`No man put asunder´ // `(untitled 7-inch)´

Autore disco:

The Hafler Trio // The Hafler Trio & Ditterich Von Euler-Donnersperg

Etichetta:

Die Stadt (D)

Link:

www.brainwashed.com/h3o
www.diestadtmusik.de

Formato:

CD // 7-inch

Anno di Pubblicazione:

2003

Titoli:

1) Not An Acquisition 2) That Which Preys, Emerging From The Dark 3) The Smell Of A Land 4) Through, Over And Near The Skin 5) Tape In Place, Active 6) Confluence Of Three States 7) Tip // 1) Water (Episode 2) 2) Die Klagegesänge des kleinen Fritz

Durata:

67:59 // 18:29

Con:

Andrew McKenzie // Andrew McKenzie, Ditterich Von Euler-Donnersperg

il ritorno di una rana spiumata

per paolo ippoliti

Ormai se ne sono accorti tutti: Andrew McKenzie è tornato. Meno di un anno fa circolava questo messaggio sulla mailing list dell' H3O, digitato di suo pugno, dove spiegava la sua difficile e rischiosa condizione medica (epatite autoimmune), la mancanza di assistenza per questa condizione, e la necessità di pubblicare suoi lavori inediti per etichette oneste, per sperare di garantirsi in questo modo i soldi necessari a pagare cure e l'eventuale sopravvivenza. L'appello è stato accolto, e gli ultimi mesi hanno visto una discreta quantità di suoi lavori vedere la luce del giorno. Per fortuna.
Andrew è tornato: e sono tornate le sue note criptiche, i suoni incredibili e le costruzioni labirintiche, dischi che 'spaccano' nel vero senso della parola. Cominciamo con "No Man Put Asunder: 7 Fruitful And Seamless Unions", secondo di una trilogia che va a seguire il precedente "Cleave: 9 Great Openings", e che come questo, usa un drone massiccio come sua voce. Nel corso dell'unica traccia (i sette titoli, le fruttuose unioni che trovate trascritte poco sopra, si riferiscono infatti ad altrettanti testi stampati nel booklet) un singolo suono possente di provenienza misteriosa, si agita e scardina, austero, gigantesco, a tratti commentato da fantasmi di passaggio nella fascia media dello spettro: pareti che tremano nella stanza, metalli che vibrano e risuonano in sintonia, come una macchina per produrre poltergeist l'ascolto di questo disco ad un alto volume finisce per trasformare l'ambiente in cui viene effettuato. Idealmente più vicino a Phil Niblock che ai suoi vecchi lavori, anche in una forma solo apparentemente lineare l'ermetismo dell'Hafler Trio persiste, diventa vivo, invade lo spazio, unica creatura intoccabile, quanto di più vicino al monolito di "2001: Odissea nello spazio" sia stato tradotto in puro suono. E restiamo allibiti, testimoniando, per parafrasare il testo che accompagna il disco, 'lo squarcio' (nella realtà) 'che lascia entrare la luce, la manifestazione che non possiede un luogo, eccetto quello dove è impossibile piazzarla'.
Nel sette pollici, invece, diviso per metà con Ditterich Von Euler-Donnersperg, poeta concreto tedesco già noto per una sua gustosa collaborazione con i Column One, McKenzie mostra una delle altre decine di facce del suo lavoro: nel corso di una singola traccia, una voce, forse la sua, parla, probabilmente registrata attraverso una bottiglia, e lo strano filtraggio che si viene a creare la screma e satura, la camuffa, rendendo il testo di difficile intelligibilità: e ti trovi a rimettere la puntina sull'inizio, una, dieci, cento volte, ognuna delle quali convinto di aver afferrato quello che va dicendo, parola per parola. Riascolti un'altra volta per ricontrollare, ma di nuovo le cose cambiano, e ricominci da capo. Forse la trasformazione alchemica della quale la voce parla è intesa come un evento esclusivamente cerebrale, o forse il segreto che si annida in quelle parole, incerte come sembrano e stentorée nella parte di sè che offrono all'orecchio, sta proprio lì, pronto per essere agguantato, così nascosto da stare in bella mostra, alla portata di un semplice ascolto illuminante.
Nell'altro lato Von Euler-Donnersperg, avendo lasciato la poesia concreta nelle mani di McKenzie, si diletta a camuffare e smantellare un suono come in un vecchio pastiche surreale alla Nurse With Wound: e nel giro di una decina di minuti si passa dall'apocalisse pre-millenaria allo stemperarsi in zone più liminali, contraltari di rapide bordate in stile INA-GRM ed ammicchi parapsichedelici accennati di sfuggito, microscopici omaggi a deliranti momenti kraut e stranite fornaci da vecchio industrial, il tutto usando un singolo sample di coro femminile, apparentemente - forse un compendio ideale per quello che risiede nel mistero dell'altro lato.
Lasciatemi infine salutarlo, questo ritorno dell'Hafler Trio: perchè ora che è effettivo, mi sono accorto che ne sentivo la mancanza. E spero, in cuor mio, che duri ancora a lungo, 'il biglietto lasciato fuori alla porta prima che il resto della casa si svegli'.
E adesso, svegliatevi.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 31/1/2004
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2004 ...

`A Compressed History of Everything Ever Recorded,Vol.1´  

`Ala.Cali.Tucky´  

`Allt Hänger Samman´  

`A Movie Without Images´  

`Aprotic´  

`Archival 1991´  

`Arc, Live @ SWR Freiburg – 18.04.00´ // `Land, Live @ Rausch - 05.11.02´  

`Ataxia´  

`A Temperament For Angels´ // `From Shelter´ // `The City The Wind Swept Away´ // `Los Tigres De Marte´  

`Atlanta´  

`A Tribute´  

`Bananafish #17´  

`Berlin Strings´  

`Black American Flag´  

`Black Immure (Music from the Casa de Serralves in Twelve Phases)´  

`Blues Du Jour´  

`Brackwater´  

`Bridges´ // `Building Blocks´  

`Broken Distant Fragrant´ // `tu m' And The Magical Mystery Orchestra´ // `Lib. Fabric Compilation´  

`Bucato´  

`Cancroregina´  

`Cesura´  

`Chemistry´  

`Chris Forsyth, Chris Heenan´  

`Città Sottili / Slender Towns´  

`Compositions For Guitars´  

`Contre-plongée [six cuts for string quartet]´  

`Cough´  

`Costarring From Cherry Farm 01´  

`Creature Comforts´ // `Miles of Smiles´  

`Cuatro + Vocal Recordings´  

`Delay On My Pillow´ // `L’incandescence de l’étoile´ // `La neige attend la neige´  

`Dell’universo assente´  

`Des Gestes Défaits´ // `63 Apparitions´  

`Destinations´  

`Die Instabilität der Symmetrie´  

`Die Zeit. Eine Gebrauchsanweisung. / Entleibung (Part 1, Part 3)´  

`Disc 1 + [Inherited And Partially Transmitted]´  

`Div/orce Series 1´  

`djTRIO´  

`domizilvsantifrostlive´ // `Encyclopedia-RW´  

`Dorsal´ // `7X4X7´ // `Tidszon´  

`Dripping´  

`Drive By´  

`Drums Along The Pacific´  

`Durch Und Durch´  

`E_A.Sonata.02´  

`EN´  

`Enomísossab´  

`EP C´  

`Eruption´  

`Escape Songs´  

`Europe 2002´  

`Fata Morgana´  

`Fire Chorus´  

`Flashlight Seasons´  

`Floating Point´  

`Flux´  

`For The Time Being´  

`Friendly Fire´  

`Further Consequences Of Reinterpretation´  

`Garage#5 - Zwischen Bild und Ton´  

`Giorgio Rigon´  

`Harmonica F’ever´ // `Albúmina Blues´ // `North And South Neutrino´ // `Live In Chicago´ // `Whistling Kettle Quartet´ // `10.000 Chickens Symphony´  

`Hikari Yami, Uchitokeaishi, Kono Hibiki´ // `Koko´ // `This Melting Happiness - Want You To Realize That It Is Another Trap´  

`Hudson Riv´  

`Ianus´ // `Aus Freien Stücken´  

`If night is a weed and day grows legs´  

`Immaterial 2´  

`In Attesa, nel labirinto´  

`Interaktionen´  

`I/O´  

`Iris´  

`Janna´  

`January´  

`....Just Arrived´  

`Kesto´  

`Lat_Nc´  

`La vera macchina d’argento´ // `Medves´  

`Law Speed´  

`Lead Singer´  

`Le Désastre. L’Humanité! (Monochrome Block Circuits)´ // `Maternage, part-object, contingency, casuality, horrible memories, negation ... & blind!´  

`Le spectre de la rose´  

`Lesson No. 1 [Bonus Track]´  

`Like A Packed Cupboard But Quite…´ // `Now There’s A Weird Taste In My Mouth´  

`Live At Audio Art Festival 03´  

`Live at Cafe Independants – Friday 23 January 2004´  

`Lost Marbles´  

`Louden Up Now´  

`Mammal Class´  

`March(e)ingegno Sonoro´  

`Material´ // `3e Jour´  

`Memoirs Of Four Discarded Objects´  

`Metafonie´  

`Miles Mix Files´ // `La città è piccola di notte e mi sento un cane´ // `2=X´  

`Mit Dem NMUI in so 36 '79´  

`Moltitudine in labirinto´  

`Momentan Def.´  

`More Gloom, More Light ´ // `Nmperign + Dorner, Beins´ // `We devote every effort to offer you the best that you deserve to have for your enjoyment´  

`Mount Washington´ // `Team Up´  

`Mujo´  

`Musica Reticolare´  

`My Favorite Strings´  

`N'ecoutez Pas On´  

``Next´ Let’s Try Changing The Shape´ // `Black Blues´ // `Black Blues´ // `Undecided´  

`No Furniture´  

`No man put asunder´ // `(untitled 7-inch)´  

`No Need To Be Lonesome´  

`North Six´ // `Never Give Up On The Margins Of Logic´  

`Not Overtly Orchestral´  

`Nu Frequency´  

`Oberfläechenspannung´  

`Object Set And Motion´  

`Objects 1, 2, 3, 4, 5 e 6´  

`One Mutant Minute: Based On Noto's 747´  

`Organ And Silence´  

`Organic Resonance´  

`Papercuts´ // `Jon Mueller, Bhob Rainey & Jim Schoenecker´  

`Parallel Easters´  

`Pea Soup´  

`Pigs Of The Roman Empire´  

`Pink Shark´ // `The Planet: Transport´ // `TV Pow. Powerful Friends And Devoted Lovers´  

`Plans´  

`Pollen´  

`Polvere´  

`Prakriti´ // `Transmutations´  

`Process And Passion´  

`Product´  

`Product 02´  

`Q´ // `Which Side Are You On´  

`Quatro-Eronic-Occupy Theme’s Part II´  

`Quien Sabe?´  

`Radiale´  

`Radio Amor´  

`Rampotanza Grodo Rempelente´ // `Sosina Arada Mica´  

`Real Hair´ // `Behind The Barber´  

`Reazioni pilomotorie´  

`Recorded Live At EF Gallery/Bar, March 18th, 2004´  

`Red v Green´  

`Rejoicing In The Hands´  

`Rhythm Science: Excerpts and Allegories from the Sub Rosa Audio Archive'  

`River Through Howling Sky´  

`rjctd::nw´  

`Room With Sky´  

`Rosolina Mar´ // `EAReNOW´  

`Rostock - Namur´  

`Rubble 1´  

`Rumeur´  

`Rumors... Of War´  

`Sachiko M & Sean Meehan´  

`Sedia´  

`Semi Peterson´  

`Sguardi Sonori 2004´  

`Six Residua´  

`Skadha'  

`So In Love´  

`Solo [3]´ // `Percussionist Songs´ // `Miramar´ // `Berlin Drums´  

`Songs For Nicolas Ross´  

`Soundchambers´  

`Space Hymn – The Complete Capitol Recordings´  

`Stella del mare´  

`Stille Post´  

`Still Important Somekind Not Normally Seen (Always Not Unfinished)´  

`Strange Love´  

`Summerisle´  

`Sung Tong´  

`Superfici Sonore #3: IXEM – Firenze 25 26 27 Giugno 2003´  

`Tape/Operette – opera remixes´  

`Ten´  

`Tesa Musica Marginale´  

`The Allegorical Power Series Volume VII, December 2003´  

`The Bolomo Mogal F Hits´  

`The Collected Poem For Blind Lemon Jefferson´  

`The Complete 10-inch Series From Cold Blue´  

`The Dessert´  

`Themes´  

`The Power Of Del te´  

`The Psyche´  

`The Real New Fall LP (Formerly `Country On The Click´)´  

`The Sweetness Of The Water´  

`The Thing Like Us´  

`The Third Mind´  

`The Well Of Memory´  

`Three Overpopulated Cities Built By Short-Sighted Planners, An Unbalanced And Quite Dangerous Airport And An Abandoned Church´  

`Tiger Trush´ // `Funny Rat´ // `48´ // `Loose Community´ // `Bon Voyage!´  

`Time-based Landascapes´  

`Tirets´ // `Intimations´ // `Three Tracks´  

`To Be An Animal Of Real Flesh´  

`Trebly´ // `Live At The Nervous Center´  

`Trios´  

`Two Novels: Gaze / In The Cochlea´  

`Unstable Friends´  

`Untitled#150´  

`Venice´  

`Void´ / `Full´  

`Vokál´  

`Weather Report´  

`Weightless Animals´  

`Welcome To My World´  

`Wet Summertime Bodies Play Harps Inside Snow Banks´  

`Why Everything Ended Here?´  

`Würm´  

`You Fail Me´  

`Young Prayer´  

`Yours Gray´  

`Yuletide´ // `Forcefields And Constellations´  

`Zehn Tage (Touka)´  

`13 Friendly Numbers´  

`18 Monkeys On a Dead Man’s Chest´  

`2CD´  

`2 Foot Yard´  

`(As Is Started.. Before Konwn)´  

`Σ / Frühruin´