`Voice Of Seven Woods´

Autore disco:

Voice of seven woods

Etichetta:

Twisted Nerve (GB)

Link:

www.twistednerve.co.uk/
voiceofthesevenwoods.com/
www.myspace.com/voiceofthesevenwoods

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Sand and flame 2) Satai Nova 3) The fire in my head 4) Silver morning branches 5) Second transition 6) Valley of the rocks 7) Under water journey 8) Return from byzantium 9) The smoking furnace 10) Dusk cloud

Durata:

34:52

Con:

Rick Tomilson

Quando il folk incontra la psichedelia e la passione delle cose semplici

x Salvatore Borrelli

Fin dall'inizio, e chiaramente, il percorso artistico di Voice of Seven Woods si scolpiva come popolato da diverse influenze, correnti, metodi,in un andirivieni complesso e sempre incantato sul punto di partenza. Sia dalla prima apparizione sulla scena Rick Tomilson si è pluralizzato in diversi 7", EP, e lavori che, fino a questo momento, potevano definirsi 'forest folk' nell'accezione anche più nobile, e tutti questi lavori sono stati sempre cosparsi di semplicità ed amore puro per la musica. Tuttavia, questo disco, targato 2007 è, semmai, anche il primo vero disco, o almeno, quello che taglia di netto con la produzione assai 'confinante' di Rick. Contattai l'artista alcuni medi addietro, per una cosa che sarebbe poi dovuta confluire in un articolone mai portato a termine. Dalle influenze tangibili mi citò: Gräs och Stenar, Mark Fry, Os Mutantes, Popol Vuh ed Alice Coltrane, e chiaramente, la 'rottura' con i materiali prodotti fin ora, fa sì che emergano influenze più psichedeliche, e meno legate al fingerpicking classico, che comunque, anche in questi lavoro si respira a pieni polmoni. Della sua passione per il folk, sappiamo che la madre di Rick è pianista e che la prima chitarra l'ha impugnata che era un ragazzino; sappiamo anche che la terza lezione di chitarra fu decisiva a fargli lasciare lo studio e che la maggioranza delle accordature non derivano né da un'intonazione consapevole né da una vera e propria ricerca sull'accordatura; e questa mancanza di teoria tecnica è un connubio persistente di tutta la scena che più o meno vive attorno all'approccio sonoro di Blackshaw, del cui gruppo, forse è l'unico musicista 'giovane' erede della tradizione di Basho ad avere frequentato degli studi più teorici. In quell'intervista molto informale, Rick mi parlava dei suoi interessi sonori che si muovevano tra Jerry Johansen, Wooden Wand, Hush Arbours Ueno Takashi e Mick Flower e già si sentivano umori di cambiamento ed aggiornamenti drastici. Si tratta, il suo, di un processo creativo assai arzigogolato; concentrato su alcune manciate di ep dall'inesorabile fascino trasversalista come si trattasse di piccoli zoom su certi meandri dell'avant-folk: dalle diramazioni elettroacustiche-psichedeliche dei venti minuti di "The far golden peak one", di chitarra elettrica ed istanze noise, con alcune trovate piuttosto sghembe come il feedback iniziale e l'ultima trionfale marcia di grancassa; all'utilizzazione di strumenti nord-indiani presenti nel 7" "Kfamadaki Yagin - Karanlik Nehir", dove già convivevano in maniera necessaria le spinte del disco che stiamo qui recensendo. Per non parlare di "The journey" dove alcuni echi claptoniani si levavano come gocce d'acqua di una Homeboy dei nostri giorni in un pezzo magistrale come 3am, Home o nella title-track che sembrava uscita da una collisione tra Greg Weeks ed altri tempi sepolti. Ma Rick ha toccato punte di bellezza infinite con "Winter's temper", dove gli arpeggi di chitarra del primo pezzo serpenteggiavano con un Sitar fino alla lunga cavalcata conclusiva. Nei meandri del Nu-Folk, la musica di Voice of Seven Woods ha una conoscibilità unica: lunghi giri di chitarra, che spesso ascendono ed ascendono su scale indiane con incastri armonici e minori; riutilizzazione in chiave modulare di strumenti con risonanze assai allungate (in particolare il Sitar) che spesso prolungano il gioco degli accordi chitarristici; un inedito uso delle percussioni, assai poco usato in questo genere di musica, che o invadono il pezzo nell'esatta metà rinforzandone il gioco psichedelico, o tendono a sdoppiarlo per portarlo su altri meccanismi ritmici; l'uso della voce in un terzo dei pezzi.

Il disco "Voice of seven woods", non a caso, ha il medesimo titolo del moniker; è come se ripartisse da tutti questi elementi e sia i timidi 35 minuti del disco, che forse il primo tentativo di organizzare un filo narrativo all'interno di una musica che ha toccato diversi lidi, ne fanno di questo lavoro la prima differenza singolare. Dusk Cloud si organizza tutta intorno ad una chitarra maestosa e poetica, con un disperato filo di voce da sfondo; Sand & Flames dà sfogo alla nuova psichedelia dell'attuale: una psichedelia che si muove tra correnti ancestrali ed impulsi mediorentali; come gli arpeggi che si ripetono nella cosmica Satai Nova. E la perfezione arriva come una coltellata nell'infinita meraviglia e sconvolgimento di Silver morning branches, un pezzo disperato, struggente ed amoroso, che da solo surclassa su tutto il disco e lancia anche un ponte sulle infinite possibilità che Rick ha dalla sua. Un cantato che ricorda i primi esperimenti pinkfloydiani ed una cavalcata interna fatta di percussioni e chitarra che è tra le più significative che io ricordi. E poi viene certamente l'omaggio a John Fahey, sia perché Valley of the Rocks stava bene in uno di quei dischi, sia perché chiarisce a chi non l'avesse capito, che costruire Folk significa anche costruire un linguaggio sorprendente e ricamare con semplicità delle architetture a volte gelide e talvolta attraversate da una prospettiva sempre più inosservabile. Un'altra meraviglia, stavolta hendrixiana viene dai due minuti e qualcosa della folle Under water journey: un vero trip drogatissimo, così chiaramente sezionata e panpottata tra due casse come quella monofonia storica che tutto questo perbenismo sonoro o tutto questo andazzo del 'va bene la prima' hanno fatto dimenticare. Appare un presagio la medesima registrazione: accorta e contemporaneamente spontanea, dove ci capita di sentire l'urto di una mano nella grancassa… e questo linguaggio sorprende dal momento che queste note sono il frutto di un'anima e non di un tasto pigiato né di un synth autogenerativo in tempi come questi, dove chiunque può registrare dieci dischi l'anno e sentirsi protagonista del proprio dispendio.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/3/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´