`The Allegorical Power Series Volume VII, December 2003´

Autore disco:

AA.VV.

Etichetta:

Antiopic (US)

Link:

www.antiopic.com

Formato:

Mp3

Anno di Pubblicazione:

2003

Titoli:

1) Out With The Cold 2) Flicker 3) Aphasia 4) Tragictable 5) Interior Designs 6) Fuck The Polis 7) Daisy_Snippet 8) Velatropa 24.3 9) No Title 10) The Last Night 11) New York Pulse 12) Lilienthalers 13) Nach Allem Was Ich Liebe Duftest Du 14) Meditation 15) History Erased

Durata:

81:85

Con:

Kaffe Matthews / Steinbrüchel / Anthony Pateras and Robin Fox / Blevin Blectum / The Debt / Ateleia and David Daniell / erikm / Barry Weisblat / Annette Krebs / Loren Connors / Sinistri / Andrew Burnes / Alessandro Bosetti / Anna Ghallo, Ryan Smith and Chuck Bettis / C.Rosenau, J.Schoenecker and J.Warchol

una rivelazione

x sergio eletto

La 'Antiopic' è un'etichetta indipendente americana. Da poco tempo a questa parte, oltre ad aver pubblicato notevoli lavori di David Daniell, Diork Workman e degli Ultra-Red, ha inaugurato una serie di compilation dal titolo "The Allegorical Power Series", tutte liberamente scaricabili in formato mp3. La fonte d’ispirazione che ha dato via al progetto è ricercare nuove strade possibili all'interno della musica elettronica astratta e concreta, nonché una maggiore presa di coscienza riguardo diverse problematiche sociali e politiche (guerra, lavoro e disagi generali...). Il volume di Dicembre (purtroppo, sembra essere l'ultimo della serie) non poteva aprirsi meglio. E' l'innovativa Kaffe Matthews a firmare il primo brano, Out With The Cold. Nato da un connubio del theremin con alcuni microfoni, la dolce Kaffe, come al solito, usa come materiale di ricerca suoni e (r)umori catturati dai propri spazi performativi. Un brano per certi versi acuto, dove spicca il lato più introverso dell'artista. Bene chiarisce questa oscurità, il luogo di registrazione: l’Experimental Intermedia di New York dove ad essere di casa è Phil Niblock.
Lo svizzero Steinbrüchel, al contrario, si lascia ammaliare da scenari più rilassati e quieti. Architetta il tutto basandosi su suoni presi in prestito dalle corde dell'amico Tomas Korber. Musica d'ambiente, che permea nell'apparato uditivo sottilmente senza frastuoni particolari. Reminescenze di Schütze-iana memoria, dei propri meandri, dove sonorità liquide e avvolgenti fanno da pennello ad un'opera metafisica. Inconsueta accoppiata, invece, questa di Anthony Pateras con Robin Fox. Il primo in pieno flirt con una scuola compositiva di stampo elettroacustica ed un disco fresco di stampa per la Tzadik. Il secondo, apparentemente distante da strutture complesse e vicino agli ambienti dancefloor (Detroit?) . Va detto, comunque, che i due hanno stretto un sodalizio già da tempo, firmando un album intero intitolato "Coagulate". Bizzarra o no, l'unione dà frutti più che convincenti. Come poter definire Aphasia… un collage frastagliato? Un'audace compressione di registrazioni taglienti e fugaci?
L' irruente velocità ritmica, con cui il pezzo si articola verso l'esplosione finale (un'istantaneo scontrarsi di samples vocali), lo piazza tra i brani più riusciti della compilation e ci convince a ricercare al più presto altro materiale dei due.
Lasciata a casa la fedele compagna Kevin Blechdom, l'estroversa Blevin Blectum scansa per il momento anche l'abito di terrorista sonora, dal facile piglio nel suo mood. 'Tragictable' sono ben 9:48 minuti dove a confluire vi troviamo svariati spunti (logica idm, beeps, field recordings...), e tutti alla fine sfociano in un unico grande calderone dai toni onirici. Cartolina che diventa sognante quando sia la melodia che il ritmo raggiungono all'unisono la vetta massima. Mai stato un grande fan di questi outsiders americani, invaghiti del digitale e della propria carica distorsiva, ma l'emotività (ballabilità!?) intravista alla fine riesce a cambiarmi idea per un attimo.
The Debt altro non sono che gli Ultra-Red impegnati in un progetto di sostegno sociale rivolto alla comunità di Dublino. Musica che, nonostante la forte componente digitale presente, suona semplice e anche un pò scontata. Fuck The Polis, titolo provocatorio e dal taglio genuinamente punk, quello scelto da David Daniell (in piena attività come chitarrista dei San Augustin) e Ateleia. Fastidi sparsi qua e là (probabilmente merito di Ateleia) si contrastano con stratificazioni ambientali cristalline come l'acqua (e qui, si sente la mano di Daniell). Sono i successivi brani firmati da Erikm e Barry Weisblat ad affrontare strutture più complesse. Il turntablist francese in Daisy_Snippet segue la strada, intrapresa da tempo, di un melange tra musica concreta, minimalismo ed elettronica di ultima generazione. In questo caso li fonde dando forma ad un unica scultura sonora affatto invasiva. Velatropa 24.3 di Weisblat gode di un assemblaggio a mo' di cut up. Momenti altalenanti tra riduzione minima dello spessore sonoro e getti frastagliati di beeps nudi e crudi.
Peccato, invece, che il contributo offerto dalla cara Annette Krebs duri troppo poco, limitandosi a sfiorare i 3 minuti. Sia chiaro la durata è minima, ma vale un eternità. Siamo ormai, piacevolmente abituati, nonché attratti dalla sublime ‘scarnezza’ con cui armeggia, modificando o no, la chitarra. La nostra, per l'occasione, modella un telaio fatto di armonici sussurrati, i quali con parsimoniosa solerzia fanno fatica ad incontrarsi l'uno con l'altro.
A questo punto incontrare la figura di Loren (Mazzacane) Connors mi sembra leggermente fuori luogo, viste le proposte uditive avute sin ad ora. Sempre a suo agio nel creare tramite la chitarra (e qualche marchingegno in fase di registrazione) lande profondamente malinconiche. Rimangono sempre la notte, il senso di solitudine, i pensieri più reconditi, il nero ed il blues i mondi che ama sondare il vecchio Loren. Non posso evitare di constatare una sua maestria in tutto ciò, anche perchè sono diversi gli anni in cui il musicista ha affrontato una ricerca sulla carica nostalgica ed intimista del proprio strumento.
New York Pulse è la prima occasione che si ha di udire il suono degli Starfuckers dopo il cambio di nome in Sinistri. Il nome muta, ma la sostanza (per fortuna!!!) rimane identica. Algebrici, felini, veri artigiani nel (de)costruire strutture (a)ritmiche. Una perfetta (dis)equazione tra vuoto assoluto (scabroso) e rumore grezzo. Arrivati a Andrew Burnes (anch'egli parte integrante del trio San Augustin) bisogna gridare al piccolo miracolo. In effetti, dopo ripetuti ascolti, Lilienthalers sfodera la sua cangiante bellezza. Una brillantezza che rispecchia, sia un'ode al minimalismo più recente (penso ai drones di Phil Niblock e Charlemagne Palestine) che all'avant folk americano. Il blues di John Fahey, la ventata delle nuove leve di Pelt, Vibracathedral Orchestra e, perdonatemi l'azzardo, l'incantevole immaginario di Paris Texas con la propria colonna sonora firmata da Ry Cooder. Un'altra chicca, ma anche il piacere di rincontrare il fautore, è Nach Allem was ich liebe duftest du di Alessandro Bosetti. Pochi elementi e di una semplicità disarmante. La struttura ossea articolata da Bosetti consiste in qualche microfono, un giro di loop ed una voce... magnifica!!! Una nenia che trascende la realtà abbracciando, seppur in poco tempo, un alone di misticità. Facile farsi prendere dall'idea di qualche sciamano alle prese con i suoi riti in pieno deserto. In chiusura troviamo la voce di Anna Ghallo recitare (sembra un vero e proprio reading) ipnoticamente, accompagnata dai laptops di Ryan Smith e Chuck Bettis in Meditation e un altro trio composto da Chris Rosenau Jim Schoenecker e Jim Warchol. Di questi ultimi è History Erased, un ritorno al glitch nella sua forma più ingenua e fresca. Considerato il formato, e la facile accessibilità da parte di tutti, non porre subito rimedio nell'accaparrarsi questo, con gli altri volumi offerti dall'Antiopic, equivale ad un vero e proprio sacrilegio nei confronti della buona musica e di chi la crea senza scendere a compromessi con qualsiasi tipo di mercificazione.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/6/2004
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2004 ...

`A Compressed History of Everything Ever Recorded,Vol.1´  

`Ala.Cali.Tucky´  

`Allt Hänger Samman´  

`A Movie Without Images´  

`Aprotic´  

`Archival 1991´  

`Arc, Live @ SWR Freiburg – 18.04.00´ // `Land, Live @ Rausch - 05.11.02´  

`Ataxia´  

`A Temperament For Angels´ // `From Shelter´ // `The City The Wind Swept Away´ // `Los Tigres De Marte´  

`Atlanta´  

`A Tribute´  

`Bananafish #17´  

`Berlin Strings´  

`Black American Flag´  

`Black Immure (Music from the Casa de Serralves in Twelve Phases)´  

`Blues Du Jour´  

`Brackwater´  

`Bridges´ // `Building Blocks´  

`Broken Distant Fragrant´ // `tu m' And The Magical Mystery Orchestra´ // `Lib. Fabric Compilation´  

`Bucato´  

`Cancroregina´  

`Cesura´  

`Chemistry´  

`Chris Forsyth, Chris Heenan´  

`Città Sottili / Slender Towns´  

`Compositions For Guitars´  

`Contre-plongée [six cuts for string quartet]´  

`Cough´  

`Costarring From Cherry Farm 01´  

`Creature Comforts´ // `Miles of Smiles´  

`Cuatro + Vocal Recordings´  

`Delay On My Pillow´ // `L’incandescence de l’étoile´ // `La neige attend la neige´  

`Dell’universo assente´  

`Des Gestes Défaits´ // `63 Apparitions´  

`Destinations´  

`Die Instabilität der Symmetrie´  

`Die Zeit. Eine Gebrauchsanweisung. / Entleibung (Part 1, Part 3)´  

`Disc 1 + [Inherited And Partially Transmitted]´  

`Div/orce Series 1´  

`djTRIO´  

`domizilvsantifrostlive´ // `Encyclopedia-RW´  

`Dorsal´ // `7X4X7´ // `Tidszon´  

`Dripping´  

`Drive By´  

`Drums Along The Pacific´  

`Durch Und Durch´  

`E_A.Sonata.02´  

`EN´  

`Enomísossab´  

`EP C´  

`Eruption´  

`Escape Songs´  

`Europe 2002´  

`Fata Morgana´  

`Fire Chorus´  

`Flashlight Seasons´  

`Floating Point´  

`Flux´  

`For The Time Being´  

`Friendly Fire´  

`Further Consequences Of Reinterpretation´  

`Garage#5 - Zwischen Bild und Ton´  

`Giorgio Rigon´  

`Harmonica F’ever´ // `Albúmina Blues´ // `North And South Neutrino´ // `Live In Chicago´ // `Whistling Kettle Quartet´ // `10.000 Chickens Symphony´  

`Hikari Yami, Uchitokeaishi, Kono Hibiki´ // `Koko´ // `This Melting Happiness - Want You To Realize That It Is Another Trap´  

`Hudson Riv´  

`Ianus´ // `Aus Freien Stücken´  

`If night is a weed and day grows legs´  

`Immaterial 2´  

`In Attesa, nel labirinto´  

`Interaktionen´  

`I/O´  

`Iris´  

`Janna´  

`January´  

`....Just Arrived´  

`Kesto´  

`Lat_Nc´  

`La vera macchina d’argento´ // `Medves´  

`Law Speed´  

`Lead Singer´  

`Le Désastre. L’Humanité! (Monochrome Block Circuits)´ // `Maternage, part-object, contingency, casuality, horrible memories, negation ... & blind!´  

`Le spectre de la rose´  

`Lesson No. 1 [Bonus Track]´  

`Like A Packed Cupboard But Quite…´ // `Now There’s A Weird Taste In My Mouth´  

`Live At Audio Art Festival 03´  

`Live at Cafe Independants – Friday 23 January 2004´  

`Lost Marbles´  

`Louden Up Now´  

`Mammal Class´  

`March(e)ingegno Sonoro´  

`Material´ // `3e Jour´  

`Memoirs Of Four Discarded Objects´  

`Metafonie´  

`Miles Mix Files´ // `La città è piccola di notte e mi sento un cane´ // `2=X´  

`Mit Dem NMUI in so 36 '79´  

`Moltitudine in labirinto´  

`Momentan Def.´  

`More Gloom, More Light ´ // `Nmperign + Dorner, Beins´ // `We devote every effort to offer you the best that you deserve to have for your enjoyment´  

`Mount Washington´ // `Team Up´  

`Mujo´  

`Musica Reticolare´  

`My Favorite Strings´  

`N'ecoutez Pas On´  

``Next´ Let’s Try Changing The Shape´ // `Black Blues´ // `Black Blues´ // `Undecided´  

`No Furniture´  

`No man put asunder´ // `(untitled 7-inch)´  

`No Need To Be Lonesome´  

`North Six´ // `Never Give Up On The Margins Of Logic´  

`Not Overtly Orchestral´  

`Nu Frequency´  

`Oberfläechenspannung´  

`Object Set And Motion´  

`Objects 1, 2, 3, 4, 5 e 6´  

`One Mutant Minute: Based On Noto's 747´  

`Organ And Silence´  

`Organic Resonance´  

`Papercuts´ // `Jon Mueller, Bhob Rainey & Jim Schoenecker´  

`Parallel Easters´  

`Pea Soup´  

`Pigs Of The Roman Empire´  

`Pink Shark´ // `The Planet: Transport´ // `TV Pow. Powerful Friends And Devoted Lovers´  

`Plans´  

`Pollen´  

`Polvere´  

`Prakriti´ // `Transmutations´  

`Process And Passion´  

`Product´  

`Product 02´  

`Q´ // `Which Side Are You On´  

`Quatro-Eronic-Occupy Theme’s Part II´  

`Quien Sabe?´  

`Radiale´  

`Radio Amor´  

`Rampotanza Grodo Rempelente´ // `Sosina Arada Mica´  

`Real Hair´ // `Behind The Barber´  

`Reazioni pilomotorie´  

`Recorded Live At EF Gallery/Bar, March 18th, 2004´  

`Red v Green´  

`Rejoicing In The Hands´  

`Rhythm Science: Excerpts and Allegories from the Sub Rosa Audio Archive'  

`River Through Howling Sky´  

`rjctd::nw´  

`Room With Sky´  

`Rosolina Mar´ // `EAReNOW´  

`Rostock - Namur´  

`Rubble 1´  

`Rumeur´  

`Rumors... Of War´  

`Sachiko M & Sean Meehan´  

`Sedia´  

`Semi Peterson´  

`Sguardi Sonori 2004´  

`Six Residua´  

`Skadha'  

`So In Love´  

`Solo [3]´ // `Percussionist Songs´ // `Miramar´ // `Berlin Drums´  

`Songs For Nicolas Ross´  

`Soundchambers´  

`Space Hymn – The Complete Capitol Recordings´  

`Stella del mare´  

`Stille Post´  

`Still Important Somekind Not Normally Seen (Always Not Unfinished)´  

`Strange Love´  

`Summerisle´  

`Sung Tong´  

`Superfici Sonore #3: IXEM – Firenze 25 26 27 Giugno 2003´  

`Tape/Operette – opera remixes´  

`Ten´  

`Tesa Musica Marginale´  

`The Allegorical Power Series Volume VII, December 2003´  

`The Bolomo Mogal F Hits´  

`The Collected Poem For Blind Lemon Jefferson´  

`The Complete 10-inch Series From Cold Blue´  

`The Dessert´  

`Themes´  

`The Power Of Del te´  

`The Psyche´  

`The Real New Fall LP (Formerly `Country On The Click´)´  

`The Sweetness Of The Water´  

`The Thing Like Us´  

`The Third Mind´  

`The Well Of Memory´  

`Three Overpopulated Cities Built By Short-Sighted Planners, An Unbalanced And Quite Dangerous Airport And An Abandoned Church´  

`Tiger Trush´ // `Funny Rat´ // `48´ // `Loose Community´ // `Bon Voyage!´  

`Time-based Landascapes´  

`Tirets´ // `Intimations´ // `Three Tracks´  

`To Be An Animal Of Real Flesh´  

`Trebly´ // `Live At The Nervous Center´  

`Trios´  

`Two Novels: Gaze / In The Cochlea´  

`Unstable Friends´  

`Untitled#150´  

`Venice´  

`Void´ / `Full´  

`Vokál´  

`Weather Report´  

`Weightless Animals´  

`Welcome To My World´  

`Wet Summertime Bodies Play Harps Inside Snow Banks´  

`Why Everything Ended Here?´  

`Würm´  

`You Fail Me´  

`Young Prayer´  

`Yours Gray´  

`Yuletide´ // `Forcefields And Constellations´  

`Zehn Tage (Touka)´  

`13 Friendly Numbers´  

`18 Monkeys On a Dead Man’s Chest´  

`2CD´  

`2 Foot Yard´  

`(As Is Started.. Before Konwn)´  

`Σ / Frühruin´