrebbe avvenire per quelli più oscuri e meno ritmati.
Il CD su Aesova, accreditato anche alla fantomatica Magical Mystery Orchestra, è invece molto più stupefacente anche dal punto di vista dell'imprevedibilità. Annunciato come un omaggio alla disco music degli anni Ottanta, nella realtà è poi qualcosa di più: è il disco pop dei tu m', intendendo il termine pop nella stessa accezione assunta da "Endless Summer" di Fennesz, ed è la dimostrazione del loro interesse nei confronti della musica pop contemporanea, da Aphex Twin a Dorine Muraille. Perché questo è un disco del 2003 e non sarebbe potuto uscire in nessun'altra epoca, dal momento che le tecniche usate, l'estetica proposta e il mood sono tipici della contemporaneità. Quindi, non si tratta di rifacimento ma di riscrittura ex novo, o di reinterpretazione. "Tu m' and The Magical Mystery Orchestra" è un disco intrigante e divertente, e quella dedicata al suo ascolto è davvero un'ora trascorsa in piacevole compagnia. Non mi stupirei se vendesse un sacco di copie, e ne sarei felice per i tu m' anche se, devo dire, tale eventualità mi preoccupa un po', dal momento che potrebbe portare i due a sclerotizzarsi e a perdere così la frenesia, la curiosità e la voglia di sperimentare nuove soluzioni che li hanno fin qui accompagnati.
La marcia inarrestabile del duo abruzzese prosegue imperterrita con la partecipazione a "Lib.", una compilation veramente ben fatta, ovvero uno di quei rari casi di compilation a cui i musicisti tengono davvero proponendo, quindi, il meglio della loro produzione e non gli avanzi. I nomi presenti sono tutti validi, e fa piacere trovare ben due realtà italiane su un totale di 10 aderenti. Oltre ai tu m' ci sono infatti gli z_e_l_l_e, Maurizio Martusciello e Nicola Catalano, con un brano molto elaborato in bilico fra minimal techno e sonorità ricche d'echi in attenuazione. Le tracce più stupefacenti sono però rappresentate da un estatico esempio di malinconica psichedelia dei Minamo, per l'occasione più impegnati sul sax che sulla chitarra, e da una meravigliosa performance di Masahiko Okura a base di clarinetto basso sfiatato e di tasti pestati a vuoto. Notevoli sono anche Motion, con i suoni profondi e quasi catacombali dei suoi ritmi technoidi, e il sempre eccelso Toshimaru Nakamura, il cui brano si scinde in una fase più convulsa e un'altra più rilassata e silenziosa. Infine direi di Alejandra and Aeron, i proprietari dell'etichetta Lucky Kitchen, che con il loro incredibile montaggio mi fanno ripensare a Un caddie renversé dans l'herbe, e mi fanno riflettere sul fatto che in Spagna sta emergendo una musica elettro-elettronica affatto particolare e con caratteristiche piuttosto tipicizzanti.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 9/3/2004
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2004 ...

`A Compressed History of Everything Ever Recorded,Vol.1´  

`Ala.Cali.Tucky´  

`Allt Hänger Samman´  

`A Movie Without Images´  

`Aprotic´  

`Archival 1991´  

`Arc, Live @ SWR Freiburg – 18.04.00´ // `Land, Live @ Rausch - 05.11.02´  

`Ataxia´  

`A Temperament For Angels´ // `From Shelter´ // `The City The Wind Swept Away´ // `Los Tigres De Marte´  

`Atlanta´  

`A Tribute´  

`Bananafish #17´  

`Berlin Strings´  

`Black American Flag´  

`Black Immure (Music from the Casa de Serralves in Twelve Phases)´  

`Blues Du Jour´  

`Brackwater´  

`Bridges´ // `Building Blocks´  

`Broken Distant Fragrant´ // `tu m' And The Magical Mystery Orchestra´ // `Lib. Fabric Compilation´  

`Bucato´  

`Cancroregina´  

`Cesura´  

`Chemistry´  

`Chris Forsyth, Chris Heenan´  

`Città Sottili / Slender Towns´  

`Compositions For Guitars´  

`Contre-plongée [six cuts for string quartet]´  

`Cough´  

`Costarring From Cherry Farm 01´  

`Creature Comforts´ // `Miles of Smiles´  

`Cuatro + Vocal Recordings´  

`Delay On My Pillow´ // `L’incandescence de l’étoile´ // `La neige attend la neige´  

`Dell’universo assente´  

`Des Gestes Défaits´ // `63 Apparitions´  

`Destinations´  

`Die Instabilität der Symmetrie´  

`Die Zeit. Eine Gebrauchsanweisung. / Entleibung (Part 1, Part 3)´  

`Disc 1 + [Inherited And Partially Transmitted]´  

`Div/orce Series 1´  

`djTRIO´  

`domizilvsantifrostlive´ // `Encyclopedia-RW´  

`Dorsal´ // `7X4X7´ // `Tidszon´  

`Dripping´  

`Drive By´  

`Drums Along The Pacific´  

`Durch Und Durch´  

`E_A.Sonata.02´  

`EN´  

`Enomísossab´  

`EP C´  

`Eruption´  

`Escape Songs´  

`Europe 2002´  

`Fata Morgana´  

`Fire Chorus´  

`Flashlight Seasons´  

`Floating Point´  

`Flux´  

`For The Time Being´  

`Friendly Fire´  

`Further Consequences Of Reinterpretation´  

`Garage#5 - Zwischen Bild und Ton´  

`Giorgio Rigon´  

`Harmonica F’ever´ // `Albúmina Blues´ // `North And South Neutrino´ // `Live In Chicago´ // `Whistling Kettle Quartet´ // `10.000 Chickens Symphony´  

`Hikari Yami, Uchitokeaishi, Kono Hibiki´ // `Koko´ // `This Melting Happiness - Want You To Realize That It Is Another Trap´  

`Hudson Riv´  

`Ianus´ // `Aus Freien Stücken´  

`If night is a weed and day grows legs´  

`Immaterial 2´  

`In Attesa, nel labirinto´  

`Interaktionen´  

`I/O´  

`Iris´  

`Janna´  

`January´  

`....Just Arrived´  

`Kesto´  

`Lat_Nc´  

`La vera macchina d’argento´ // `Medves´  

`Law Speed´  

`Lead Singer´  

`Le Désastre. L’Humanité! (Monochrome Block Circuits)´ // `Maternage, part-object, contingency, casuality, horrible memories, negation ... & blind!´  

`Le spectre de la rose´  

`Lesson No. 1 [Bonus Track]´  

`Like A Packed Cupboard But Quite…´ // `Now There’s A Weird Taste In My Mouth´  

`Live At Audio Art Festival 03´  

`Live at Cafe Independants – Friday 23 January 2004´  

`Lost Marbles´  

`Louden Up Now´  

`Mammal Class´  

`March(e)ingegno Sonoro´  

`Material´ // `3e Jour´  

`Memoirs Of Four Discarded Objects´  

`Metafonie´  

`Miles Mix Files´ // `La città è piccola di notte e mi sento un cane´ // `2=X´  

`Mit Dem NMUI in so 36 '79´  

`Moltitudine in labirinto´  

`Momentan Def.´  

`More Gloom, More Light ´ // `Nmperign + Dorner, Beins´ // `We devote every effort to offer you the best that you deserve to have for your enjoyment´  

`Mount Washington´ // `Team Up´  

`Mujo´  

`Musica Reticolare´  

`My Favorite Strings´  

`N'ecoutez Pas On´  

``Next´ Let’s Try Changing The Shape´ // `Black Blues´ // `Black Blues´ // `Undecided´  

`No Furniture´  

`No man put asunder´ // `(untitled 7-inch)´  

`No Need To Be Lonesome´  

`North Six´ // `Never Give Up On The Margins Of Logic´  

`Not Overtly Orchestral´  

`Nu Frequency´  

`Oberfläechenspannung´  

`Object Set And Motion´  

`Objects 1, 2, 3, 4, 5 e 6´  

`One Mutant Minute: Based On Noto's 747´  

`Organ And Silence´  

`Organic Resonance´  

`Papercuts´ // `Jon Mueller, Bhob Rainey & Jim Schoenecker´  

`Parallel Easters´  

`Pea Soup´  

`Pigs Of The Roman Empire´  

`Pink Shark´ // `The Planet: Transport´ // `TV Pow. Powerful Friends And Devoted Lovers´  

`Plans´  

`Pollen´  

`Polvere´  

`Prakriti´ // `Transmutations´  

`Process And Passion´  

`Product´  

`Product 02´  

`Q´ // `Which Side Are You On´  

`Quatro-Eronic-Occupy Theme’s Part II´  

`Quien Sabe?´  

`Radiale´  

`Radio Amor´  

`Rampotanza Grodo Rempelente´ // `Sosina Arada Mica´  

`Real Hair´ // `Behind The Barber´  

`Reazioni pilomotorie´  

`Recorded Live At EF Gallery/Bar, March 18th, 2004´  

`Red v Green´  

`Rejoicing In The Hands´  

`Rhythm Science: Excerpts and Allegories from the Sub Rosa Audio Archive'  

`River Through Howling Sky´  

`rjctd::nw´  

`Room With Sky´  

`Rosolina Mar´ // `EAReNOW´  

`Rostock - Namur´  

`Rubble 1´  

`Rumeur´  

`Rumors... Of War´  

`Sachiko M & Sean Meehan´  

`Sedia´  

`Semi Peterson´  

`Sguardi Sonori 2004´  

`Six Residua´  

`Skadha'  

`So In Love´  

`Solo [3]´ // `Percussionist Songs´ // `Miramar´ // `Berlin Drums´  

`Songs For Nicolas Ross´  

`Soundchambers´  

`Space Hymn – The Complete Capitol Recordings´  

`Stella del mare´  

`Stille Post´  

`Still Important Somekind Not Normally Seen (Always Not Unfinished)´  

`Strange Love´  

`Summerisle´  

`Sung Tong´  

`Superfici Sonore #3: IXEM – Firenze 25 26 27 Giugno 2003´  

`Tape/Operette – opera remixes´  

`Ten´  

`Tesa Musica Marginale´  

`The Allegorical Power Series Volume VII, December 2003´  

`The Bolomo Mogal F Hits´  

`The Collected Poem For Blind Lemon Jefferson´  

`The Complete 10-inch Series From Cold Blue´  

`The Dessert´  

`Themes´  

`The Power Of Del te´  

`The Psyche´  

`The Real New Fall LP (Formerly `Country On The Click´)´  

`The Sweetness Of The Water´  

`The Thing Like Us´  

`The Third Mind´  

`The Well Of Memory´  

`Three Overpopulated Cities Built By Short-Sighted Planners, An Unbalanced And Quite Dangerous Airport And An Abandoned Church´  

`Tiger Trush´ // `Funny Rat´ // `48´ // `Loose Community´ // `Bon Voyage!´  

`Time-based Landascapes´  

`Tirets´ // `Intimations´ // `Three Tracks´  

`To Be An Animal Of Real Flesh´  

`Trebly´ // `Live At The Nervous Center´  

`Trios´  

`Two Novels: Gaze / In The Cochlea´  

`Unstable Friends´  

`Untitled#150´  

`Venice´  

`Void´ / `Full´  

`Vokál´  

`Weather Report´  

`Weightless Animals´  

`Welcome To My World´  

`Wet Summertime Bodies Play Harps Inside Snow Banks´  

`Why Everything Ended Here?´  

`Würm´  

`You Fail Me´  

`Young Prayer´  

`Yours Gray´  

`Yuletide´ // `Forcefields And Constellations´  

`Zehn Tage (Touka)´  

`13 Friendly Numbers´  

`18 Monkeys On a Dead Man’s Chest´  

`2CD´  

`2 Foot Yard´  

`(As Is Started.. Before Konwn)´  

`Σ / Frühruin´